Cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 208, 209, 210, 211  Successivo
Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20067
Località: Padova
MessaggioInviato: Mar 22 Giu, 2021 20:27    Oggetto:   

Ho letto Tartufo o Tartuffo, di Moliere (1664 ma v. dopo)

Allora, alcune cose sono da dire. Primo, un decollo di qualità che fa impallidire quello che avevo letto finora di Moliere. Eh sì, se non era per il finale, parlrei forse di capolavoro. Ma il finale è una leccaculata da capogiro, da record del mondo.
MA
scopro poi che la versione del '64 era la prima, in cui Tartufo, una persona spregevole come poche, vinceva. Ciò non piacque al RE (parliamo sempre di Luigi XIV, davanti al quale gli altri RE, papa compreso, erano robetta), che disse: modifica.
Moliere lo fece, aggiunse un finale vincente (per il bene, contro il male) e CON L'INTERVENTO risolutivo del Re (che viene citato genericamente come Re, ma tutti sapevano chi fosse). Cioè la commedia va a finire bene proprio perchè il Re, a cui non sfugge nulla, interviene.
Peccato che questo intervento è veramente un deus ec machina, una trovata senza senso, messa lì alla meno peggio, con botte di piaggeria e 90-gradismo.
Questa è la versione definitiva, e quello che ho letto, che è in realtà del 1669. Inoltre, al tempo insorse anche la Chiesa, in quanto Tartufo era uno spirito molto religioso (per nulla, in realtà) che Moliere prendeva per il culo. La commedia non potè essere presentata in pubblico, mentre in privato faceva furore. Poi gli venne concesso (dal Re, ovvio) di rappresentarla al popolo e ancora oggi è tra le più rappresentate e famose, in Francia ma non solo.
Dell'opera, che dire. Dialoghi talmente brillanti, veri, giusti, raffinati, esatti, vivaci, da costituire una palestra per generazioni di sceneggiatori. La storia, ambientata ai giorni nostri, cioè ai giorni loro, è notevole. I personaggi sono diventati degli archetipi: Tartufo la persona ipocrita, tutta facciata buonista e cristiana, che nasconde un animo malvagio e marcio. Dorina, la cameriera, per me il personaggio più geniale.Orgon o Orgone, il padrone di casa, un vero coglione, va detto.
Curioso poi come finora queste commedie ebbero sempre Moliere, nella realtà, anche tra i protagonisti, tra gli attori, e come lui sceglieva per sè sempre la parte del cretino, di quello che fa la figura dell'idiota, del deficiente che non capisce l'ovvio...qua ovviamente lui interpretò il padrone di casa, il marito che vedeva in Tartufo un santo mentre tutti in casa avevano capito che era un truffatore.
Comunque, che dire, ne avevo sentito parlare tanto, ora non mi meraviglio. Di una modernità impressionante.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7991
MessaggioInviato: Mar 22 Giu, 2021 21:20    Oggetto:   

Mi sono letto, in originale, Le nuove vie della seta. Una nuova storia del mondo di Peter Frankopan.
Saggio che affronta le tematiche legate alla rinascita dell'asia come potenza economica e come questo stia influenzando il mondo.
Il libro è interessante ricco di fatti che evidenziano sia i numerosi progetti che si stanno sviluppando nella regione, sia l'impatto che questo sta avendo sul resto del mondo.
Il problema grosso di questo libro, almeno per me, è che ricco di fatti, ma non vi sono approfondimenti.
Ci si ritrova a leggere quasi 200 pp. di eventi e dichiarazioni, che illustrano la ricchezza e complessità della situazione globale, ma che richiedono ad un lettore interessato all'argomento un ulteriore ricerca al fine di comprendere a pieno la vicenda.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3292
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 11:19    Oggetto:   

Vecchie conoscenze di Manzini.
Dovrebbe essere il capitolo conclusivo della serie Rocco Schiavone
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1962
MessaggioInviato: Ven 02 Lug, 2021 13:18    Oggetto:   

Sto finendo "Kafka sulla spiaggia", di Haruki Murakami.
Scusate, ma costui è in odor di nobel tanto da meritarsi una collana da edicola (versione quindi economica che non feci sfuggire l'anno scorso e sto iniziando ad intaccare)?
Il libro è una fetecchia, non un viaggio meraviglioso, ma una roba senza senso appiccicata con lo sputo, incredibilmente superficiale, personaggi quasi macchiette, scene di sesso da fanfiction, inizia ad essere minimamente interessante dopo 200 pagine... Mi spiace, ma questa non è letteratura, è spazzatura.
Jabbafar
IMPERATORE IMPERATORE
Messaggi: 20428
MessaggioInviato: Lun 05 Lug, 2021 17:32    Oggetto:   

di solito si usa questo libro per abbordare ragazze non per leggere
il_Cimpy_Spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 15581
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Lun 05 Lug, 2021 19:33    Oggetto:   

Muahahaha!

Beh, Fedemone, non ti resta che provare a vedere se funziona...
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3292
Località: Novara
MessaggioInviato: Mar 06 Lug, 2021 07:03    Oggetto:   

Jabbafar ha scritto:
di solito si usa questo libro per abbordare ragazze non per leggere

Credevo fosse "L'insostenibile leggerezza dell'essere" Very Happy
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7991
MessaggioInviato: Mar 06 Lug, 2021 07:33    Oggetto:   

Dipende dal tipo di ragazze ... anche se alla nostra età, ragazze penso sia un termine po' fuorviante Laughing
Jabbafar
IMPERATORE IMPERATORE
Messaggi: 20428
MessaggioInviato: Mar 06 Lug, 2021 13:59    Oggetto:   

Milf non è carino Chi, io?
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1962
MessaggioInviato: Mer 07 Lug, 2021 09:56    Oggetto:   

OK ci posso provare. Ma ho un dubbio... Devo essere onesto sull'opinione che ho? Ho come la sensazione che l'idea di base comporti una certa di faccia di bronzo Razz
Cmq davvero, trovo così tanti problemi da non saper da dove iniziare. ma tanto non devo rimorchiarvi (non ora, almeno!) quindi non mi dilungo
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20067
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 14 Lug, 2021 11:30    Oggetto:   

Ho letto il Don Giovanni, di Moliere (1665).

Beh, ma che figata. Indubbiamente un gran capolavoro. Il personaggio era nato una trentina di anni prima, da uno scrittore spagnolo, ma qua diventa un personaggio super fighissimo, a tutto tondo, malato, certo, nel senso che non può fare a meno di sedurre qualunque femmina, con un bisogno di affermazione e conquista decisamente patologico.
Bellissimo, coraggioso, non crede in nulla (ma che due +due fa quattro e quattro +quatttro fa otto, a quello crede, dice), tanto meno nell'umanità o in Dio. Il suo contraltare è il servo Sganarello, intrepretato sul palco dallo stesso Moliere, che invano cerca di portarlo sulla retta via, che dice e non dice, combattuto tra il fatto che deve servire e il fatto che non approva il comportamento del padrone.
Il tutto è una commedia, con vari momenti drammatici e un finale anche sorprendente.
Nessuna sorpresa invece che il personaggio sia diventato un mito, un modo di dire; l'opera è al top, per i dialoghi, la trama, i personaggi e il realismo degli stessi.
10 e lode, insomma e bacio accademico.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20067
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 19 Lug, 2021 16:02    Oggetto:   

Ho le letto le Massime, di Rochefoucauld.

Sono solo 504, pari a un libriccino di 41 pg, facilmente ritrovabili a gratis in rete. Beh, delusione. Io dalle massime mi aspetterei saggezza, arguzia, lapilli e fuochi d'artificio...nada de nada. Siamo un po' sotto Frate Indovino, per dire. E ben lontani da Barbanera.
Una sfilza di psico banalità, raramente interessanti, affermazioni spesso pure discutibili... mah... data l'incredibile fortuna che ottennero subito (1665) saranno state forse un gioco di corte, un modo per ammazzare la noia, chissà...o magari sono solo invecchiate male...mah, lettura inutile e sconsigliata.
Paolo7
Work in progress Work in progress
Messaggi: 8467
MessaggioInviato: Lun 19 Lug, 2021 16:50    Oggetto:   

Al tuo posto avrei provato con gli aforismi di Oscar Wilde. Ma tu sei un temerario... Very Happy
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20067
Località: Padova
MessaggioInviato: Ven 13 Ago, 2021 13:48    Oggetto:   

Ho letto Il misantropo, di Moliere (1666).

Ordunque, buono ma non un capolavoro. Parte alla grande , ci sono pure dei peronaggi che citano un'opera di....Moliere (!!), nei loro discorsi. Ma poi....boh. Esce un po' dalle corde di Moliere, si fa spesso serio, manca pure il personaggio del simpatico cretino (che Moliere riservava a sè stesso, sulla scena), si fa ridondante, ripetitivo, e il finale è deludente.
Leggo poi che c'è molto di autobiografico, in questa opera, con Moliere che attraversava un periodo un po' così, sentimentalmente.
Rimango un tantinello deluso, dal titolo e dalla fama dell'opera mi aspettavo un trionfo, con chissà che personaggio, misantropo poi, da leccarsi i baffi...invece ok, non posso dire che non mi sia piaciuto, ma non la metto tra le opere che preferisco del francese.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7991
MessaggioInviato: Dom 22 Ago, 2021 15:15    Oggetto:   

Finito di leggere Nella testa del Dragone: Identità e ambizioni della Nuova Cina di Giada Messetti, preso su PrimeReading
Breve (meno di 200 pagine) saggio che analizza alcuni aspetti della Cina moderna senza i preconcetti della visione occidentale.
Si spazia dalle questioni politico economico alla vita di tutti i giorni.
Alcuni fatti sembrano presi da un commedia all'italiana, come il distributore di carta igienica nei bagni pubblici di piazza Tienanmen, dotato di telecamere e riconoscimento facciale che ti eroga 60 cm di carta e se provi chiederne altra di dice di ripassare più tardi (dopo 9 minuti) Smile
Altri lasciano perplessi, come il mendicante che al posto della classica ciotola ha un cartello con il QRCode, perché la società cinese è ormai praticamente cashless, tutti i passaggi di denaro avvengono inquadrando con il proprio smartphone un QRCode.
Altri ancora sembrano uscire da un libro di fantascienza, tipo la 7° tangenziale di Pechino, ultima e più esterna, che è lunga circa 900 Km (in pratica come andare da milano a bari Blink )
Cmq un saggio interessante se uno vuole leggere qualcosa sulla Cina, senza i preconcetti occidentali.
Piccola curiosità. L'ultimo brevissimo capitolo è dedicato al COVID.
Il libro è stato terminato più o meno nel gennaio 2020, quindi allora il problema era considerato ancora strettamente "cinese" e illustra in modo lampante la supponenza con cui il resto del mondo trattò il problema.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 208, 209, 210, 211  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum