Il diritto di dire parolacce


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Sab 13 Dic, 2008 08:45    Oggetto: Il diritto di dire parolacce   

Il diritto di dire parolacce

Microsoft ha brevettato un software in grado di riconoscere le parole “sgradite” in un flusso vocale continuo. Siamo di fronte a nuove forme di censura?

Leggi l'articolo.
MessaggioInviato: Sab 13 Dic, 2008 08:45    Oggetto: Re: Il diritto di dire parolacce   

la preoccupazione di DelSanto e' piu' che legittima. Tutto cio' che viene controllato da pochi (media televisivi ad esempio) e' da prendere con attenzione o da bandire in una societa' civilmente organizzata.
Wintermute
Night Fury Night Fury
Messaggi: 12553
Località: Myland
MessaggioInviato: Sab 13 Dic, 2008 17:46    Oggetto:   

chissà se il software riconosce come parolaccia "orcu dìghel"? Razz
"Se ti sembra che non stia succedendo nulla è perchè si sta preparando ad accadere

in borsa: "The Graveyard Book - N. Gaiman
Stefanoventa
goodnightjedi goodnightjedi
Messaggi: 6361
Località: Padova
MessaggioInviato: Sab 13 Dic, 2008 17:53    Oggetto:   

Wintermute ha scritto:
chissà se il software riconosce come parolaccia "orcu dìghel"? Razz


chissà se riconosce come parolaccia Winzozz Laughing
Yoda
La frase seguente è vera.
La frase precedente è falsa.
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24611
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Dom 14 Dic, 2008 11:40    Oggetto:   

mah. ci sono sempre modi di cucire parolacce dentro un discorso, senza che un software sia in grado di riconoscerle. Twisted Evil
"those who can't laugh at themselves deserve the most mockery"
rita71
Hoka
Messaggi: 49
MessaggioInviato: Ven 26 Dic, 2008 17:49    Oggetto: così fan tutti   

e che cavolo... in realtà è un'altra la parola, ma scelgo io di non metterla, perché non ho letto le regole del forum e non so se posso esclamare in senso fallico.
Citazione:
il cosiddetto parental control, che nei videogiochi e nei programmi televisivi per i più piccoli consente ai genitori di edulcorare determinati contenuti. Infatti la prima possibile applicazione pratica del software è prevista per la console Xbox 360, nelle chat vocali multiplayer ma anche per la riduzione del turpiloquio presente in alcuni game.


e

Citazione:
I bambini sono il nostro futuro


sono bandiere di quello che ci aspetta! Ma che dico... che vediamo già.
Ma ci siamo dimenticati che da anni c'è una campagna anti nipponica? che è stata fatta una legge specifica che sia chiama Minori e TV? che l'unica tv che ha preso una multa per una serie piena di parolacce è stata MTV? è vero la serie era americana – Beavis and Batted (una roba simile), ma trasmessa alle 22.00 oltre l'orario definito per tutti.

Da anni, la tv italiana - una - fa modificare il linguaggio e i colori delle serie giapponesi, che trasmette: bambine che avevano le mestruazioni, si sono trovate ad avere le premonizioni; sangue rosso è diventato verde; gente che cambiava sesso, si è trovato un familiare a carico. Gli americani si saranno ispirati all'Italia, per questo software, o viceversa, visto che il povero Dessloch era bianco nella serie originale giapponese, ma quando Corazzata Spaziale Yamato - Star Blazer arrivò, dall'America, era blu.
Oggi, non c'è solo da temere quel software, ma anche la cosiddetta guerra alla pedofilia in rete, sempre per proteggere i fantomatici bambini.

Basterebbe un po' di sana abitudine: stare con i propri figli quando vedono la tv e usano il computer. Il controllo dei genitori è nelle scelte che essi fanno con e per i loro figli, non in un software che li scarichi dalla responsabilità dell'educazione. La verità in tutto questo è proprio qui: la mancanza di tempo di occuparsi di loro e la volontà di dire, a una minoranza in via di estinzione, un bel categorico no, quando occorre.

Ero bambina quando litigai con mamma per la serie i Bon bon magici di Lilli - chissà quanti se la ricordano? - si parlava di bambini che nascevano, evoluzione della specie e simili. Per me era una serie bellissima: mi aveva colpito un episodio in cui un bambino era costretto, dai genitori, ad andare alla scuola privata, oltre la regolare scuola di ogni giorno, frequentando le lezioni anche la domenica. I bambini scioperavano per solidarietà, perché volevano un giorno di riposo e di gioco. La serie la vidi tutta, inclusa il giorno in cui Lilli mette al mondo una bambina. E mia madre la vide con me.

Un comportamento sensato: lei si accorse che non c'era nulla di orribile o diseducante, in quella storia, e io mi feci l'idea, che essere bambini in Giappone, doveva essere veramente faticoso. Wink
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24611
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Sab 27 Dic, 2008 17:39    Oggetto: Re: così fan tutti   

rita71 ha scritto:
Basterebbe un po' di sana abitudine: stare con i propri figli quando vedono la tv e usano il computer.

quoto.
"those who can't laugh at themselves deserve the most mockery"
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum