Il dizionario delle tristezze nascoste


Vai a pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3106
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 18 Set, 2019 09:48    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:
E hai dimenticato lo ZAR...

Ivan Zaytsev?
MessaggioInviato: Mer 18 Set, 2019 11:25    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:
E hai dimenticato lo ZAR...


perfino io non riesco a riempire un post con TUTTI i trivia sull'argomento... Muahahaha!
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1937
MessaggioInviato: Mer 18 Set, 2019 12:54    Oggetto:   

A parte che l'eredità delle lingua latina va da Kaiser a Zar (che si scrive tra l'altro Czar e in latino la C è dura, quindi da leggere chesar) ma non si limita a quello, il senso è l'uso di parole nuove, spesso estere, per definire stati d'animo non facili da aessprimere se non con un  giro di parole coplesso, al limite della poesia.
Riusciremmo ad avere tali emozioni? Il linguaggio è un limite o una risorsa da espandere?
La questione di fondo è più profonda della semplice nozione
MessaggioInviato: Gio 19 Set, 2019 04:40    Oggetto:   

il correttore ortografico dello smarfo vi fa creare parole nuove ma non è poesia intenzionale, solo un errore casuale Muahahaha!
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum