Cento anni dopo, John Carter torna su Marte


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Lun 12 Mar, 2012 10:34    Oggetto: Cento anni dopo, John Carter torna su Marte   

Cento anni dopo, John Carter torna su Marte

Arriva nelle sale il film di Andrew Stanton, tratto dall'omonimo romanzo di Edgar Rice Burroughs, con protagonisti Taylor Kitsch e Lynn Collins .

Leggi l'articolo.
Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2648
MessaggioInviato: Lun 12 Mar, 2012 10:35    Oggetto: Re: Cento anni dopo, John Carter torna su Marte   

Ieri, su Rai 2 hanno detto che è adirittura il padre di tutti supereroi...
Question
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Lun 12 Mar, 2012 10:45    Oggetto: Re: Cento anni dopo, John Carter torna su Marte   

Micronaut ha scritto:
Ieri, su Rai 2 hanno detto che è adirittura il padre di tutti supereroi...


Be', il dettaglio dell'essere in grado di fare enormi salti grazie alla minore gravità, che è ripreso pari pari nel primo Superman (che saltava, non volava, e proprio per la stessa ragione) è interessante.

Certamente John Carter è anteriore a Superman, Zorro e tutti gli altri. L'unico superuomo precedente è quello di Nietzsche Smile
S*
Paolo7
Work in progress
Messaggi: 4496
MessaggioInviato: Lun 12 Mar, 2012 10:52    Oggetto: Re: Cento anni dopo, John Carter torna su Marte   

S* ha scritto:

Certamente John Carter è anteriore a Superman, Zorro e tutti gli altri. L'unico superuomo precedente è quello di Nietzsche Smile
S*


Se però risaliamo alla mitologia classica, troviamo un bel po' d'ispirazione...
Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2648
MessaggioInviato: Lun 12 Mar, 2012 13:12    Oggetto:   

In realtà, volendo essere pignoli, John Carter ha almeno un precursore, molto meno famoso, Gullivar Jones di E.L. Arnold, che probabilmente è stata l'ispirazione di ERB... che ha avuto una bella trasposizione fumettistica (molto alla John Carter per la verità), bella almeno fin quando fu disegnata dal grande Gil Kane, io l'ho letta da ragazzo nelle mitiche edizioni Corno; qualche anno fa il romanzo era stato pubblicato (penso per la prima volta in Italia) dal buon Giuseppe Lippi nei Classici Urania...

http://en.wikipedia.org/wiki/Lieutenant_Gullivar_Jones:_His_Vacation



MessaggioInviato: Sab 17 Mar, 2012 12:47    Oggetto: Re: Cento anni dopo, John Carter torna su Marte   

Bell'articolo, da condividere assolutamente.
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Sab 17 Mar, 2012 13:47    Oggetto:   

Accidenti. del libro sul tenete Jones c'è solo la versione in inglese dell'ebook.
(link di wiki).
Stando alla storia, sembra un tantino più "moderno" rispetto a John Carter.
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2648
MessaggioInviato: Lun 19 Mar, 2012 12:23    Oggetto:   

KVT Palomino ha scritto:
Accidenti. del libro sul tenete Jones c'è solo la versione in inglese dell'ebook.
(link di wiki).
Stando alla storia, sembra un tantino più "moderno" rispetto a John Carter.
Palomino.


In Project Gutenberg trovi l'etext in inglese (che è una bella cosa), ma dovresti cercare su ebay o magari in qualche bancarella la versione dei classici urania, che proponeva una bella traduzione.

Io comunque ho letto il romanzo in italiano ed in effetti la storia presenta delle differenze; il romanzo del tenente Jones sembra una traspozione "marziana" del classico di H.G. Wells "la macchina del tempo", il protagonista si trova catapultato su un Marte dove vivono due razze: una di ebeti, l'altra una razza feroce che li sfrutta come schiavi... mi ricordava molto la suddivisione tra Eloi e Morlock di "the time machine"; poi Jones è molto più passivo di John Carter, inizialmente racconta il suo viaggio incredibile, poi si erge a paladino della razza più debole ma facendo quel che può, più che altro cercando di sopravvivere; John Carter invece decide le sorti della guerra tra la razza di marziani e quella degli umanoidi. Inoltre mentre il pianeta Marte di ERB è desertico, quello di Arnold è ricoperto da giungle e foreste pluviali (un'ambientazione ripresa poi da ERB per i romanzi ambientati su Venere).

La versione fumettistica Gullivar Jones deve invece molto ad ERB; Gullivar Jones è se non sbaglio un reduce del Vietnam, che si trova catapultato, per colpa di un extraterrestre, in una Marte incredibilmente violento dove convivono razze differenti; quelle dominanti sono gli umanoidi dalla pelle d'orata e i marziani dalla pelle rossa. Gullivar Jones si innamora di una bellisima principessa marziana pin-up dalla pelle d'orata e la difende da un mondo iper-violento, pieno di trappole ed insidie... (quasi come un Conan marziano).

Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2648
MessaggioInviato: Ven 11 Dic, 2015 22:34    Oggetto:   

Lo sto rivedendendo ora in TV, a me sembra tutto sommato una bella avventura, in salsa steampunk... chissà perchè non ha avuto successo...
Albacube
Reloaded
Messaggi: 4512
Località: Un paesello padovano
MessaggioInviato: Sab 12 Dic, 2015 02:40    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
Accidenti. del libro sul tenete Jones c'è solo la versione in inglese dell'ebook.
(link di wiki).
Stando alla storia, sembra un tantino più "moderno" rispetto a John Carter.
Palomino.

Ma non è il penultimo Urania Collezione uscito, il 154? (se non sbaglio pure in offerta in questo periodo in versione digitale?).
Fedemone
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1696
MessaggioInviato: Ven 18 Dic, 2015 11:19    Oggetto:   

Sì esatto. E Gulliver Jones lo trovo minore al John Carter
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum