Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fantasc


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 00:58    Oggetto: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fantasc   

Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fantascienza

L'autrice americana se la prende con Robert Weil, l'editore USA di J.G. Ballard, reo di ripetere stancamente cliché che equiparano la fantascienza a spazzatura di genere.

Leggi l'articolo.
Kruaxi the ferengi
Doktor Merkwürdigliebe Doktor Merkwürdigliebe
Messaggi: 6439
Località: Ferenginar
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 00:59    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Robert Weil è un coglione, 'stop'.

Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov
Piscu
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1934
Località: unknown
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 08:20    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

tra l'altro, 1984 e brave new world SONO fantascienza.
jimmy holden
Ameboide amorfo
Messaggi: 4
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 08:22    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

"Parole sante. Chissà quando sortiranno un effetto."
Mai.
Negróre
Agguantatore a strisce
Messaggi: 17
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 09:07    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Che tristezza... Infinita tristezza. Se sono ancora lì a bisticciare negli Stati Uniti, chissà quanto lontana è l'alba in Italia! Profonda tristezza.
Naismith
Vogon Vogon
Messaggi: 653
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 09:20    Oggetto:   

Un giorno, spiegando ad un conoscente lettore che apprezzavo molto la fantascienza, mi sentii apostrofare con un:
"beh, ma lo sai che la fantascienza è fondata sulle paure: è solo uno sfogo non è letteratura" e giù a sbrodolare il suo piacere nel leggere Emily Bronte.

Gli ho detto "sisisisi, lo so" e da allora cerco di non incontrarlo. Razz
Stefanoventa
goodnightjedi goodnightjedi
Messaggi: 6361
Località: Padova
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 09:36    Oggetto:   

No comment... e siamo nel 2009 Confused
Yoda
La frase seguente è vera.
La frase precedente è falsa.
WebWizard
Gizmo
Messaggi: 27
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 10:10    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Quoto il Ferengi. In più , se la Le Guin mi capita a tiro un bel bacione se lo merita...
L01CYL8
Trifide Trifide
Messaggi: 249
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 13:07    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Sapete a chi fa male sapere che la fantascienza è un genere di second'ordine? A tutti quelli che credono alla suddivisione in generi della letteratura. Io non mi sento figlio di un dio minore quando leggo Dick o Edgar Rice Burroughs, tanto per citare due autori che hanno scritto fantascienza, ma anche altro. Allora Tarzan è un capolavoro universale e John Carter una serie di racconti per ragazzini? Fantascienza è una categoria generica che si può applicare a molta parte della narrativa mondiale, ma a dirla tutta questa classificazione a me non interessa. Non mi serve sapere che Asimov ed Heinlein sono autori di genere per riconoscere la loro genialità e non mi preoccupo di sapere se un libro è "di fantascienza" o di più levato lignaggio quando lo leggo, cerco delle belle storie, che mi diano qualcosa. Allora secondo Robert Weil cos'è l'Odissea, proto-fantasy? Sciocchino.
You write such pretty words
But life's no storybook
Love's an excuse to get hurt
And to hurt.
Do you like to hurt?
I do, I do!

Then hurt me...
Kobol77
Horus Horus
Messaggi: 3783
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 13:48    Oggetto:   

La Fantascienza non può preoccuparsi delle idiozie di personaggi minori come Robert Weil. Detto questo, credo che per Ballard, a differenza di altri autori di Fantascienza, si possa dire che sia stato un grande scrittore di Fantascienza per buona parte della sua vita e affermare che nell'ultimo periodo si sia smarcato decisamente dai canoni letterari propri della Fantascienza, confermandosi semplicemente come un grande autore letterario e smentendo nel contempo il ragionamento di Weil, che individua la Fantascienza come un limite letterario proprio di autori mediocri. Se Weil si leggesse opere come "Il condominio" o "Regno a venire", allora capirebbe quanto sia perdente il suo ragionamento e l' uso pretestuoso e discriminante della Fantascienza come paramentro negativo per stabilire se un autore sia degno o meno d'importanza. Ballard non ha bisogno di Ursula Le Guen per essere riabilitato. Le sue opere parlano da sole.
Andrea ET Bernagozzi
Morlock
Messaggi: 65
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 14:43    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Un commento che non contribuisce a dare profondità al dibattito, ma molto sentito: grandissima Ursula K. Le Guin!
Albacube
Reloaded
Messaggi: 5027
Località: Un paesello padovano
MessaggioInviato: Ven 22 Mag, 2009 22:00    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Kruaxi the ferengi ha scritto:
Robert Weil è un coglione, 'stop'.

Quoto, stop.
Ci oscureremo in un mondo di luce.
jetscrander
Horus Horus
Messaggi: 5879
MessaggioInviato: Sab 23 Mag, 2009 08:06    Oggetto:   

Non capisco le persone come questo signore (sic!) che emettono giudizi su cose che non conoscono, non capiscono o a cui più semplicemente non piacciono.

overzzzz.....
Vittorio Catani
Trifide Trifide
Messaggi: 229
MessaggioInviato: Sab 23 Mag, 2009 23:59    Oggetto: Re: Ursula Le Guin: no al revisionismo, Ballard scriveva fan   

Siamo purtroppo abituati da quasi un secolo a "uscite" giurassiche come quelle di Weil. Personalmente temo sia inutile incazzarsi, o cercare di voler dimostrare il contrario. A dispetto della LeGuin, certamente Weil resta con le sue opinioni ben radicate. Così come coloro i quali sono venuti a conoscenza del botta e risposta. L'unica consolazione - si fa per dire - è che la generazione "anziana" di coloro che la pensano all'antica, sta per scomparire. Restano quelli delle generazioni seguenti, e che hanno vissuto più da vicino l'essenza della sf: o perché hanno attraversato il '68 (che anche di sf si è nutrito, specie tramite il rock) o perché comunque si sono ritrovati in un'epoca in cui la sf, specie cinematografica, già era diffusissima. Non che con ciò si risolva: ci sono moltissime persone non anziane che comunque detestano la fs. Di solito perché non hanno mai letto un buon romanzo e ne hanno un'idea sballata, alla quale comunque non sono disposti a rinunciare. La sf è sempre stata così, prendere o lasciare. A questo punto, e specie oggi, non ci farei più tanto caso, perché il vero problema è che la sf sta attraversando un periodo di crisi profonda (lo dicono le cifre mondiali di vendita, se sono sempre quelle che sapevo io), ma per tutt'altre motivazioni. Saluti. V.
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 24 Mag, 2009 16:00    Oggetto:   

Leggo un "Tutti a Zanzibar" e ho delle difficoltà a non ritenere la fantascienza un genere letterario alto.
O anche un "Straniero in terra straniera"
Omero nel suo intimo è un cantastorie.
Charles Dickens, e io adoro Dickens, pubblicava i suoi testi a puntate e da un certo punto di vista è un JJ ambrams.
Jame Austin scriveva romanzetti rosa.
Poe per diventare un grande dovette aspettare che un certo Baudelaire lo traducesse.
E via con il resto.
Nella letteratura italiana ci sono grandi autori che almeno una volta hanno scritto un racconto di fantascienza.
Einaudi, forse una delle case editrici più snob del panorama italiano non ha avuto problemi ha pubblicare romanzi e raccolte di fantascienza.
Perfino il premio Nobel è stato attribuito ad almeno due autori che hanno avuto a che fare con la fantascienza.
Solo che certi snobismi sembrano resistere.
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum