INRI


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Lun 18 Lug, 2011 08:43    Oggetto: INRI   

INRI

Portabandiera della New Wave, corrente letteraria decisa a cambiare i canoni della fantascienza, Michael Moorcock debutta su Urania Collezione di luglio con una delle sue opere più controverse.

Leggi l'articolo.
Manex
Cylon Cylon
Messaggi: 285
Località: milano
MessaggioInviato: Lun 18 Lug, 2011 08:43    Oggetto: Re: INRI   

Preso al volo! Very Happy Gaudio e giubilo!
--
Ciao
Emanuele
DiVega
Fabbricante di universi Fabbricante di universi
Messaggi: 1395
Località: Brixia
MessaggioInviato: Lun 18 Lug, 2011 10:23    Oggetto: Re: INRI   

Di Moorcock ho letto solo i suoi due cicli Fantasy del Campione Eterno e La Runa Magica, ad essere sincero non mi sono piaciuti.

Trovo proprio il suo modo di scrivere particolarmente indigesto... comunque essendo solo 188 pagine credo di dargli un'altra possibilità.
Avete tutti una gran paura di me, normalmente lo prenderei come un complimento.
Ma non è di me che vi dovete preoccupare.


Richard B. Riddick - Pitch Black
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Lun 18 Lug, 2011 20:51    Oggetto:   

Sono a metà.
Perplesso.
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Marco Casetta
Morlock
Messaggi: 79
MessaggioInviato: Mer 20 Lug, 2011 18:48    Oggetto: Re: INRI   

Condivido la perplessità e mi pare un tentativo di stupire fine a se stesso. Non fa opera di critica storica, ma dà per scontato che il cristianesimo sia basato su un mito. E' un'opera di antifede, che chiede una sorta di professione negativa sul fatto che Cristo non fosse quello dei Vangeli. Il che può pure sostenersi, ma darlo per verità assoluta è assurdo. Preferisco, di Moorcock, il Professor Faustaff
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mer 20 Lug, 2011 19:12    Oggetto: Re: INRI   

(Marco Casetta) ha scritto:
Condivido la perplessità e mi pare un tentativo di stupire fine a se stesso. Non fa opera di critica storica, ma dà per scontato che il cristianesimo sia basato su un mito. E' un'opera di antifede, che chiede una sorta di professione negativa sul fatto che Cristo non fosse quello dei Vangeli. Il che può pure sostenersi, ma darlo per verità assoluta è assurdo. Preferisco, di Moorcock, il Professor Faustaff


Guarda che è un romanzo, non un libro di storia. Un romanzo può sostenere quello che gli pare, basta che sia verosimile.
De resto c'è fior fior di narrativa che racconta la storia di Gesù para para a quella del vangeli con tutto il suo corredo di misticismo: ancora più inverosimile di quella di Moorcock, no?
S*
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 16793
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 08:29    Oggetto:   

INRI l'ho letto qualche anno fa, vinse il Nebula 67 per il romanzo breve. Tra l'altro ce l'ho in un'edizione un po' rara.

Questo quanto ne scrissi:

"...scritto piuttosto bene, con un’idea di base interessante, punta a sesso e religione, che tirano sempre, risultando, se vogliamo, quasi pornografico in alcuni momenti e sicuramente blasfemo in molti altri. Nel complesso però un’opera discreta, non di più."
(carlo s)
Ospite

MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 09:17    Oggetto: Re: INRI   

" E' un'opera di antifede, che chiede una sorta di professione negativa sul fatto che Cristo non fosse quello dei Vangeli. Il che può pure sostenersi, ma darlo per verità assoluta è assurdo."
Fede e antifede. Interessante: l'antifede è assurda e la fede come VERITA' assoluta è invece legittima.
Ho riflettuto: è semmai l'antifede (che si può chiamare scetticismo) ad avere diritto di cittadinanza mentre è la fede ad essere "assurda" e ANTIVERITA'.
Infatti è chi afferma qualcosa che deve portare LE PROVE di quanto afferma e non agli altri provare che sbaglia.
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 10:10    Oggetto: Re: INRI   

(carlo s) ha scritto:
Infatti è chi afferma qualcosa che deve portare LE PROVE di quanto afferma e non agli altri provare che sbaglia.


Be', finché si tiene le proprie convinzioni per sé e non cerca di imporle agli altri non è tenuto a portare le prove. Si chiama fede per questo.
S*
Anacho
Goa'uld Goa'uld
Messaggi: 1003
MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 10:54    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:
INRI l'ho letto qualche anno fa, vinse il Nebula 67 per il romanzo breve. Tra l'altro ce l'ho in un'edizione un po' rara.


Nova nr. 1, dedicato alle religioni.

Citazione:
Questo quanto ne scrissi:

"...scritto piuttosto bene, con un’idea di base interessante, punta a sesso e religione, che tirano sempre, risultando, se vogliamo, quasi pornografico in alcuni momenti e sicuramente blasfemo in molti altri. Nel complesso però un’opera discreta, non di più."


Sul sesso non sono d'accordo, non mi pare ci siano quelle gran scene pornografiche, non credo che le esperienze con donne e uomini... e anche da solo del protagonista impressionasero più di tanto nemmeno negli anni sessanta.
Blasfemo si, ma, come ha detto S*, si tratta di un romanzo, nello stesso numero di Nova c'è il racconto Strade di Seabury Quinn che è esattamente opposto a quello di Moorcock, nessuno dei due è, imho, plausibile, ma questo non è necessario per un'opera letteraria.
Quanto al discreto... non lo era nemmeno il racconto, il romanzo è palloso assai.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 16793
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 11:12    Oggetto:   

Sì, l'edizione mi sa che è quella.

Sul giudizio, beh, io mi ero tenuto un po' più sul diplomatico...

In effetti in certi momenti è sicuramente pallosetto. Sul pornografico ("quasi pornografico, se vogliamo", ma se non vogliamo , va bene lo stesso), quando lo lessi mi diede questa impressione, dovrei rileggermelo, ma con tutto quello che ho da leggere, non ci contiamo poi molto.
senji
Horus Horus
Messaggi: 2594
Località: toscana
MessaggioInviato: Gio 21 Lug, 2011 16:28    Oggetto:   

Non l'ho letto,
non l'ho comprato,
non mi "tira" per niente...

... e sembra proprio una ciofeca, da quello che scrivete...
Anacho
Goa'uld Goa'uld
Messaggi: 1003
MessaggioInviato: Ven 22 Lug, 2011 07:02    Oggetto:   

Tobanis ha scritto:
Sul pornografico ("quasi pornografico, se vogliamo", ma se non vogliamo , va bene lo stesso),


I subdirdir ragionano per assoluti, chi porta il rosa e il blu non può perdere tempo in inutili distinzioni... in effetti "quasi pornografico" suona bene.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum