Un Anno nella Città Lineare


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6389
MessaggioInviato: Gio 23 Apr, 2009 23:44    Oggetto: Un Anno nella Città Lineare   

Un Anno nella Città Lineare



Leggi la recensione.
Alco99
Hortha Hortha
Messaggi: 118
Località: Contado della Marca
MessaggioInviato: Gio 23 Apr, 2009 23:44    Oggetto: Re: Un Anno nella Città Lineare   

Purtroppo mi sono annoiato a morte con questo romanzo. E sì che l'avevo acquistato pieno di speranze. Il trucchetto dell'inversione di prospettiva non mi ha entusiasmato (insomma, non è che sia tutto questo granché) e ho trovato lo stile di Di Filippo molto artificioso in alcuni punti e stanco in altri. Anche i personaggi sembrano trascinarsi, più che agire, e fanno molto cliché con una storia che invece assomiglia più a qualcosa anni '50. Ballard, onestamente, con una storia come questa avrebbe fatto ben altro. Alla fine mi è sembrato il solito prodotto che vive su uno spunto allungato per un centinaio di pagine.
Giò, direi che è stato molto più interessante leggere la tua recensione.
- Tessera SVIC n°1 -
Dario Tonani
Hortha Hortha
Messaggi: 137
MessaggioInviato: Ven 24 Apr, 2009 10:43    Oggetto:   

Beh, io la penso più come Giovanni che come Alberto, pur ammettendo che la storia non brilla certo per ritmo. E' un romanzo di atmosfere, crepuscolare, direi sussurrato.

Forse per questo Alberto lo ha avvicinato a una storia anni 50... Io l'ho sentita profondamente e me ne sono innamorato, nonostante non possa dire di essere stato colpito da un elemento in particolare, se non dall'idea di questa città senza fine, che nella sua geometria esprime limiti e sconfinatezza allo stesso tempo...

Ciao
7di9
Hortha Hortha
Messaggi: 104
MessaggioInviato: Ven 24 Apr, 2009 12:16    Oggetto: Re: Un Anno nella Città Lineare   

Letto con piacere, ma niente di più. Il romanzo puzza di esercizio stilistico, e mi spiace ammetterlo, perché la prosa è buona... I personaggi poi mi sono sembrati abbastanza piatti, e il finale l'ho trovato patetico (nel senso di volutamente patetico), ruffiano insomma. Di tutto quello che ho letto di Di Filippo finora, ho apprezzato parecchio le sue ucronie (presenti, se non ricordo male, proprio nella raccolta L'imperatore di Gondwana), ma per il resto sono ancora in attesa dell'opera che lo elevi al di sopra della semplice simpatia. Smile

7
Domenico "7di9" Mastrapasqua
X
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1897
MessaggioInviato: Ven 01 Mag, 2009 23:54    Oggetto:   

Che questo libro di Di Filippo non sia un page-turner ne convengo anch'io. Ma l'approccio dell'autore mi è sembrato quello di voler sperimentare una commistione tra postmoderno e fantascienza, innestando tutte le istanze del caso (digressioni, ellissi, mitologia pop, sottoculture di strada, ironia) sul corpo e gli schemi di una storia di genere. Nel leggerla, più di una volta mi sono ritrovato a ripetermi: se Pynchon avesse scritto un racconto di fantascienza, sarebbe somigliato a questo (e non solo per le dimensioni). Il suo mood me lo porto dietro ancora adesso... Wink

Ciao!
X
Ex tenebris, veritas.

Holonomikon
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum