Midnight in Paris


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Gio 05 Gen, 2012 10:43    Oggetto: Midnight in Paris   

Midnight in Paris



Leggi la recensione.
MessaggioInviato: Gio 05 Gen, 2012 10:43    Oggetto: Re: Midnight in Paris   

Devo dire di essere di parere completamente opposto, questo film l'ho trovato vacuo, noioso e ripetitivo... Allen è alla frutta, tutti gli stereotipi possibili e immaginabili su Parigi, i soliti personaggi tutti uguali a tutti i film di Woody (la fidanzata stronza, l'amico pedante, il protagonista sognatore romantico e con i soliti tic e modi di parlare di Alle), e poi il viaggio nel tempo, una inutile galleria di personaggi famosi con dialoghi senza ne capo ne coda, situazioni forzate e ridicole (l'incontro finale con la rigattiera, come se Parigi fosse un paesino di 100 abitanti...), Voto 4 (su 10)
Vittorio Catani
Trifide Trifide
Messaggi: 229
MessaggioInviato: Ven 06 Gen, 2012 08:57    Oggetto: Re: Midnight in Paris   

Il mondo e' bello perche' e' vario. Accetto tranquillamente il tuo parere. Sui gusti non si discute. Personalmente posso solo dire, o ripetere, che invece il film mi e' apparso un prodotto che manipola alcuni ingredienti assolutamente non facili da gestire, sia tecnici sia contenutistici, con mano sapientissima. Allen dimostra, in questa prova, non solo competenza del mestiere quanto anche conoscenza dei meccanismi che entrano in ballo allorche' si vogliono fondere in modo "credibile" realismo e fantastico. Su questo punto non vedo sbavature e anzi le intromissioni del fantastico sono centellinate in modo esemplare, come pure gli spunti ironici o umoristici, che non appaiono mai fuori luogo. La galleria dei personaggi famosi (il compositore Cole Porter al pianoforte, i grandi della pittura etc.) mi e' sembrata divertentissima e originale, e trovo i tic o le caratteristiche di questi personaggi perfettamente rispondenti, o comunque verosimili, rispetto alle notizie che su costoro la storia ci tramanda. Anche quella specie di "album di vecchie foto di Parigi un po' sbiadite" che il film sembra sfogliare davanti ai nostri occhi si intona al tutto. Certo, non proprio ogni cosa è perfetta. Quanto all'incontro con la rigattiera: mi sembra quasi nulla rispetto all'incontro con un Toulouse-Lautrec e tutti gli altri:-) Non sto gridando al capolavoro. Ma quasi. Ciao!
MessaggioInviato: Ven 06 Gen, 2012 23:38    Oggetto: Re: Midnight in Paris   

A me il film è piaciuto tantissimo, mi ha ricordato La rosa purpurea del Cairo per l'aver mescolato la realtà con il fantastico in modo dolce e mai fuori dalle righe. Quando Woody gira a Parigi i suoi film si tingono di "magico" . Mi son piaciuti tutti gli attori e Owen Wilson è cresciuto e maturato ed interpreta bene il sognatore un po' ingenuo, un po' insoddisfatto, che però alla fine sa anche crescere e prendere una decisione oculata per la sua vita. Beh ne ha fatta di strada dai film con Jacky Chang (che tra le altre cose a me hanno divertito un mondo).
Ma il film è una sottile riflessione sulla vita e sui sogni, e su come alle volte i nostri sogni ci impediscano di vedere la realtà come è, per rifugiarsi in melanconiche rivisite del passato, per impedirci di vedere il presente e di accettarlo e di conseguenza di viverlo in pieno. E' un bel tema su cui riflettere, è il Woody migliore, filosofico tra le righe, divertente, poetico, come in Delitti e misfatti, La rosa purpurea del Caro , Tutti dicono I love you o Pallottole su Broadway.
bel blog, lo rivisiterò, adoro il cinema!
marco_casolino
Gizmo
Messaggi: 27
MessaggioInviato: Mar 06 Mar, 2012 17:26    Oggetto:   

Anche io ho apprezzato molto Midnight in Paris. Fantascienza alla Woody Allen (che di solito non mi entusiasma troppo), umoristico ma ben riusciti i vari passaggi temporali che espandono lo scenario. Certo non un capolavoro ma sicuramente meglio di molti altri film di pseudo-fantascienza alla Emmerich...

marco

------------
www.casolino.it
Alco99
Hortha Hortha
Messaggi: 118
Località: Contado della Marca
MessaggioInviato: Gio 08 Mar, 2012 00:03    Oggetto: Re: Midnight in Paris   

Non so perché, ma legare il termine fantascienza a questo film mi sembra forzato. Preferisco pensarlo come a una dichiarazione d'amore sul filo della nostalgia. Bellissimo, ottimi dialoghi. Il solito ebreo, ipocondriaco e assolutamente geniale. Ti fa venir voglia di tornare a Parigi.
- Tessera SVIC n°1 -
marco_casolino
Gizmo
Messaggi: 27
MessaggioInviato: Gio 15 Mar, 2012 11:52    Oggetto:   

a me è piaciuto. Ho trovato simpatico Owen Wilson e carina l'idea del (multi) trasporto temporale. Di solito non sono un gran fan di Woody Allen, ma ho apprezzato molto la freschezza di questa avventura Parigina...


Marco


------
www.casolino.it
Bezdomnyj
Agguantatore a strisce
Messaggi: 10
MessaggioInviato: Mar 10 Apr, 2012 16:59    Oggetto:   

Anche a me è piaciuto, anche se non è certo uno dei suoi migliori (tra gli ultimi gli preferisco senz'altro "Basta che funzioni").
Comunque Woody Allen ha grande mestiere e diverte sempre.

Guardando il film mi è venuto in mente il romanzo di Jack Finney "Indietro nel tempo" dove, diversamente dal film di Allen, il protagonista tornerà nella New York d'un tempo.

Nessuno sa se da questo libro sia stato tratto un film?
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum