Revolution: parlano i protagonisti


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 08:22    Oggetto: Revolution: parlano i protagonisti   

Revolution: parlano i protagonisti

Billy Burke e Tracy Spiridakos parlano della nuova serie post-apocalittica tragata NBC.

Leggi l'articolo.
fabioli
Trifide Trifide
Messaggi: 242
MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 08:22    Oggetto: Re: Revolution: parlano i protagonisti   

Sono curioso di vedere come verrà trattato il tema dell'emancipazione femminile in un mondo che riavvolge il nastro all'epoca pre-industriale. Piero Angelo, in maniera provocatoria (ma nemmeo tanto) è solito dire che "l'emancipazione femminile è un sottoprodotto del petrolio". Ovviamente la frase è detta al puro scopo di stimolare la discussione sul tema del rapporto tra civiltà industriale e sviluppo sociale; lungi da me credere che Angela sia un maschilista "tout court". Certo è che sarebbe interessante capire chi laverebbe i panni nel catino, chi accudirebbe i figli o cucinerebbe in una società in cui il duro, lento e inefficiente lavoro manuale torna ad essere alla base dell'attività umane. Fino ad ora, le serie che in qualche maniera hanno trattato del ritorno al passato della società umana, mi pare abbiano glissato sull'argomento, magari relegandolo a qualche personaggio secondario e lasciando alle protagoniste femminili il ruolo di moderne Giovanna D'Arco, certamente più interessante e "sexy" da raccontare delle vicende di una novella (e disperata) massaia.
Requiem Solitario
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2166
MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 10:02    Oggetto:   

In Falling Skyes, che costituisce l'esempio di cosa NON fare quando si deve produrre e girare una serie di s/f postapocalittica, avevo l'impressione che le donne fossero abbastanza relegate a massaie.
C'era la bella fidanzata che si faceva rapire, la bella dottoressa che curava i ragazzi impiantati, la ragazza venuta dalla campagna che guidava le preghiere collettive... Volete dire che questo trattamento è coerente con un'involuzione sociale? Mah.
Comunque spero bene per la serie, anche se le premesse non sono granchè originali. Ovvio che gli attori giurino sulla loro gioia nel partecipare a un così bel progetto, ma ci vogliono trame, ci vuole stile, ci vuole una regia adrenalinica per rendere al meglio una realtà post-apocalittica.
Già il fatto, se ho capito bene, che la serie sia ambientata 15 anni DOPO la causa del cataclisma non mi fa ben sperare...
"Se guardi il cielo e fissi una stella, se senti dei brividi sotto la pelle, non coprirti, non cercare calore, non è freddo ma è solo amore." (Kahlil Gibran)
(antonio ata)
Ospite

MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 11:02    Oggetto: Re: Revolution: parlano i protagonisti   

Ovviamente le donne tornerebbero a fare quello che facevano un paio di secoli fa....tranne forse qualche sparuta tribu' di amazzoni, in qualche luogo isolato.
Le donne sono fisiologicamente superiori agli uomini, ma in termini di forza e in un mondo cosi' primitivo, cederebbero nuovamente il passo....
Sergio Donato
Subdirdir Subdirdir
Messaggi: 509
MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 11:25    Oggetto: Re: Revolution: parlano i protagonisti   

Difendo Falling Skies non come serie in sé, che ha qualche lacuna, ma spostandola più sull'apocalittico che sul post.
Sono passati tre mesi dall'arrivo degli skitter. Non è un postapocalittico. Quasi tutti gli schemi sociali sono ancora in piedi. Poi si può discutere quanto si vuole sui ruoli dei sessi, anche se a me il politicamente corretto ha francamente annoiato.
In un gruppo di sciocchi il mediocre è un genio.
http://sergio-donato.blogspot.com
MessaggioInviato: Ven 08 Giu, 2012 12:17    Oggetto: Re: Revolution: parlano i protagonisti   

La caratteristica di questa serie non potrà mai essere l'originalità, in quanto dello spunto da cui essa trae origine tutto sipuò dire trannne che sia originale.
Nella narrativa fantastica ( s f/horror) è una situzione classica: accade qualche cosa che distrugge la società umana come l conosciamo ( guerra nucleare, mutamenti climatici, invasioni aliene,zombi in abbondanza) e si assiste alla lotta dei sopravvissuti per restare in vita e cercare di ricostruire una vita in comune.
La forza di questo genere di racconti è la capaictà di descrivere con realismo il mutamento dei comportamenti dei sopravvissuti, le nuove dinamiche personali e di gruppo che si creranno tra le persone.
Il tutto ovviamente amalgamato con avventure e colpi di scena, con un giusta dose di sop opera e di humor per divertire e appassionare il pubblico.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum