Sarah Connor: madre e guerrigliera


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Mar 18 Ott, 2011 13:28    Oggetto: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

Sarah Connor: madre e guerrigliera

Da Terminator a The Sarah Connor Chronicles, da Linda Hamilton a Lena Heady: ecco la donna simbolo della saga creata da Jamesa Cameron.

Leggi l'articolo.
maxmaz
Hoka
Messaggi: 36
MessaggioInviato: Mar 18 Ott, 2011 13:28    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

Grazie, trovo sempre molto divertente questa rubrica, con la giusta comicità ed ironia. Siete bravissimi a rendere quel gusto un po' retrò del femminismo anni '70...
..come?... non è una rubrica di satira..?...
ah....
Allora solo un commento: non capisco perché ogni personaggio di un film debba essere considerato un simbolo di questa o quella categoria. Se una in un film è madre non vuol dire che debba rappresentare per forza l'idea assoluta di Madre che hanno gli autori, e mi sembra pretestuoso pensarlo. Bisognerebbe giudicare quel personaggio in quanto tale e non rispetto ad ua categoria
A me Sarah Connor (in T2) piace perché è un personaggio che ha un conflitto interiore (quindi non è piatto). Combatte tra il desiderio di manifestare il suo amore al figlio in modo emotivo (esigenza di tutti i genitori, maschi o femmine che siano) e proteggerlo (idem come sopra). Il fatto che sia donna (e tutte le elucubrazioni che ne conseguono sul ruolo della donna) è solo casuale.
MessaggioInviato: Mar 18 Ott, 2011 16:53    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

perfettamente d'accordo con maxmaz Smile
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mar 18 Ott, 2011 18:14    Oggetto:   

Proprio non capisco perché ad alcuni maschietti dia così fastidio un'analisi femminista. Soprattutto trovo ridicolo questa visione del femminismo come moda degli anni settanta. Se gli articoli di Luisa sono anni settanta, i vostri commenti sono ottocenteschi.

Terminator è una creazione di James Cameron e sappiamo che in più o meno tutte le produzioni di James Cameron è presente un personaggio femminile fuori dagli schemi tradizionali, protagonista, forte, autonomo.
Si pensi all'importanza che ha avuto Vasquez di Aliens, anche se era di contorno. Ma quasi sempre ci sono personaggi femminili determinanti (la Mastrantonio in Abyss, la Winslet in Titanic, la Weaver di Avatar e persino - anche se in chiave parodistica - la Curtis in True Lies).
In alcuni casi questo ruolo viene anche coniugato con quello di madre, come la Ripley di Aliens.

La Sarah Connor di Terminator I a mio avviso rappresenta proprio l'evoluzione del personaggio femminile tradizionale - cameriera che pensa solo a rendersi carina e che è vittima di un lui che non la considera - che diventa protagonista con la propria forza e personalità. Non è affatto importante solo per il suo utero, è importante perché è capace di uscire dal suo ruolo tradizionale per diventare fattrice del proprio destino.

S*
(Giulio )
Ospite

MessaggioInviato: Mer 19 Ott, 2011 09:10    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

Mai stata "mamma" Sarah Connors...
Il fatto di mostrarla incinta alla fine del primo film è solo un preludio della catastrofe annunciata... e, nel secondo film, lei conosce il figlio già adolescente quindi non gli ha mai fatto da madre e neanche lo fa quando alla fine lo incontra.

Non so se l'articolo è anni '70...
non so se i commenti sono ottocenteschi...
ma di sicuro sembrano una montagna di byte sprecati a cominciare dal titolo, a continuare con l'autore (trice), a perseverare con i commenti e a finire con questo mio inutile intervento.
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mer 19 Ott, 2011 14:02    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

(Giulio ) ha scritto:
Mai stata "mamma" Sarah Connors...
Il fatto di mostrarla incinta alla fine del primo film è solo un preludio della catastrofe annunciata... e, nel secondo film, lei conosce il figlio già adolescente quindi non gli ha mai fatto da madre e neanche lo fa quando alla fine lo incontra.


Ti consiglio di rivederti T2, te lo ricordi molto poco. Sarah Connor ha allevato il figlio e lo ha addestrato per il futuro che lo aspetta. Solo per un breve periodo dopo che lei è stata rinchiusa John Connor è con i genitori adottivi.
S*
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5852
MessaggioInviato: Mer 19 Ott, 2011 19:37    Oggetto:   

S* ha scritto:

Terminator è una creazione di James Cameron e sappiamo che in più o meno tutte le produzioni di James Cameron è presente un personaggio femminile fuori dagli schemi tradizionali, protagonista, forte, autonomo.
Si pensi all'importanza che ha avuto Vasquez di Aliens, anche se era di contorno.
...
La Sarah Connor di Terminator I a mio avviso rappresenta proprio l'evoluzione del personaggio femminile tradizionale - cameriera che pensa solo a rendersi carina e che è vittima di un lui che non la considera - che diventa protagonista con la propria forza e personalità. Non è affatto importante solo per il suo utero, è importante perché è capace di uscire dal suo ruolo tradizionale per diventare fattrice del proprio destino.
S*


Vero e' che i personaggi femminili nei film di Cameron spiccano sempre per forza e determinazione.
E' altrettanto vero, pero', che in alcuni casi la forza di questi personaggi e' piu' il riflesso di un immagine maschile su un corpo di donna che non personaggio femminile autonomamente emancipato.
"Vasquez sei troppo troppa" tanto per capirci e' un personaggio che cattura le simpatie degli spettatori di Aliens con un pugno di battute , ma a ben vedere non e' molto diverso da qualunque altro super macho in divisa mimetica e super cannone lanciagranate (anzi lanciafiamme se non ricordo male).
Discorso molto diverso per la Weaver che interpreta un personaggio completo, spaventato senza cadere nel farsesco o nel cliche' della bella indifesa eppure forte nel senso di determinata e capace di affrontare la bestia nonostante le sue paure e la sua mancanza di cultura militare.
Sarah Connor nel primo episodio e' intrigante proprio perche' vive in maniera credibile e realistica un' evoluzione completamente assente in personaggi funzionali ed efficaci ma molto piu' banali come Vasquez ed il soldato interpretato dalla Rodriguez in Avatar (di nuovo brava la Weaver, invece, anche se con un po' poco spazio a disposizione).
Non sono d' accordo con l' autrice dell' articolo nel ritenerla limitante e poco originale perche' chioccia e portatrice sana d' utero: anzi il fatto che anche l' essere madre la renda fondamentale alla sopravvivenza della resistenza non si sovrappone ma si affianca al suo prendere in mano la situazione alla morte del guerriero venuto dal futuro.
C'e' un' inversione dei ruoli: il soldato, addestrato, uomo, non puo' far altro che aprire la strada ad una comunissima donna, non stereotipata ne' in un senso ne' nell' altro (principessa da salvare o bad girl con tette d' acciaio, sigaro in bocca e cannone ammazza draghi), che tira avanti, sopravvive e costruisce un futuro per se' e per il resto dell' umanita'.
Certo che la donna e' anche procreatrice ma, insomma, il genere umano e' diviso in maschile e femminile proprio per questo: il succo della questione sta nel "anche".
In Terminator 2 l' evoluzione del personaggio e' coerente con la storia e razionale, oltre che ben raccontato e recitato, ma e' molto piu' banale e scontato.
Di nuovo non sono d' accordo con l'autrice dell' articolo nel momento in cui "accusa" gli americani di essere ricaduti in vecchi stereotipi:non e' che la famiglia Connor sia disfunzionale perche' qualche cosa a tutti costi bisogna togliere alla figura femminile (o macho o chioccia), e' disfunzionale perche' e' logico che sia cosi'!
Cosa dovrebbe mai succedere se i servizi sociali trovassero una famiglia dove la madre addestra il figlio ad una rivoluzione anti cyborg che si avverera' in un prossimo futuro?
E' anzi una maniera interessante per parlare di assenza di famiglia e di sacrifici per il bene a lungo termine a scapito del benessere immediato da parte di autori che vivono in un paese che a tal riguardo hanno molto da dire.
Sinceramente non ho seguito la serie televisiva dunque non saprei dire che tipo di personaggio ne e' venuto fuori.
MessaggioInviato: Mer 19 Ott, 2011 19:41    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

tedioso commento: il nome è Lena Headey e non Lena Heady...

Luisa Iori
Hoka
Messaggi: 35
MessaggioInviato: Gio 20 Ott, 2011 07:31    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

Grazie a Davide Siccardi per il commeno illuminante. Le critiche razionali e ben argomentate sono sempre ben accette e anzi permettono di crescere.
Recenso
Trifide Trifide
Messaggi: 233
MessaggioInviato: Ven 16 Dic, 2011 03:10    Oggetto: Re: Sarah Connor: madre e guerrigliera   

L'analisi proposta nell'articolo è stata affascinante, complimenti all'autrice Smile
Recenso.com
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum