UN LIBRO CHE TI HA DELUSO


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... , 22, 23, 24  Successivo
Autore Messaggio
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3284
Località: Novara
MessaggioInviato: Gio 06 Ago, 2020 20:31    Oggetto:   

Albacube ha scritto:
HappyCactus ha scritto:
Golan62 ha scritto:
Mi ha deluso molto Bruce Sterling, con Neuromante, 

In effetti neanche a me il Milione di Goldoni non è piaciuto molto. Peraltro anche tutta la traggedia classica, la trovo un po' demodé.

Hai proprio raggione, Happicacctus: il Milione di Carlo è decisamente meglio Very Happy

Il Milione 2020 è meglio dell'originale (che non ho mai letto)
Albacube
Reloaded Reloaded
Messaggi: 5715
Località: Un paesello padovano
MessaggioInviato: Ven 07 Ago, 2020 01:03    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:

Il Milione 2020 è meglio dell'originale (che non ho mai letto)

This!


E qualcosina dell'originale m'è capitato fra le mani, ma c'è un limite alla mia capacità di lettura (pure se ho affrontato a suo tempo anche gli antichi in originale).

Ovviamente la scrittura sgrammaticata e giovanilistica era voluta per pigliare in giro l'utente al quale HC rispondeva Very Happy
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20027
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 10 Ago, 2020 08:21    Oggetto:   

Tutti tropo gentili!

Se psso dirlo, sto mettendo giù qualcos'altro, vediamo come viene. No romanzi, non so scriverli, e cambio completamente genere, se no è comfort zone, che per me è noia zone.
Neil
Ospite

MessaggioInviato: Mar 06 Ott, 2020 14:55    Oggetto: Lady Tessier-Ashpool   

A dire il vero anche in Neuromante c'è lo spazio ai privati .Lady Tessier Ashpool possiede addirittura una stazione spaziale privata di tipo O'neil.
senji
Horus Horus
Messaggi: 2718
Località: toscana
MessaggioInviato: Mar 06 Ott, 2020 19:24    Oggetto:   

Secondo me il post-umanesimo sebbene già discretamente trattato da + autori ha ancora molto da dire, e proprio nella versione + affascinante e complessa (nella forma e nei contenuti) che descrive un'umanità completamente "digitale" come proposto da, per es., Egan.
Sul piacere e/o affascinare o meno come al solito i gusti son gusti, il tema però ha una sua complessità di sfaccettature che va oltre 
Citazione:
e quanto all'upload di una mente umana in un computer l'idea è decisamente inattuabile, perché alla fine l'avremmo soltanto copiata e non trasferita. Qualcosa di simile all'immortalità potrà darcelo molto più facilmente la biologia sintetica.

infatti se dovessimo stare a guardare l'effettiva possibilità di realizzazione di un'idea la SF ... cosa sarebbe?
E riguardo il discorso immortalità, il succo del post-umanesimo non è certo solo questo: è anche il superamento della fisicità dell'esistenza umana, il superamento di tutte le costrizioni e i limiti che la nostra fisicità ci impone, un nuova modalità di "esistere" con si certe mancanze ma con un'infinità di nuove possibilità e libertà. 
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7947
MessaggioInviato: Mar 06 Ott, 2020 21:34    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:

Nella realtà che viviamo oggi devi ammettere che si parla molto più di Elon Musk

Lo stesso Musk che sta sviluppando Neuralink (l'interfaccia craniale) che sembra presa giusto da Neuromante e dai romanzi CP in generale Very Happy

Come tutti i romanzi di SF, anche il Cyberpunk va visto in modo meno letterale.

Di fatto il CP preannunciava una diffusione della rete nella vita di tutti i giorni (direi che ci ha preso "leggermente"), le problematiche legislative legate alla transnazionalità  (vedi Isole nella rete di Sterling), l'emergere di corporazioni multinazionali sempre più grandi e potenti (ed anche ci si avvicina ogni giorno di più).
Anche il tema delle AI emergenti di Neuromante non è così lontano, almeno sotto certi punti di vista. Se ben guardi oggi molte decisioni sono presi basandosi su analisi eseguite da AI figlie del machine learning.
Non certo quelle del CP, a sicuramente il ruolo delle AI nella nostra vita è determinante, anche se la maggior parte delle gente lo ignora.

Riguardo al discorso realtà virtuale, allora si che era tutto pronto, ma lo stato della tecnologia era ancora estremamente acerbo sotto ogni punto di vista.
Ricordo per esempio che MS aveva sviluppato pure un linguaggio (Active VRML) per l'implementazione di tali "siti in realtà virtuale" ispirandosi proprio a quello che descriveva Gibson in Neuromante.
In realtà solo adesso la tecnologia inizia a diventare matura per la creazione di sistemi di VR adeguati.
Per cui abbiamo per esempio LG che implementa un'interfaccia sui cellulari con si basa sul riconoscimento dei gesti, la Neuralink di Musk, Oculus Rift e simili, i google glass e simili.
Tutte tecnologie che non sono certo mature, che indicano una strada verso cui la tecnologia continua a muoversi.

Quindi direi che il cyberpunk ha affrontato tematiche che si stanno rivelando ben presenti nella nostra società, ma come molti altre speculazioni SF sul termine medio-breve (30 - 50 anni) ha fallito sullo sviluppo tecnologico.
Oggi molte delle idee del CP sono state attualizzate da autori come Stross o Doctorow, ma anche qui siamo di fronte ad opere che illustrano i pericoli a cui la nostra società va incontro.

Piccola nota finale, il CP non è nato come movimento con tematiche definite, ma con lo scopo di dare una "rinfrescata" alle tematiche classiche della fantascienza, che erano ritenute banali.
Per avere un'idea basta leggere Cheap Truth

Citazione:
As American SF lies in a reptilian torpor, its small, squishy cousin, Fantasy, creeps gecko-like across the bookstands. Dreaming of dragon-hood, Fantasy has puffed itself up with air like a Mojave chuckwalla. SF’s collapse has formed a vacuum that forces Fantasy into a painful and explosive bloat.


il resto è qui :
https://blog.adafruit.com/2020/07/10/cheap-truth-the-original-cyberpunk-zine-cyberpunk/

Da questo punto vista possiamo dire che quello spirito di continua ricerca di originalità e innovazione è tuttora decisamente vivo, anzi forse in questi ultimi anni abbiamo avuto una nuova fioritura del genere.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3284
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 07:54    Oggetto:   

 e niente, devi fare pace col QUOTE altrimenti non riesco a seguire il discorso.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7947
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 08:15    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:

[..]

Si, ma lo scopo di quell'interfaccia non è raggiungere il postumanesimo, ma controllare una macchina attraverso comandi mentali, un po' come in L'Orlo della Fondazione, dove si legge che il protagonista del libro controlla con il pensiero la sua astronave.

Guarda che quella di Neuromante era un'interfaccia molto simile a quella di Musk, un sistema di interfaccia uomo macchina ottimizzato a livello di controllo e tempi di risposta.
In generale nel CP il postumanesimo emerge prepotentemente con La Matrice spezzata.

Citazione:
Anche l'"intelligenza artificiale" (più propriamente da chiamare "controllo automatico di macchinari mediante software con algoritmi adattivi" in realtà non implica consapevolezza. Invece, contrariamente a quello che affermi, vedo fin troppi informatici prendere sul serio l'idea della"singolarità". 

No, oggi come oggi le AI non controllano macchinari, ma persone.
Nel momento in cui un numero sempre maggiore di decisioni viene preso basandosi su "ragionamenti" fatti da AI, senza capire minimamente ciò che ha generato quei ragionamenti, c'è da chiedersi se non si stiano ribaltando i ruoli e "l'esecutore stupido" non stia diventando l'utente Borg

Per quel che riguardano gli informatici in generale qui in italia siamo molto più preoccupati della deficienza umana, che dell'intelligenza artificiale Wink
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 8108
Località: Verona
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 11:18    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:
Anche l'"intelligenza artificiale" (più propriamente da chiamare "controllo automatico di macchinari mediante software con algoritmi adattivi"


Di quale IA stiamo parlando? perché quella di cui parli tu è l'applicazione eventualmente industriale ("macchinari"?), ma l'IA è qualcosa di un pelino più vasto che include, sì, anche l'autocoscienza (pur come traguardo).
Un conto è il termine abusato attualmente dai giornali e dal linguaggio comune, un conto è la teoria, ben più vasta.


Citazione:

in realtà non implica consapevolezza. Invece, contrariamente a quello che


Non la implica, ma non la esclude, anzi. E' per questo che raramente sentirai chi si occupa di queste cose parlare genericamente di IA in questi termini, più seriamente si divide l'argomento in IA forte e debole (con vari sottogruppi e sfumature)
Ma comunque l'autocoscienza è un argomento piuttosto complicato, anche qualora si verificasse, sarebbe molto difficile dimostrarlo.
Già lo è con gli animali, figurarsi con le macchine.


Citazione:

affermi, vedo fin troppi informatici prendere sul serio l'idea della"singolarità". 


E' un argomento teorico, ben fondato. SE assumiamo che l'intelligenza sia qualcosa che può essere sviluppata su una macchina, e se non vi sono ovvie limitazioni sulla tipologia di supporto che la può sviluppare (neuroni; silicio; molecole), allora la singolarità è una eventualità ben più che possibile: si deduce direttamente dalla teoria dei sistemi dinamici complessi.

La questione su cui si può dibattere sono il primo assunto (non vedo particolari problemi) e il secondo assunto (ben più problematico).

Ma nessuno ha la benché minima idea di come falsificare questa ipotesi. L'intelligenza è un fenomeno emergente, e per questo assolutamente complesso e difficile da maneggiare.
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 8108
Località: Verona
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 11:22    Oggetto:   

Precisazione: Intelligenza in senso umano e biologico... anzi, più in termini comuni. In senso informatico vuol dire tutt'altro.
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 8108
Località: Verona
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 12:17    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:

E' vero, ma questo è un aspetto secondario del romanzo, le cui vere basi sono altre, e alcune delle tecnologie che avrebbero potuto permetterle sono state rifiutate dal mercato (vedi la realtà virtuale, su cui ben difficilmente si tornerà ad investire,


Oculus, virtuix e altri non sono esattamente d'accordo con te.

https://uploadvr.com/virtuix-omni-one-vr-treadmill/

Citazione:

visto il flop completo che ha fatto all fine del XX secolo. Me lo
ricordo bene: era tutto pronto, compreso il dataglove per manipolare gli oggetti virtuali, ma non se ne è fatto niente.


Non se n'è fatto niente perché era evidentemente un hype e la tecnologia era ampiamente immatura.
Oggi la cosa è molto diversa, e soprattutto, cosa affatto banale, l'applicazione non è quella dell'entertainment (importante eh) ma quella applicativa industriale. Che vuol dire Droni, Robotica remota, telemedicina. Non è solo la tecnologia immersiva ma anche il force feedback e la tecnologia dei cobot che permette la condivisione degli spazi tra robot, autonomi e teleguidati, con gli umani.

E dunque, non solo potrebbe essere ragionevole a breve vedere l'esoscheletro di Ripley nei nostri magazzini, ma che Ripley non sia fisicamente nel magazzino ma sia magari comodamente a casa.

Grazie alla VR.

E il Coronavirus ha aiutato moltissimo.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7947
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 16:13    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:

Secondo: non voglio fare il saccente, ma all'università ho studiato neuroscienze e acquisito un dottorato sullo studio della fisiologia dei processi cognitivi.
Inoltre ho da circa trent'anni l'hobby dell'informatica, perciò so quello che dico.

Ho seri subbi, già questa frase è fortemente indicativa del contrario.
Chi ci lavora sa che è un campo così vasto che anche solo di parlare di informatica in generale ha poco senso, è come dire vado in vacanza sulla terra Wink (per inciso resta molto meglio Marte Very Happy )
Poi chiami questo forum blog Blink, mancano proprio le conoscenza basilari di internet.
Vanrin ha scritto:

1) dietro le IA che "manovrano" le persone ci sono altre persone che si servono delle IA per trovare il modo migliore di manovrarle. Per cui le persone non sono manovrate dalle IA, ma con le IA, che pertanto vanno considerate soltanto alla stregua di strumenti interattivi.

In sintesi no.
Il discorso delle AI attuali è proprio che la complessità è tale che le stesse persone che costruisco le AI e poi le lanciano sul campo per l'addestramento, fanno fatica a capire quello succede.
A questo aggiungi che le AI si evolvono in continuazione per soddisfare al meglio gli interessi del "cliente", quindi sebbene vi sia un programmatore che le crei con quell'obbiettivo capire ciò che ha portato al risultato diventa sempre più complesso.
Questo senza contare i fenomeni che non vengono minimamente compresi.
Allo stato attuale se ci fosse un AI reale, con la capacità di quelle descritte nella SF, potrebbe prendere il controllo dell'umanità e portarla dove vuole, probabilmente ce ne accorgeremmo tra un centinaio di anni Wink
Jabbafar
IMPERATORE IMPERATORE
Messaggi: 20421
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 18:40    Oggetto:   

Posso ora Cimpy???????????
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7947
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 18:56    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:
Il problema è che non c'è e non ci sarà mai un'AI con le caratteristiche che dici. E se non credi che io abbia un dottorato in neuroscienze ti sbagli di grosso. Non millanto crediti che non ho. Sei TU che non hai la più pallida idea di quanto sia complesso il cervello umano, e di quanto poco ne sappiamo.

Forse ti è sfuggito il fatto che parliamo di informatica, non di cervello umano Wink
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7947
MessaggioInviato: Mer 07 Ott, 2020 20:58    Oggetto: Re: Lady Tessier-Ashpool   

Vanrin ha scritto:
Nirgal ha scritto:
Vanrin ha scritto:
Il problema è che non c'è e non ci sarà mai un'AI con le caratteristiche che dici. E se non credi che io abbia un dottorato in neuroscienze ti sbagli di grosso. Non millanto crediti che non ho. Sei TU che non hai la più pallida idea di quanto sia complesso il cervello umano, e di quanto poco ne sappiamo.

Forse ti è sfuggito il fatto che parliamo di informatica, non di cervello umano Wink

Che è di gran lunga più complesso di qualsiasi computer.

Cosa che non ha nulla a che fare con il discorso sulla AI.
Certo se continua ad associare cervello e AI, non hai proprio capito una mazza (ovviamente sulla AI).
Credo che abbia proprio ragione il Cimpy.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... , 22, 23, 24  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum