cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 510, 511, 512 ... 694, 695, 696  Successivo
Autore Messaggio
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6692
MessaggioInviato: Ven 16 Mag, 2014 13:55    Oggetto:   

A proposito di viaggi ne tempo io ho letto "Dove gli angeli temono di avventurarsi" di Steele. Godibile incursione nel tema. La versione Delos continee anche un altro romanzo breve del predetto "Morte di Capitan Futuro"; anche questo una piccola chicca (pare scritta da Kruangi T. F)

P.S.
Però vorrei sentire qualche cosa da chi ha letto "Il circo dei gatti di Vishnu" di McDonald Ian.
L'ho finito ieri. Mi ha coinvolto il ritmo e mi è piaciuto molto lo stile. Ma la storia ho fatto fatica ad "inquadrarla".
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Ff0rt
Morlock
Messaggi: 70
Località: Napoli
MessaggioInviato: Ven 16 Mag, 2014 21:07    Oggetto:   

Sto rileggendo il mio libro - se posso permettermi - dal momento che mi sono appena arrivate le copie a stampa Laughing
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6692
MessaggioInviato: Sab 17 Mag, 2014 19:13    Oggetto:   

Letto "Nessun uomo è mio fratello" di Clelia Farris.
Ottimo romanzo "distopico" ma non troppo che consiglio caldamente.
In un Paese Asiatico di un futuro prossimo, ma imprecisato, a tutti gli individui giuni ai 12 anni compare un simbolo v o C su qualche parte del corpo, che li connota come Vittime o Carnefici.
Dal punto di vista legislativo le due categorie hanno anche differenti livelli di tutele sociali. Ma soprattutto è l'approccio tra le persone ad essere diverso. Nel Paese ad ogni Vittima corisponde tra l'altro un Carnefice che volendo - gli "abbinamenti" non sono noti e gli incontri talvolta sono casuali anche se a volte c'entra la consanguineità - la può uccidere.
Ne consegue che talvolta la vita degli individui sia "condizionata" da detto status (segreto per legge). Parimenti i connotati caratteriali delle persone inducono gli altri a fare congetture su quale simbolo si nasconda sotto i vestiti o tra le pieghe della pelle.
Ma si può essere vittime o carnefici solo in ragione di un marchio sulla pelle?
E se si ha un'indole "contrastante" con questa sorta di ruolo che uno scherzo genetico assegna?
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
incognito
Ameboide amorfo
Messaggi: 1
MessaggioInviato: Dom 18 Mag, 2014 20:13    Oggetto:   

:roll:book: IL POPOLO CHE PERSE LE STELLE di Giovanni Mongini--
L'ho avuto per caso,,bè, semplicemente fantastico!!!! la copertina lascia un po' a desiderare, ma come si dice...mai giudicare un libro dalla copertina!!!
Lo consiglio a tutti!!!veramente bello.
Meldon
Agguantatore a strisce
Messaggi: 16
Località: Genova
MessaggioInviato: Mar 20 Mag, 2014 14:00    Oggetto:   

Continua la mia iniziazione alla Fantascienza con:
"Antologia del bicentenario" saltando i racconti già letti in "Tutti i miei Robot".
Asimov mi sta piacendo parecchio e credo che continuerò con "Abissi d'acciaio".
Ho anche la "Svastica sul sole" di Dick e in effetti sono un po' indeciso...
Fedemone
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2180
MessaggioInviato: Mer 21 Mag, 2014 13:10    Oggetto:   

Antha ha scritto:

Però vorrei sentire qualche cosa da chi ha letto "Il circo dei gatti di Vishnu" di McDonald Ian.
L'ho finito ieri. Mi ha coinvolto il ritmo e mi è piaciuto molto lo stile. Ma la storia ho fatto fatica ad "inquadrarla".


Se vedi un tot di post precedenti do la mia opinione a riguardo. Cmq anche io sono rimasot un po' spiazzato alla fine. Infatti, manca una "trama", o quanto meno uno scopo die protagonisti. Alla fine l'ho inquadrato come una sorta di biografia, dov enon c'è lezione, morale o scopo, ma è solo immaignifica. Forse è un po' sterile si può dire ma anche "l'opera al nero" della Yourcenaire mi diede questa sensazione, visto che la biografia di un filoso naturalista. Alla fine si sente un grande senso di vuoto, di incompiuto ma temo che sia l'insoddisfazione umana ad una narraizone non consolotoria, come la storia di una vita.
MILES VORKOSIGAN
Trifide Trifide
Messaggi: 210
MessaggioInviato: Mer 21 Mag, 2014 13:41    Oggetto:   

Immerso in GUERRA ETERNA di Joe Haldeman
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6692
MessaggioInviato: Mer 21 Mag, 2014 13:47    Oggetto:   

Fedemone ha scritto:
Antha ha scritto:

Però vorrei sentire qualche cosa da chi ha letto "Il circo dei gatti di Vishnu" di McDonald Ian.


Se vedi un tot di post precedenti do la mia opinione a riguardo. Cmq anche io sono rimasot un po' spiazzato alla fine. Infatti, manca una "trama", o quanto meno uno scopo die protagonisti. Alla fine l'ho inquadrato come una sorta di biografia, dov enon c'è lezione, morale o scopo, ma è solo immaignifica.

Sono andato indietro - credo sino a ottobre o a pag 419 giù di lì - ma no nho trovato il post (solo un vago accenno al libro in un altro).
Peraltro mi sono accorto che hai commentato diversi libri (sottilette? mi pare li hai chiamati) che ho commentato anche io.
Devo dedurre che hai beneficiato anche tu dell'offerta Delos.
Tra i diversi che ho letto, l'autrice che più mi ha colpito è la Kress (Atto primo, Mendicanti in Spagna, Trattamento D, Connessione).
Alla prossima
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Meldon
Agguantatore a strisce
Messaggi: 16
Località: Genova
MessaggioInviato: Gio 22 Mag, 2014 16:02    Oggetto:   

Ok... sto procedendo a gonfie vele... dopo "Tutti i miei robot" e "Antologia del bicentenario" di Asimov, sto leggendo "La svastica sul sole" di Dick.
Inizialmente ho trovato un po' di difficoltà perché non sempre ho capito quale fosse la voce narrante... poi sono entrato in quel "mondo alternativo" e mi sta piacendo veramente tanto. I personaggi sono molto ben caratterizzati.
Dovevo mettermi prima a leggere un po' di fantascienza Razz
Fedemone
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2180
MessaggioInviato: Ven 23 Mag, 2014 11:04    Oggetto:   

Sì ho approfittato anche io, ched ocn un amico ci siamo presi ben 50 libri, di cui 30 il sottoscritto. Letti da mo' oramai Smile
Uhmm mi sembrava di averlo commentato, ma nel caso mi sbaglio. Cmq la qualità in genere è stata molto alta e i Gatti di Vishnù mi è piaciuto

In assoluto ritardo rispetto l'uscita di F&SF, visto che l'altro giorno ho preso il numero 9 di Aprile (beh è cmq uscito pochi giorni fa, e siamo a metà maggio) ma tra lavoro e cazzi vari il tempo personale è sempre minore. Riesco a leggerne am non a scriverne, se non sporadicamente. Spero cmq possa servire a qualcuno, a me chiarisce un po' le idee su cosa ho letto affinché anche una lettura di evasione possa avere una sua profondità e dignità d'analisi (se ne possiedo le capacità!).
SI parte in quarta con un racconto del grande Ellison con il grande Sturgeon, di parecchi anni fa ma rimasto inedito come la maggior parte della produzione del primo. La sua genesi molto travagliata è descritta nell'editoriale, e racconta l'immaginifica catastrofe provocata da un mago moderno letteralmente in preda ai suoi demoni personali. Forse un po' datato nel suo complesso ma immaignifico; la cosa che più mi è dispiaciuta è che pur avendo creato un neologismo così forte, il fabbro di rune che dà il titolo all'opera, niente è descritto sulla forgiatura di parole. peccato avrebbe potuto essere una riflesisone sula parola e la sua forza, ricorda tra l'altro l'omaggio di T.S. Elliot a Ezra Pound, "il miglior fabbro".
Il vulcanico Paul Di Filippo invece satireggia su quale eugenitica verrebbe facendo sposare modelle frustrate con bizzarri ma gentili e premurosi scrittori di fantascienza. Ovviamente amore a prima vista, matrimonio combinato dalle loro case editrici e... La stirpe del futuro!
Il racconto di Chilson "Antico quanto la metà del tempo", dal titolo ssai evocativo è un fantasy molto sui generis, che si concentra su un unico episodio anziché costruire un mondo: tutto il retroscena e l'azione sono fuori dal racconto, ch eè l'incontro del protagonista con l'ultimo immortale del pianeta, a mo' di risolutore. Il tutto suona misterioso, anche se il nocciolo della questione è in fondo banale e la soluzione nulla di particolare, si dovrebbe forse leggere in maniera più instrospettiva per un essere che ha vissuto più del dovuto. Non eccezionale ma particolare.
La "notte delle lucciole" di Dale Finney ricorda il Farnheit 451 ed essendo molto breve ho detto pure troppo...
C'era una Mare di Finney è un racconto morale e un racconto del mistero, che si toglie la soddisfazione dei suoi piccoli colpi di scena riuscendo a calarlo in un contesto molto quotidiano.
Invece Il Corteggiamento di Kate O'Farey è l'ironica e divertente cronaca di cosa accade quando si scontrano le favole e il fantasy con... le difficoltà reali di tutti i giorni! Credete davvero che andrà tuto per il meglio? Cmq molto piacevole.
Infine, Rito di Passaggio del duo Knutter e L.Moore: bel racconto, anche se un po' pedante (in fondo è scritto nel '56) in qunato ripropone in chiave narrativa la teoria antropologica di Van Gennep sul funzionamento tribale della magia, qui collocato in un futuro che si riprende dalla catastrofe. Fin troppo didascalico nelle sue spiegazioni, mettendole in primissimo piano rispetto all'ambientazione. Paradossalemnte trovo più coinvolgenti i saggi di antropologia stessi che a costruzioni del genere, pur pregevoli.Se fosse innestato in un contesto di maggior respiro (certo Metropolitan di Walter Jon Williams è ben oltre a venire), o certe cose più suggerite/dedotte rendendo il tutto più letterario, ne sarebbe uscito un capolavoro assoluto.

Per il resot, la grafic interna è buona anche se stavolta non sempre in linea coi racconti stessi, mentre la copertina è notevole. Le dimensioni ovviamente sacrificano il disegno – speriamo anche che si vari il tema, per ora sempre e solo femminile


Ho finito anche Le Ossa della Terra di Swanwick. Non avendo letto il racconto originale posso cmq dire ch eil romanzo è molto buono, ottimi personaggi particolarmnte curati psicologimente, e una conoscenza dei dinosauri molto approfondita. COndiamoci i viaggi nel tempo (e pure scene di paleopoliamorismo che piacerebbero alla Nigula!) e abbiamo concluso il tutto, che ha pure un paio di psuedo colpi di scena finali.

Ora sono alle preso con Universo Desrto di Harrison, pur non avendo letto i due libri precedenti. Parecchio complesso...
Dr. Weir
Icona moderna Icona moderna
Messaggi: 9012
Località: Santa Mira
MessaggioInviato: Ven 23 Mag, 2014 14:22    Oggetto:   

[quote="Antha"][quote="Fedemone"]
Antha ha scritto:

Però vorrei sentire qualche cosa da chi ha letto "Il circo dei gatti di Vishnu" di McDonald Ian.



http://www.fantascienza.com/forum/viewtopic.php?t=19672
Superman came from Cleveland and changed the world
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6692
MessaggioInviato: Sab 24 Mag, 2014 10:45    Oggetto:   

[quote="Dr. Weir"][quote="Antha"]
Fedemone ha scritto:
Antha ha scritto:

Però vorrei sentire qualche cosa da chi ha letto "Il circo dei gatti di Vishnu" di McDonald Ian.



http://www.fantascienza.com/forum/viewtopic.php?t=19672

Ecco: ho battuto il colpo Very Happy
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Meldon
Agguantatore a strisce
Messaggi: 16
Località: Genova
MessaggioInviato: Gio 29 Mag, 2014 00:01    Oggetto:   

Ok... proseguo nella lettura...
dopo essermi dilettato con:
"Tutti i miei robot" di Asimov
"L'uomo del bicentenario" di Asimov
ho finito ieri "La svastica sul sole" di Dick.
per orsa mi butto su una lettura molto leggera ma carina:
"Storie di giovani mostri" un'antologia di racconti sulle mutazioni, curata da Asimov... niente di eccezionale ma caruccia
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6692
MessaggioInviato: Gio 29 Mag, 2014 13:41    Oggetto:   

Ho letto "Palinsesto" di Charles Stross.
Un'organizzazione definita Stasi fa e disfa nel tempo (contato nell'ordine dei miliardi di anni e più) la storia della Terra
Mi azzardo a definirlo "fantascienza allo stato puro".
A volte mi capita di scorrere storie che ancora mi sorprendono per l'enormità dell'incredibile che prospettano. Nonostante i 40 e passa anni che leggo il genere.
Nel suo piccolo questa è una di quelle.
Formidabile ed anche apprezzabile da questo punto di vista.
Anche se a conti fatti non pienamente in linea con i miei gusti in quanto oggettivamente, totalmente privo di un qualsivoglia "potrebbe anche essere"
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 8832
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 30 Mag, 2014 09:14    Oggetto:   

Concordo, "palinsesto" è uno dei miei libri preferiti riguardo i viaggi nel tempo. L'ho adorato sia per la storia che per lo stile narrativo.
La descrizione della "fine" dell'universo mi ha messo i brividi.
Sto aspettando di leggere qualcos'altro di Stross...
Discutere con certe persone è come giocare a scacchi con un piccione. Puoi anche essere il campione del mondo, ma il piccione farà cadere tutti i pezzi, cagherà sulla scacchiera e poi se ne andrà camminando impettito come se avesse vinto lui.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 510, 511, 512 ... 694, 695, 696  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum