Diciamo che di fantasy qualcosina c'è...


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8
Autore Messaggio
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6391
MessaggioInviato: Mer 06 Ott, 2021 15:28    Oggetto:   

Anche in questo caso sono forse un pochino of topic
A Stranimondi 2021 ho acquistato la raccolta "Storie della serie Cremisi" della Edizioni Hypnos, prima vera impresa letteraria di Lucio Besana.  
Autore interessante con all'attivo la partecipazione nella sceneggiatura dei due film diretti da Roberto De Feo: "The nest" (Il nido), inusuale costruzione post-apocalittica che non pare tale, e "A classic Horror story", un Originale Netflix paradossale e dissacrante.
La raccolta, prettamente del genere Weird, contiene 7 racconti veri e propri, 3 brevi "interludi" (a mio avviso inutili), un Preludio (pretenzioso) e una coda (anch'essa pretenziosa e oggettivamente superflua).
I racconti, questi invero scritti piuttosto bene, viaggiano costantemente sul filo dell'indeterminatezza, dell'impalpabile, del nonsense, del semi bizzarro, del nebuloso, dell'indefinito, che di regola connotano il genere in questione. 
Volutamente evocativi, per certi versi in maniera un poco disturbante, di non immagini e di non situazioni tanto avulse dalla normalità quotidiana quanto accomunate in una sorta di grammelot a tratti angoscioso a tratti forzatamente farsesco. 
Parimenti, a conti fatti risultano vieppiù disperati, incompiuti e a tratti patetici (quasi predestinati all'incertezza cui vanno incontro) i personaggi di questo strano immaginario, spesso rappresentato ai margini di Paesi autarchici o a tratti totalitari. 
Le parole e le non trame insinuano una sorta di curiosità autolesionista, che si alimenta pur nella consapevolezza di una prossima e scontata latitanza di un vero e proprio significato finale. Ci si abitua e alla lunga un filino stancano. 
 Mi è parsa forte l'influenza "Ligottiana", autore di cui ho letto pur non bazzicando molto il genere e che ho trovato estremamente capace.
Besana forse al momento non ha la stessa profondità (o bisogna dire non profondità), ma pare avere tutte le carte in regola per crescere e offrire agli amanti del genere degli ottimi prodotti
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6391
MessaggioInviato: Ven 15 Ott, 2021 17:48    Oggetto:   

Altra citazione un po' stiracchiata.
Volendo apostrofare la "La divina commedia" come un universo a cavallo tra l'horror, il weird, il religioso, lo storico, il politico... il fantasy (praticamente dopo Dante, solo Simmons con Hiperion....), riconosco che mi sono procurato la nuova edizione de "L'inferno di Dante", illustrato da Paolo Barbieri.
Un corposo tomo che era già uscito alcuni anni fa, ora integrato con ulteriori tavole e passi dell'Inferno. 
Bello a vedersi e ancor più, naturalmente, da leggersi. 
https://www.google.com/aclk?sa=l&ai=DChcSEwiV78-i78zzAhXiDIsKHYgBA_cYABAPGgJlZg&sig=AOD64_0-AHcn4qTRwq97eyqXx03GhPuGlQ&ctype=5&q=&ved=2ahUKEwic7cOi78zzAhUjJcUKHSZDDQwQ9aACegQIARBN&adurl=
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3287
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 15 Ott, 2021 20:28    Oggetto:   

e vabbè, se non sei un pozzo di sapere in storia come la leggi la Divina commedia?
Paolo7
Work in progress Work in progress
Messaggi: 8411
MessaggioInviato: Ven 15 Ott, 2021 21:05    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
e vabbè, se non sei un pozzo di sapere in storia come la leggi la Divina commedia?


Con le note a piè di pagina.
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6391
MessaggioInviato: Sab 16 Ott, 2021 16:11    Oggetto:   

Diversi dei passi riportati sono ostici, ma in questo caso l'offerta di splendide tavole in parte aiuta a recuperare un po' del senso.
il_Cimpy_Spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 15443
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Dom 17 Ott, 2021 06:47    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
e vabbè, se non sei un pozzo di sapere in storia come la leggi la Divina commedia?


Con mio figlio, me la spiega lui. Certo, è come leggerla insieme al pozzo di cui sopra
Paolo7
Work in progress Work in progress
Messaggi: 8411
MessaggioInviato: Dom 17 Ott, 2021 13:49    Oggetto:   

C'è anche Paradise Lost di Milton. Ma tra i poemi sull'aldilà preferisco Savitri di Sri Aurobindo (da leggersi rigorosamente in originale, pur con traduzione e note a portata di mano).
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7953
MessaggioInviato: Mar 26 Ott, 2021 21:43    Oggetto:   

Finito di leggere Alif l'invisibile di G. Willow Wilson, vincitore del World Fantasy Award 2013.
Romanzo che definirei CyberFantasy arabeggiante, in quanto innesta su una storia cyber ambientata in un contesto che ricorda fortemente la Primavera Araba (antecedente di un anno l'uscita del romanzo), l'elemento fantasy dei geni (Dijnn).
I due elementi sono fusi molto bene riuscendo a creare un romanzo particolare, in cui i si riesce a giocare sui paralleli tra hacker e dijnn, tra scrittura e programmazione.
Questo fornisce spunti di riflessione originali sulla struttura dell'informazione e su come testi antichi possano essere confrontati con i moderni mezzi di trasmissione dell'informazione.

Nel complesso un buon romanzo originale sotto molti punti, scritto bene e scorrevole. A livello di gusto personale la storia non mi ha convinto completamente; forse avrei voluto un po' più di sense of wonder o di verve dal punto dell'azione.
Pare però chiaro che l'obiettivo fosse orientare maggiormente il romanzo verso il realismo della vicenda che ha ispirato la storia.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum