Una serata di fantascienza in TV, su Rainews24


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 00:59    Oggetto: Una serata di fantascienza in TV, su Rainews24   

Una serata di fantascienza in TV, su Rainews24

Tempi Dispari, programma di Rainews 24 condotto da Francesco Gatti, dedica una intera serata alla fantascienza italiana. E lo fa parlandone con gli autori di "Urania".

Leggi l'articolo.
Kruaxi the ferengi
Doktor Merkwürdigliebe Doktor Merkwürdigliebe
Messaggi: 6439
Località: Ferenginar
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 00:59    Oggetto: Re: Una serata di fantascienza in TV, su Rainews24   

Francamente non mi stupisce affatto. Seguo con attenzione 'Tempi dispari' fin dal suo inizio ed è una gran bella trasmissione, uno dei sempre più rari esempi di cultura nella televisione italiana. Ovviamente stasera me lo registrerò con gusto.

Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov


Ultima modifica di Kruaxi the ferengi il Mar 13 Gen, 2009 11:26, modificato 1 volta in totale
Doralys
Bibliotecaria di Babele Bibliotecaria di Babele
Messaggi: 4829
Località: Roma
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 10:06    Oggetto:   

ecco, io sono calimero! Crying or Very sad la mia tv non prende rainews 24, se c'è un modo per vedere la trasmissione da pc o mac fatemelo sapere.
Sad
Per decreto imperiale la velocità della luce resta quella stabilita dalla natura. Risen!

Incantesimi e Pozioni Magiche dal pentolone di Doralys
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 10:29    Oggetto:   

La soluzione è nello streaming:

http://www.rai.it/mpliveSL/0,,LiveTv^16,00.html

Ciao!
X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
Otrebla
Amante Galattico Amante Galattico
Messaggi: 19573
Località: Nordica
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 15:34    Oggetto:   

X ha scritto:
La soluzione è nello streaming:

http://www.rai.it/mpliveSL/0,,LiveTv^16,00.html

Ciao!
X


Dovevo uscire con due ragazze, ma ho annullato... e sullo streaming ci sarò...

P.S. fate copia e incolla del link che quello diretto non vuole digerire tutta la riga Smile
"I buoni sono quelli che decidono chi sono i cattivi - Lucy Van Pelt"
wrobik
Ameboide amorfo
Messaggi: 2
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 16:50    Oggetto: Re: Una serata di fantascienza in TV, su Rainews24   

Per chi avesse problemi con lo streaming via server rai (cosa non infrequente, specie per chi non usa IE o windows), segnalo anche questo link:

http://www.livestation.com/account/streams/1694252-rainews24?page=240

È possibile vedere lo streaming via web o con il software gratuito di livestation, disponibile per win, Mac e Linux (io lo uso con Ubuntu e mi ci trovo bene).
Faramir
Cylon Cylon
Messaggi: 253
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 17:03    Oggetto:   

... per non parlare di *registrarlo* online su file con
http://faucet.vcast.it/faucetpvr
Cool
Doralys
Bibliotecaria di Babele Bibliotecaria di Babele
Messaggi: 4829
Località: Roma
MessaggioInviato: Mar 13 Gen, 2009 19:30    Oggetto:   

Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore
Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore
Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore
Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore Amooooore
Per decreto imperiale la velocità della luce resta quella stabilita dalla natura. Risen!

Incantesimi e Pozioni Magiche dal pentolone di Doralys
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 11:00    Oggetto:   

Ho visto la trasmissione. Devo fare i complimenti a tutti che se la sono cavata benissimo. Però vorrei fare una critica, o se volete, diciamo così, una provocazione.

Niente di personale: l'errore (se è tale) che tra virgolette rimprovererò a X e a Dario l'ho fatto anch'io spesso anch'io quando sono stato intervistato da tv o radio.

La provocazione: ragazzi, ascoltandovi parlare non viene per niente voglia di leggere fantascienza. Alla fine della trasmissione, tra tutti i libri di cui si è parlato avrei comprato solo il giallo di cui hanno parlato alla fine.

Il punto è questo. Mi sembra, soprattutto vedendo la cosa da fuori, che gli autori o in generale i fan della fantascienza soffrano di questo complesso che li porta sempre a voler dimostrare che la fantascienza è una cosa seria. Il che magari discutendo una tesi di laurea di fronte a un collegio di barbogi universitari può avere il suo senso; parlando del proprio libro alla tv, si ottiene solo una reazione del tipo "ehu che palle, tutte queste metafore, ma chi ve le ha chieste".

La fantascienza non è letteratura colta. Nel senso che non è letteratura elitaria. È letteratura popolare. Il che non vuol dire che sia stupida e che non debba dire nulla, ma deve per prima cosa interessare il lettore, deve farsi leggere senza sforzo. A mio avviso, soprattutto quando ci si confronta con media come tv e radio che arrivano a un pubblico generalista, ciò che ci si dovrebbe sforzare di fare non è far vedere che la sf sfrutta un punto di vista diverso per parlare dell'oggi e fare una critica sociale - boring - ma mettere in evidenze gli aspetti curiosi, intriganti.
Il mistero, il cambiamento rispetto al nostro mondo, i dettagli curiosi.
Anche a rischio di sembrare banali: un autore di un'ucronia deve usare frasi tipo "cosa sarebbe accaduto se la crisi di cuba fosse andata diversamente?" e spiegare il fascino dell'ucronia come se il suo ascoltatore non avesse letto cento libri di ucronia dalla Svastica sul sole in avanti. Perché probabilmente il 99,9% degli ascoltatori di un programma tv non ha la più pallida idea di cosa sia un'ucronia.

Che ne pensate?
S*
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 11:43    Oggetto:   

Per quel che mi riguarda credo che tu abbia ragione al 99%, S*ommo. Quell'1% me lo ritaglio perché mi sarebbe piaciuto in realtà fare entrambe le cose: stimolare la curiosità e mettere in rilievo i punti di forza della fantascienza. In realtà non credo di essere riuscito a fare bene né l'una né l'altra, purtroppo.

In compenso i colleghi se la sono cavata egregiamente. Da quel poco che sono riuscito a carpire dopo il mio intervento, ho molto apprezzato - nella rispettiva diversità e lontananza - le cose che hanno detto Dario e Donato. Credo che se non altro sia emerso uno spaccato della fantascienza come panorama vasto, eterogeneo e in continua trasformazione.

E mi dispiace che a un certo punto sia venuta fuori la vecchia storia della Grande Crisi della SF, che però a questo punto meriterebbe un approfondimento sistematico. Ma siamo davvero in crisi? Io non lo credo. Ma è appunto un discorso da sviluppare...

Grazie S*ommo,
X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
Dario Tonani
Hortha Hortha
Messaggi: 137
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 11:49    Oggetto:   

Condivido in pieno il tuo punto di vista, Silvio, ma nel caso di ieri tutti noi avevamo almeno qualche attenuante:

1) ci è stato dato pochissimo tempo per ogni intervento. Sarebbe stato davvero da anchorman navigati poter veicolare idee "serie" e suscitare nel contempo interesse, fascino, sorriso... Tutto in interventi di pochi secondi, rispondendo per giunta a una domanda precisa.

2) Non avevamo che un'idea molto sommaria della scaletta del programma e non potevamo interagire tra noi. Mi risulta che nessuno di noi abbiamo potuto scambiare neppure due parole con il bravo conduttore Francesco Gatti. Ci siamo seduti davanti alla camera (e credo che per tutti fosse la prima volta di una diretta tv) cinque minuti prima dell'inizio del programma. E abbiamo atteso le prime pallottole...

Saremo più disinvolti/ironici/accattivanti la prossima volta, perché nessuno dei 5 ospiti credo ritenga la SF una cosa seria e da spacciare in modo verboso... Razz Intanto questo è stato un precedente mooolto incoraggiante per tutta la SF italiana. E spero abbia un seguito.

Grazie, comunque, Silvio delle tue osservazioni; sono convinto che miglioreranno per il futuro l'approccio di tutti noi nei confronti dei media.

Ciao
Dario
simone conti
Morlock
Messaggi: 66
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 12:32    Oggetto:   

Ciao Dario. Ribadisco qui quello che ho già scritto sul foprum di nextstation: sei stato davvero professionale ed elegante, come al solito.
Un salutone da Simone:-)
Lanfranco Fabriani 2
Trifide Trifide
Messaggi: 230
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 13:23    Oggetto:   

S* ha scritto:
Ho visto la trasmissione. Devo fare i complimenti a tutti che se la sono cavata benissimo. Però vorrei fare una critica, o se volete, diciamo così, una provocazione.

Niente di personale: l'errore (se è tale) che tra virgolette rimprovererò a X e a Dario l'ho fatto anch'io spesso anch'io quando sono stato intervistato da tv o radio.

La provocazione: ragazzi, ascoltandovi parlare non viene per niente voglia di leggere fantascienza. Alla fine della trasmissione, tra tutti i libri di cui si è parlato avrei comprato solo il giallo di cui hanno parlato alla fine.

Perché probabilmente il 99,9% degli ascoltatori di un programma tv non ha la più pallida idea di cosa sia un'ucronia.

Che ne pensate?
S*


Non entro nel merito della trasmissione che non ho nemmeno visto.

Temo che il problema non sia degli intervenuti. Il problema è che,
secondo me, possiamo dire che se la fantascienza è morta (e
questo comunque è tutto da dimostrare) si sarebbe trattato di un
suicidio. La fantascienza da quando è nata non ha fatto altro che
cercare di dimostrare quanto è seria, questo a causa del solito
complesso di inferiorità. Se la fantascienza anglosassone comunque
riesce a controbilanciarsi parzialmente (ma la miseria quanto è
diventata seria, persino noiosa), la fantascienza italiana è cascata
a capofitto nel discorso della serietà. Ne ho viste di trasmissioni,
conferenze, incontri e ognuna grosso modo dava l'idea che più uno
si teneva lontano dalla fantascienza italiana meglio viveva perché
si trattava di una roba ancora più pizzosa della Critica alla Ragion Pura.

Naturalmente le mie poche non le ho viste, ma suppongo che da fuori,
qualcuno avrebbe dato lo stesso giudizio. Smile

Ciao!

Lanfranco
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 14:25    Oggetto:   

Dario Tonani ha scritto:
Condivido in pieno il tuo punto di vista, Silvio, ma nel caso di ieri tutti noi avevamo almeno qualche attenuante:
... Ci siamo seduti davanti alla camera (e credo che per tutti fosse la prima volta di una diretta tv) cinque minuti prima dell'inizio del programma. E abbiamo atteso le prime pallottole...


Usti, non pensavo. Nel senso che comunque avete risposto tutti in modo molto preciso e con discorsi ben impostati - quindi bravi, perché so che è molto difficile.

Comunque, davvero, la mia non voleva essere una critica "a voi", ma una critica "a noi", ovvero al mondo della fantascienza in generale e al suo modo di proporsi verso l'esterno.
S*
Otrebla
Amante Galattico Amante Galattico
Messaggi: 19573
Località: Nordica
MessaggioInviato: Mer 14 Gen, 2009 14:26    Oggetto:   

Un saluto a Dario e a Giovanni.

Vi ho seguito in streaming e devo dire che il risultato nel complesso non è stato male, sia per quanto riguarda gli interventi (peccato per il tempo ridotto) che per quanto riguarda la parte RAI (mi riferisco alle immagini di sottofondo che legavano abbastanza con gli argomenti - poi in effetti la Decima Vittima è stata una chicca che ricordavo vagamente).

Anche se a livello personale ho preferito la parte più approfondita, non posso negare che Silvio abbia ragione sul discorso di appeal. Però osservo comunque che qui si tratta di libri e che quindi chi sceglie di leggere ha comunque un interesse e cerca un approfondimento in più rispetto a chi cerca solo del materiale da visionare. Il che non vuol dire che la parte "seria" non possa e debba essere anche "divertente".

C'è anche da dire che sia il libro di Dario che quello di Giovanni avevano un argomento più difficile da riassumere rispetto agli altri, soprattutto rispetto a quello di Costantini, anche se legati a metropoli ben conosciute (e non è un caso, credo, se di Prosperi sia stato ignorato il romanzo su Kennedy rispetto a quello di Siena).

La verità è comunque che il tempo era poco per partire da A e arrivare almeno a F Wink

P.S. è stato gradevole vedervi Smile
"I buoni sono quelli che decidono chi sono i cattivi - Lucy Van Pelt"
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum