Omicidio al Cairo


Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 15980
Località: Padova
MessaggioInviato: Mar 27 Ago, 2019 11:04    Oggetto: Omicidio al Cairo   

Questo è un buon poliziesco: una famosa cantante viene trovata morta e, si sa da subito, il mandante è un parlamentare e l’autore un uomo dello Stato. Il poliziotto protagonista si troverà ad indagare un caso difficile, dato che presto si vorrà che tutto venga insabbiato. E fin qua, buon film, da sette, ben recitato, ben costruito.
Ma questo è anche un film politico, un’accusa di fatto alla situazione egiziana da parte di un regista che da tempo vive nel Nord Europa. Ecco dunque che la polizia è raffigurata così com’è, un’accozzaglia di delinquenti, gente che prende il pizzo dalla popolazione (peraltro incline a ritenere il tutto come una normalità), poliziotti che fregano i soldi dai deceduti ammazzati o dagli interrogati, una società marcia fino al midollo, dove tutti sono prepotenti con i deboli e leccaculo coi potenti, dove vai avanti perché conosci qualcuno di importante o sei imparentato (il protagonista è il nipote del capo polizia locale), una nazione di merda insomma, dai vertici alla base, dove gli onesti (il padre del protagonista) sono l’unica voce rimasta della coscienza.
E allora politica per politica, ricordiamolo, il vomitevole governo Gentiloni, che tra le varie porcherie fatte riaprì l’ambasciata italiana in Egitto per “dare nuovo slancio alle inchieste su Regeni” quando tutti, da subito, capirono che era una frottola, poi purtroppo confermata, e un modo di mettersi a 90° davanti allo squallido governo egiziano e fare perdere quel poco di dignità che dovrebbe rimanere alle nostre massime istituzioni. Ma per far fare una figura di merda all’Italia e trattarla come una merda (ripetita iuvant) ci si è poi messo anche lo squallido governo Conte, giusto per dare un colpo alla botte e uno al cerchio, che non ha pensato minimamente di avere sussulti di orgoglio ma solo di continuare a essere presi in giro ed essere inculati dagli egiziani per dritto e per rovescio. Vedendo questo film sono ancora più chiare le balle raccontate dalle autorità egiziane, che in fondo non capiranno bene di cosa ci stiamo sorprendendo, se un detenuto è tale senza motivo, poi torturato e ucciso, beh, cosa c’è di strano, si chiederanno i trogloditi laggiù.
Speriamo che il nuovo Governo di fine 2019 richiami immediatamente l’ambasciatore, ma c’è da sperarci poco, direi; se poi mi sono dilungato troppo poi sull’aspetto politico, beh, è un film politico, il regista dipinge la sua ex Nazione molto peggio di me….che cazzo.
Antha
Antha
Messaggi: 5408
MessaggioInviato: Mar 03 Set, 2019 15:53    Oggetto:   

Si buon film. Si svolge alla vigilia dei movimenti di piazza del 2011 che portarono alla caduta del regime di Mubarak... per spianare la strada, come purtroppo spesso accaduto in Medio Oriente in frangenti simili, a governi di forze con matrici confessionali (nel caso specifico furono i fratelli musulmani di Morsi).
P.S. La vicenda Regeni è dolorosa e come padre sono solidale col dolore e il risentimento della famiglia. Bisogna Insistere perché venga fatta chiarezza, a tutti i livelli e da tutti gli attori - di qualsivoglia paese - coinvolti.
Ma se si dovessero chiudere tutte le ambasciate in Stati che non hanno i nostri stessi riferimenti etici o nei quali sono stati compiuti gesti estremi e non pienamente chiariti verso nostri connazionali, ho idea che dovremmo ampiamente ridimensionare le nostre presenze all'estero. 
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri film e telefilm Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum