cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 684, 685, 686 ... 691, 692, 693  Successivo
Autore Messaggio
Solaris_666
Trifide Trifide
Messaggi: 225
Località: Roma
MessaggioInviato: Dom 13 Giu, 2021 11:12    Oggetto:   

Letto Anna (2015) di Niccolò Ammaniti



Nel topic delle delusioni il buon Antha, non ne parla bene. "Anna" è una storia post-apocalittica italiana e "all'italiana". Qualche breve pensiero sconnesso.... L'elemento che ho preferito è l'ambientazione siciliana e parte della trama a metà libro. Ciò che ho apprezzato meno è il senso di genericità che lo avvolge. Una volta stabilita la causa dell'apocalisse, segue abbastanza le regole del classico romanzo post-apocalittico, con poche variazioni. Toni pessimisti, ammetto che non mi è del tutto chiaro se Ammaniti avesse in mente un messaggio in particolare da veicolare. Da tre stellette e mezzo comunque perchè alcuni passaggi sono abbastanza memorabili. Io personalmente non lo ho trovato noioso, è una storia veloce da leggere, quel tipo di trama deprimente da "non c'è futuro"
Sono rimasto stupito da quante recensioni in inglese girino di questo libro, solo su Goodreads ce ne sono 131! Ipotizzo sia il libro italiano con temi di fantascienza più noto all'estero insieme a le Cosmicomiche di Calvino...

Avevo una mezza intenzione di aprire un topic chiamato "FANTASCIENZA ITALIANA" dove magari sia più facile recuperare impressioni su libri nostrani evitando però di fare autopromozione. Però allo stesso tempo non vorrei creare l'ennesimo topic che va a morire subito Neutral
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6501
MessaggioInviato: Mar 15 Giu, 2021 11:43    Oggetto:   

 Solaris_666 ha scritto:
Letto Anna (2015) di Niccolò Ammaniti



...
Avevo una mezza intenzione di aprire un topic chiamato "FANTASCIENZA ITALIANA" dove magari sia più facile recuperare impressioni su libri nostrani evitando però di fare autopromozione. Però allo stesso tempo non vorrei creare l'ennesimo topic che va a morire subito Neutral


Ciao Solaris.
La tua idea  interessante.
Nell'attività che sto facendo su questa sezione del forum, ho identificato 6 discussioni che riguardano la Fantascienza italiana. Li dettaglio nel 3d Curiosità e Proposta
Solaris_666
Trifide Trifide
Messaggi: 225
Località: Roma
MessaggioInviato: Ven 18 Giu, 2021 13:14    Oggetto:   

Ri-letto Il satellite proibito (1960) di Algis Budrys



Lo lessi la prima volta quando uscì nei classici Urania circa 30 anni fa, era tra le mie prime, relativamente, letture del genere, mi piacque molto e a lungo lo considerai tra i miei libri preferiti.

E niente... ho sempre timore a ripescare cose che ho tanto apprezzato quando ero piccolo e ragionavo in modo assai più semplice... Recentemente ho trovato anche l'edizione Fanucci che dice di essere "integrale" e ho deciso di ributtarmici. Il Satellite Proibito, del 1960, è il libro più famoso di Algis Budrys e con tutta probabilità il primo moderno a trattare il tema della "Zona", poi affrontato in seguito da testi più noti come "La foresta di cristallo" di Ballard (1966), "Picnic sul ciglio della strada" (Stalker) dei fratelli Strugatski (1972) o il più recente "Annientamento" di VanderMeer (2014).

Il Satellite Proibito è abbastanza breve, la prima metà è forse eccessivamente introduttiva, vengono presentati i personaggi principali con le loro caratteristiche "rigide": c'è l'eroe ombroso e scostante con la moglie mangiatrice di uomini, lo scienziato asociale e altri personaggi secondari... Diciamo che dopo 60 anni, il pezzo forte di questo libro non sono i personaggi. Budrys spesso si dilunga sui suoi pensieri sulle donne, che immagino all'epoca potessero considerarsi progressisti mentre ora ti lasciano quantomeno perplesso. La seconda parte si concentra sulla storia vera e propria ed è molto interessante. Non mi metto a fare spoiler ma in particolare l'ultimo capitolo è abbastanza memorabile, sia per la parte psichedelica che per quella sul dilemma morale che si viene a creare.

E' una lettura veloce e quindi è sicuramente consigliato, in particolare se si riesce a turare il naso sulle interazioni uomo-donna, però è anche vero che stringendo stringendo sarebbe bastato fare un racconto medio lungo per concentrare tutto. Da 4 stellette su 5 perché faccio bilanciare di più la seconda parte alla prima Wink



Tra gli altri romanzi di Budrys, "Incognita Uomo" che non mi era piaciuto granchè e dal quale è stato tratto il film "Who, l'uomo dai due volti" con Elliot Gould.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20243
Località: Padova
MessaggioInviato: Ven 25 Giu, 2021 16:21    Oggetto:   

Senza nessuna voglia ho cominciato questo



di uno scrittore che detesto. Ebbene, sono al 9%, dice il Kindle, e lo detesto sempre più. E lo leggo in inglese, pure.
KSR, ma vaffa'


Ultima modifica di Tobanis il Lun 28 Giu, 2021 07:12, modificato 1 volta in totale
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 8003
MessaggioInviato: Ven 25 Giu, 2021 19:27    Oggetto:   

Per chi non ama KSR, l'unico romanzo abbordabile credo sia Galileo's Dream, un grande omaggio a Galileo. Un libro che dovrebbe essere obbligatorio nelle scuole.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 8003
MessaggioInviato: Sab 26 Giu, 2021 07:34    Oggetto:   

Finito Yesterday's Gone Stagione 1 di Sean Platt e David Wright, letto in originale, ma edito in italia da fanucci, anche se non ho ben capito come sono organizzati i volumi italiani.
Si tratta di un thriller post apocalittico serializzato in 6 libri/stagioni, a sul volta suddivise in episodi.
Il libro ricalca, oltre che nella forma, lo stile e il contenuto di una classica serie tv.
Quindi lettura facile, inizialmente coinvolgente, poi alla lunga ti accorgi che più che raccontare una storia, sembra voler tener all'amo il lettore.
Alla fine di questa prima stagione ti rendi conto che è stato raccontato ben poco e che, ovviamente devi leggere i volumi/stagioni successivi se vuoi avere qualche risposta.
Diciamo che vale il prezzo che l'ho pagato, era gratis Very Happy
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1962
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 09:33    Oggetto:   

Ho finito in manco una settimana (divorato durante le ferie) l'edizione Urania Jumbo de La quinta Stagione.
Essenzialmente un fantasy, e chi lo ha lodato ha fatto molto bene - è un ottimo romanzo, equilibrato e ben scritto (si vede anche un certo sforzo di traduzione).
Personalmente lo consiglio - da qualche parte nel thread c'erano commenti, lo so per certo ( o forse in quello sulle eltture in lingua?) - e posso confermare tutte le impressioni positive. Vediamo di iniziare il secondo volumenpresto e sperarte che il terzo arrivi in tempi umani.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3334
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 10:58    Oggetto:   

Fedemone ha scritto:
Ho finito in manco una settimana (divorato durante le ferie) l'edizione Urania Jumbo de La quinta Stagione.
Essenzialmente un fantasy, e chi lo ha lodato ha fatto molto bene - è un ottimo romanzo, equilibrato e ben scritto (si vede anche un certo sforzo di traduzione).
Personalmente lo consiglio - da qualche parte nel thread c'erano commenti, lo so per certo ( o forse in quello sulle eltture in lingua?) - e posso confermare tutte le impressioni positive. Vediamo di iniziare il secondo volumenpresto e sperarte che il terzo arrivi in tempi umani.

Messo in "Want to read", ma dimmi il primo volume finisce in qualche modo, o è tutto in sospeso?
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1962
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 13:11    Oggetto:   

ha un finale contenuto, molti dubbi sono risolti, dunque rimane l'incognita di come proseguirà (visto che per forza di cose alcune cose sono concluse) se per binari già tracciati o sarà stupirci ancora.
Infatti, se l'idea di base è fondamentalmente semplice, il mondo costruito attorno è complesso, realistico, stratificato e pieno di idee. E un mucchio di idee semplici - e qui ben orchestrate - creano una complessità quasi "naturale".

------ INCISO:
E qui mi viene sempre l'idea, "ma da noi, si sarebbe potuto fare un libro del genere?". In teoria sì, ma nella pratica, vuoi per l'abilità di scrittura (come il cambio di punti di vista con conseguente stile), vuoi per la ricchezza (quando da noi in genere si persegue un'ideuccia singola e poco si azzarda) temo che sia qualcosa ancora davvero al di fuori del panorama italiano....
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 8003
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 14:27    Oggetto:   

Personalmente la vedo come una storia che rende come trilogia.
Sul singolo romanzo, bello, scritto molto bene, ma ho trovato che manca qualcosa.
Però continuo a non capire molto perché sia classificato come fantasy Smile

In generale ho letto tre libri di serie diverse della Jemisin e devo dire che mi pare una scrittrice superba e originale.
Personalmente credo che con l'ultimo The City We Became ha toccato le vette del genere e probabilmente ha superato anche i limiti di genere.
Trovo sia un romanzo in cui anche un lettore non di genere possa trovarci molti spunti di riflessione interessanti.
Jirel
haut-lady
Messaggi: 4407
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 05 Lug, 2021 12:46    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
Personalmente la vedo come una storia che rende come trilogia.
Sul singolo romanzo, bello, scritto molto bene, ma ho trovato che manca qualcosa.
Però continuo a non capire molto perché sia classificato come fantasy Smile

In generale ho letto tre libri di serie diverse della Jemisin e devo dire che mi pare una scrittrice superba e originale.
Personalmente credo che con l'ultimo The City We Became ha toccato le vette del genere e probabilmente ha superato anche i limiti di genere.
Trovo sia un romanzo in cui anche un lettore non di genere possa trovarci molti spunti di riflessione interessanti.

che hai letto?
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 8003
MessaggioInviato: Lun 05 Lug, 2021 14:21    Oggetto:   

The Killing Moon (La Luna che Uccide), che è fantasy di ambientazione orientale, raffinato e particolare.
The Fifth Season (La Quinta Stagione), di cui si parlava sopra e
The City We Became, ancora inedito in italia, che ho visto come un American Gods ai tempi di Black Live Matters.
Infatti abbiamo una storia fantastica con una ambientazione contemporanea che , come il libro di Gaiman, riesamina il "potere" delle masse nei tempi attuali, i concetti di tribù/comunità, etc...
Jirel
haut-lady
Messaggi: 4407
Località: Milano
MessaggioInviato: Mar 06 Lug, 2021 13:12    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
The Killing Moon (La Luna che Uccide), che è fantasy di ambientazione orientale, raffinato e particolare.
The Fifth Season (La Quinta Stagione), di cui si parlava sopra e
The City We Became, ancora inedito in italia, che ho visto come un American Gods ai tempi di Black Live Matters.
Infatti abbiamo una storia fantastica con una ambientazione contemporanea che , come il libro di Gaiman, riesamina il "potere" delle masse nei tempi attuali, i concetti di tribù/comunità, etc...

l'ultimo com'è? American Gods non mi è piaciuto granchè, sappilo
gli altri li ho letti tutti
Sai che "la luna che uccide" ha un seguito? bello, non so quale dei due mi è piaciuto di più
i tre delle stagioni sono post apocalittici, non fantasy, 
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 8003
MessaggioInviato: Mar 06 Lug, 2021 21:35    Oggetto:   

Jirel ha scritto:
Nirgal ha scritto:
The Killing Moon (La Luna che Uccide), che è fantasy di ambientazione orientale, raffinato e particolare.
The Fifth Season (La Quinta Stagione), di cui si parlava sopra e
The City We Became, ancora inedito in italia, che ho visto come un American Gods ai tempi di Black Live Matters.
Infatti abbiamo una storia fantastica con una ambientazione contemporanea che , come il libro di Gaiman, riesamina il "potere" delle masse nei tempi attuali, i concetti di tribù/comunità, etc...

l'ultimo com'è? American Gods non mi è piaciuto granchè, sappilo
gli altri li ho letti tutti
Sai che "la luna che uccide" ha un seguito? bello, non so quale dei due mi è piaciuto di più
i tre delle stagioni sono post apocalittici, non fantasy, 

Parto dalla similitudine tra American Gods e The City We Became.
AG esplorava il rapporto tra masse e divinità, analizzando come le società creano i loro Dei e come molti "entità" moderne siano ormai oggetto di culto.
In modo simile TCWB analizza il rapporto tra masse e città, qui le masse/comunità definiscono città o quartieri invece di dei.
Il tutto è ovviamente influenzato dell'attuale società americana, specialmente gli ultimi anni, quindi con le divisioni e le lotte interne, pregiudizi, etc...
Tali discorsi sono simili per le nostre città, anche se ovviamente NY è più complessa un capoluogo di provincia italiano.

La storia di per se ha come base la fantascienza moderna, poi qualcuno lo classifica fantasy, ma penso che sia più che altro una questione di marketing Smile
Senza spoilerare la storia è quella di un gruppo di persone che si devono unire per combattere un nemico molto potente e pericoloso.

Diciamo è un libro che può piacere o non piacere, ma cmq offre spunti di riflessioni interessanti sul rapporto tra società e luoghi in cui viviamo.

Riguardo al seguito de La Luna che uccide è in wishlist, ma visto che è edito da fanucci aspetto che metta l'ebook in offerta a 0,99€ Smile
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6501
MessaggioInviato: Mer 07 Lug, 2021 09:47    Oggetto:   

Acquistato in edicola, ho letto l'Urania di giugno "Luna chiama terra....", romanzo del 1957 di tal Charles Eric Maine, che anticipava una possibile missione sulla luna.
L'atterraggio andato male e la perdita di ossigeno, pone 4 individui di fronte al dilemma su quale unico di loro possa/debba sopravvivere agli altri nell'attesa dei soccorsi.
Sorprende una certa asprezza, avulsa da qualsivoglia retroscena eroico, nell'approcciare le situazioni.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 684, 685, 686 ... 691, 692, 693  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum