H. G. Wells


Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19244
Località: Padova
MessaggioInviato: Mar 08 Giu, 2021 16:13    Oggetto: H. G. Wells   

Accetto la proposta di Antha e dunque apro la discussione apposita.
Ho letto La macchina del tempo, celeberrima opera di fine Ottocento (1895), di cui tutti, anche il grande pubblico, ne sa qualcosa, non fosse solo per il/i film tratti.

Allora, sentimenti contrastanti. Da un lato, sai di avere a che fare con un libro / mito, una specie di icona della cultura occidentale.
Lo scienziato che costruisce prima un modellino, poi la vera macchina del tempo, per andare prima in un lontanissimo futuro, nell'anno 802.000 e rotti, dove come noto si imbatte negli Eloi e nei Morlocchi (Morlocks in originale) e poi addirittura inoltrarsi nel futuro iperbolico, in cui trova una Terra probabilmente disabitata e in agonia, un pianeta in attesa del colpo di grazia da parte del Sole.
Il racconto al ritorno, poi, il non essere creduto, la ripartenza.
E' un romanzo breve, che però, e lo dico, per larga parte, soprattutto inizialmente, non mi è sembrato essere scritto granchè bene. Non solo, ho trovato insopportabili i pipponi dell'autore sulla sua morale. Però il contenuto, soprattutto nel '95, deve essere sembrato formidabile.
C'è rammarico, perchè con una maccina del tempo è facile andare nell'Ottocento(mila), puoi immaginare quello che vuoi; il rammarco è la visione che avrebbe avuto Wells ambientando il viaggio che so, nel 1995, vuoi mettere.
Va infine ricordato che oggi sarebbe considerata un'opera giovanile dell'autore, dato che la scrisse neanche 30enne, e dunque le considerazioni sulle degenerazioni dell'umanità magari rientrano in una visione da età NON della saggezza.
Comunque, caposaldo e lettura fondamentale, per gli appassionati di SF e non solo.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2934
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 09 Giu, 2021 07:55    Oggetto:   

A me è piaciuta molto la trasposizione della lotta di classe borghese/operaia che ai tempi di Wells era agli albori, nella visione futuristica dove gli operai forzati a lavorare al buio delle fabbriche e delle miniere si trasformavano in morlocchi.
.
Per quel che riguarda il troppo in là nel tempo hai ragione, un Orwell che ti spara un 1984 così è più coraggioso, certo. O anche un Bradbury.


Ultima modifica di Rdaneelolivaw il Mer 09 Giu, 2021 07:59, modificato 1 volta in totale
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2934
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 09 Giu, 2021 07:57    Oggetto:   

Prossimo libro "La guerrra dei mondi" Tobanis?
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19244
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 09 Giu, 2021 15:45    Oggetto:   

In realtà sì e no, prima ho, sempre nello stesso volume, una dozzina di racconti scritti dallo stesso Wells.
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1890
MessaggioInviato: Gio 10 Giu, 2021 08:50    Oggetto:   

HC è appassionato di Wells, se non erro.
Io non mi sento tentato da "i classici", che a parte qualcosina, ho tralasciato.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19244
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 10 Giu, 2021 14:30    Oggetto:   

Io sto facendo una raccolta che non volevo fare, ma il collezionista che è in me ha prevalso. Inconsciamente e consciamente l'ho fatta passare per "La raccolta di classici immortali di mio figlio", i libri sono da subito suoi, che se li è messi in camera e se li sta pure leggendo. Io ho iniziato da poco, col numero uno.

https://www.sololibri.net/I-grandi-maestri-del-fantastico-edicola-titoli-date.html

I volumi, va detto, sono una figata, anche solo come oggetti da feticismo. Costano troppo, e vabbè, sono per il ragazzo, mica per me.
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 7754
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 10 Giu, 2021 16:52    Oggetto:   

Appassionato non lo so. Ho letto la raccolta completa dei romanzi.
1. La macchina del tempo: condivido l'impressione generale, non trovo così castrante il fatto di ambientare il "punto di partenza" in contemporanea. Anzi, da una parte Wells sapeva di poter descrivere esattamente lo stupore di un signore ottocentesco che viaggia nel futuro, ma che cosa poteva dire della cultura di uno di fine novecento? 
2. L'uomo invisibile: mi ha spiazzato.
3. L'isola del dottor Moreau: Bah, niente di che. Forse avevo un'aspettativa enorme dovuta alla sua citazione in altre opere (mi pare fosse Orphan Black?). Noiosetto
4. La guerra dei mondi: Poco a che vedere con le varie trasposizioni cinematografiche, deve essere stato piuttosto sconvolgente per l'epoca, sia per gli alieni provenienti dallo spazio, sia (forse anche soprattutto) per la strage di innocenti che gli invasori perpetrano. Noi novecenteschi che siamo passati attraverso le bombe atomiche abbiamo probabilmente una sensibilità inferiore, ma nell'ottocento? 
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2934
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 11 Giu, 2021 07:08    Oggetto:   

La guerra dei mondi spiazzò non pochi americani quando venne letto in radio, che anno era?
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 7754
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 11 Giu, 2021 09:25    Oggetto:   

'36 o giù di lì mi pare.
Jabbafar
IMPERATORE IMPERATORE
Messaggi: 20344
MessaggioInviato: Ven 11 Giu, 2021 16:13    Oggetto:   

Ho letto l'anno scorso la macchina del tempo e devo dire che mi è piaciuto soprattutto tenendo conto di quando è stato scritto.Pensavo che il racconto fosse molto lungo invece si legge in poco tempo. 
Diversa invece la mio opinione sulla guerra dei mondi mi sembra un poco banalotta e superficiale soprattutto nei personaggi.


la guerra dell'aria l'ho trovato noioso; ho smesso a un terzo del libro
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6085
MessaggioInviato: Ven 11 Giu, 2021 18:03    Oggetto: Re: H. G. Wells   

Tobanis ha scritto:
Accetto la proposta di Antha e dunque apro la discussione apposita....

Ben fatto Tobanis.
Tra l'altro posso confermare che Wells è autore al quale NON è mai stato dedicato un 3D in questa sezione
né generalista sull'autore, né su qualche sua opera (anche se è citato in un 3d del titolo "Viaggi nel tempo" che venne aperto nel 2010 da tal Zyx)
Ora qui si potrà parlare di Wells.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19244
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 14 Giu, 2021 15:29    Oggetto:   

Ho letto i racconti
Il bacillo rubato (incoerente, rapidamente dimenticabile, nulla di che)
Gli Argonauti dell'aria, in cui il nostro Autore, che lo scrisse prima del volo umano, immagina lo stesso in maniera molto complicata, con esiti tragici, e nelle sue considerazioni dice che i morti, per arrivare infine a volare, saranno più di quelli della maggiore guerra....beh, non è stato così, per fortuna, e caro Wells, purtroppo per i tuoi contemporanei, tra non tanto avreste visto le due peggiori guerre di sempre...il racconto comunque non è granchè, azni
Il sorprendente caso della vista di Davidson, il migliore, finora, con venature thrilling, ben pensato e con buone intuizioni, nel quale il protagonista si "vede" dall'altra parte del mondo, anche se col tatto, e di fatto, è qua con i colleghi...
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum