Into Darkness - Star Trek


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 24, 25, 26, 27, 28  Successivo
Autore Messaggio
BradipoRomantico
Eloi Eloi
Messaggi: 434
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 10:32    Oggetto:   

MiaPiccolina ha scritto:
BradipoRomantico ha scritto:

Chi invece ha sempre messo le navi sullo stesso piano degli attori può aver sofferto nel vederla messo in secondo piano.


In che senso è stata messa in secondo piano???
Te la fanno vedere quando è in costruzione.
Te la fanno vedere quando è attraccata al molo spaziale.
Te la fanno vedere da sopra, da sotto, d'avanti, da dietro.
Ti fanno vedere le navette come entrano.
Te la fanno vedere a curvatura. Mentre sta ferma. Sottosopra con la bellissima controzommata dalla plancia a tutta la nave.
Te la fanno vedere mentre esegue le famose "manovre evasive", che le altre navi in questo frangente stavano sempre ferme.
Te la fanno vedere mentre combatte.
Te la fanno vedere mentre esce dall'atmosfera di Titano...

Ora mi vuoi dire che visto che queste scene non durano 10 minuti, significa che la nave è stata messa in secondo piano???


anche qui per me si va sui gusti personali, a te bastano ed avanzano, ad altri no. Per te il modo in cui è stata mostarata la nave è quello giusto, per altri no. A me piace il gelato al pistacchio a mia sorella no. A me piace la montagna a molti piace il mare, ...
Non penso che quando studi per diventare regista sul libro di testo ci sia il capitolo in cui si spiega quanti minuti mostrare una nave, con che velocità muovere le telecamere e da quali angolazioni riprenderla. Ogni regista fa le sue scelte, noi come pubblico possiamo essere in sintonia con lui oppure no.
Certamente se al regista viene chiesto di fare un prodotto per il grande pubblico è bene che il suo lavoro piaccia a più persone possibili, se invece il suo è un lavoro di nicchia le sue scelte saranno dirette ad un ristretto gruppo di pubblico più ristretto che ha gusti ben precisi.
- Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea
- Everyone needs a dog to adore him, and a cat to bring him back to reality

(Robert A. Heinlein)
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 10:33    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

dici bene, in Generazioni persino il veliero "Enterprise" della simulazione nel ponte ologrammi, all'inizio del film, è trattato con un senso romantico che Abrams nemmeno ha intuito. Eppure di quella nave non sappiamo nulla, forse non è mai esistita, ma è trattata (visivamente e narrativamente) con amore, non solo perché è pur sempre un'Enterprise, ma, ancora pirma, perché è UNA NAVE, questo rappresenta moltissimo in Star Trek, è un concetto potentissimo. Non avete notato, in quel film, la transazione morbida tra lo spazio stellato, subito dopo l'incidente all'Enterprise-B, e il mare azzurro della scena del ponte ologrammi? Come dire: da un tipo di mare all'altro, da una nave all'altra, QUESTO è Star Trek, e chiacchiere non ce ne vogliono, come diciamo qui a Bari.


Ultima modifica di Ellie Arroway il Dom 07 Lug, 2013 09:23, modificato 1 volta in totale
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 10:36    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

rispondo a BradipoRomantico (post 360). Quello che dici "sui gusti" è molto ragionevole e pacifista, ma purtroppo devo dirmi in disaccordo. Ci sono delle scelte che con Star Trek azzeccano, e altre che non c'azzeccano, non è semplicemente una questione di gusti. Va bene cambiare, ma se tradisci certi aspetti fondamentali allora non stai facendo Star Trek, stai facendo qualche altra cosa.
"C'è una buona possibilità che quando io sarò morto, altri verranno e faranno così bene che le persone diranno "Oh, quello di Roddenberry non era così bello". Ma io sarò lieto di questa frase" (Gene Roddenberry)
BradipoRomantico
Eloi Eloi
Messaggi: 434
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 10:55    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

(Ellie Arroway) ha scritto:
rispondo a BradipoRomantico (post 360). Quello che dici "sui gusti" è molto ragionevole e pacifista, ma purtroppo devo dirmi in disaccordo. Ci sono delle scelte che con Star Trek azzeccano, e altre che non c'azzeccano, non è semplicemente una questione di gusti. Va bene cambiare, ma se tradisci certi aspetti fondamentali allora non stai facendo Star Trek, stai facendo qualche altra cosa.

Per me non si tratta di tradire, ma di trovare il compromesso tra due pubblici diversi.
Da una parte ci siamo noi che abbiamo vissuto una o più avventure a bordo delle navi Enterprise, per noi questo nome ha un significato ed anche quando lo vediamo su prodotti software, su automobili o altro non possiamo fare a meno di pensare alla nave spaziale.
Dall'altra c'è il nuovo pubblico, al quale forse era maggiormente diretto il film, che non ha vissuto nemmeno mezza avventura a bordo di queste navi e quindi non ha il materiale necessario per instaurare un legame emotivo con la nave.
Si doveva quindi fare qualcosa che facesse ricreare immediatamente ai vecchi utenti un legame emotivo con la nuova nave, ma che non fosse tedioso ed incomprensibile per i nuovi.
C'è riuscito ... non c'è riuscito ... A leggere dalle discussioni per qualcuno è riuscito nell'impresa per altri no
- Women and cats will do as they please, and men and dogs should relax and get used to the idea
- Everyone needs a dog to adore him, and a cat to bring him back to reality

(Robert A. Heinlein)
Paolocosmico
Horus Horus
Messaggi: 5248
Località: livorno
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 11:18    Oggetto:   

Poche donne dalle vostre parti eh?





(Sono Jabba loggato come paolocosmico)
" La verità resiste in quanto tale soltanto se non la si tormenta. "
Kruaxi the ferengi
Doktor Merkwürdigliebe Doktor Merkwürdigliebe
Messaggi: 6439
Località: Ferenginar
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 12:45    Oggetto:   

Paolocosmico ha scritto:
Poche donne dalle vostre parti eh?





(Sono Jabba loggato come paolocosmico)


No, le donne ci sono... è che vorremmo tutti una schiava verde di Orione, ma non abbiamo sempre fortuna...
Razz


Salute e Latinum per tutti !
“La ragione ed il senso di giustizia mi dicono che vi è maggior amore per l’uomo nell’elettricità e nel vapore di quanto ve ne sia nella castità e nel rifiuto di mangiare carni”.
Anton Pavlovic Checov
MiaPiccolina
Incal Incal
Messaggi: 1249
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 13:06    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

BradipoRomantico ha scritto:
Da una parte ci siamo noi che abbiamo vissuto una o più avventure a bordo delle navi Enterprise, per noi questo nome ha un significato ed anche quando lo vediamo su prodotti software, su automobili o altro non possiamo fare a meno di pensare alla nave spaziale.


Il mio dubbio e' proprio questo. Come si fa a parlare cosi bene dei film passati. Addirittura citando il nome sul veliero di Generazioni e non provare ugualmente emozione quando Abrams mostra l'Enterprise per la prima volta in entrambi i film.
E non e' nemmeno una questione di tempi narrativi, quel nome sul veliero apparirà per non più di due secondi. Eppure suscita tanto ammirazione, mentre tutte le scene dell'Enterprise che ci sono in due film no.

Allora non e' un problema di stile o di quanti secondi appare la nave nel film. Non e' che forse qui il problema e' sulla questione del reboot e non sullo stile dei film?
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 13:54    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

(Ellie Arroway) ha scritto:
io questa cosa delle carrellate "estenuanti" sull'Enterprise del primo film non la capisco, giuro. Nemmeno un dodicenne parlerebbe così. C'è solo una "carrellata" abbastanza lunga nel primo film, ed è la presentazione dell'Enterprise nel bacino, all'inizio del film. La carrellata non è "estenuante", anzi è un magistrale lavoro di "avvicinamento" (di Kirk nella navetta e di noi spettatori) all'astronave, un'astronave giustamente mitizzata ed enfatizzata da quelle inquadrature (e dalla musica gigantesca di Goldsmith) visto che trattasi di un'atronave che rappresenta qualcosa, che è (già) portatrice di valori, esperienze e avventure.


Se non le capisci magari astieniti dal dare del dodicenne al tuo interlocutore.

Kruaxi ha centrato benissimo il punto e ha assolutamente ragione. Che sia un magistrale lavoro di avvicinamento o meno, è evidente - anche a un dodicenne - che quella scena è fatta per suscitare una reazione emotiva, che se sei un vecchio fan di Star Trek puoi provare, se non lo sei non la provi affatto e ottieni solo una scena lunga e noiosa.

S*
Recenso
Trifide Trifide
Messaggi: 233
MessaggioInviato: Sab 06 Lug, 2013 14:56    Oggetto:   

MiaPiccolina ha scritto:
Si, ma sono tutte cose aggiunte con la propria fantasia, eh.
Se ci mettiamo a giustificare le scena da cose che non sono nel film a sto punto tutto è possibile...

Senza polemica, perché m'interessa molto sapere: come fai ad affermare con questa sicurezza se nel film ci sono quelle cose o meno?
Hai un collegamento telepatico con gli sceneggiatori/regista, per caso? o_O
Allora per te è fantasia pure quello che dice Franius qui riguardo allo Star Trek di Abrams ST XI?
Franius ha scritto:

E quel raggazzo immaturo, si ferma a guardre l'Enterprise nel cantiere di carenaggio e in quel momento secondo me che mostra riverenza a una nave della flotta.
A quella nave che rappresenta contemporaneamente il passato (suo padre) e il futuro (il suo, come allievo della flotta).

Boh!
Secondo me ha anche ragione, è possibile che in quella scena gli autori avessero deciso di rappresentare ciò, però non tutti sono entrati in empatia col Kirk giovane per capirlo. Per esempio io ho visto soltanto un ragazzino che ammira una Corvette gigante.
Come altri non sono entrati in empatia don TMP e nella carrellata di avvicinamento alla nave non hanno visto il rapporto d'amore tra Kirk e l'Enterprise, nonostante tutti gli stacchi sullo sguardo di Kirk. Non credo ci sia nulla di strano: nelle opere artistiche ci sono sempre vari livelli di interpretazione.
La critica è proprio questo: cercare di capire cosa voleva dire il film/libro/dipinto. Ricordiamoci anche che nell'arte la soggettività c'è sempre, siamo esseri umani, ognuno con una sua storia e una sua formazione, siamo fallibili e imperfetti.
MiaPiccolina ha scritto:
Oggi questa scena e' effettivamente estenuante. Magari la prima volta stai li a guardarla affascinato. E' successo a me quando vidi il film la prima volta. Ma alla centesima volta che lo rivedo confesso che ormai metto l'avanti veloce fino al momento in cui parte il tema musicale, cioè a metà dell sequenza.
Se questo significa pensarla come un dodicenne, beh accoglietemi nel club.
Come ho già scritto, non mi interessa far parte di un gruppo costituito solo da vecchi bacucchi (quale sono io per l'anagrafe).

La carrellata a me piace, e dopo averne parlato ieri mi è venuto un rigurgito e sono andata su Youtube a rivedermela. Un tuffo al cuore, non ci posso fare niente. Ho rivisto anche quella di Star Trek XI dalla navetta (la scena a terra, al cantiere, non l'ho trovata, purtroppo) e boh, continua a sembrarmi abbastanza rimediata, cioè come se ne vedono in tanti film SF moderni.
Sarò una vecchia bacucca e non me ne dolgo, ritengo che l'età aggiunga qualcosa e non levi...
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 08:09    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

MiaPiccolina ha scritto:

Il mio dubbio e' proprio questo. Come si fa a parlare cosi bene dei film passati. Addirittura citando il nome sul veliero di Generazioni e non provare ugualmente emozione quando Abrams mostra l'Enterprise per la prima volta in entrambi i film.
E non e' nemmeno una questione di tempi narrativi, quel nome sul veliero apparirà per non più di due secondi. Eppure suscita tanto ammirazione, mentre tutte le scene dell'Enterprise che ci sono in due film no.


esatto, è proprio così. Non è una questione di tempi, è una questione di modo, il cinema è una questione di modo. La carrellata di TMP poteva anche durare meno, sarebbe stato comunque un atto d'amore, proprio per come è realizzata. Abrams potrebbe star per mezz'ora con la cinepresa puntata sull'Enterprise, e ciononostante non trasmettere nulla.
MiaPiccolina
Incal Incal
Messaggi: 1249
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 08:48    Oggetto:   

Recenso ha scritto:

Senza polemica, perché m'interessa molto sapere: come fai ad affermare con questa sicurezza se nel film ci sono quelle cose o meno?
Hai un collegamento telepatico con gli sceneggiatori/regista, per caso?


E tu come fai ad essere certa che Wise volesse omaggiare il rapporto tra Kirk e l'Enterprise? Cioè secondo te l'ha fatta durare 10 minuti proprio per questo?

Non e' più probabile che avessero i soldi per mostrare l'Enterprise in un certo modo, che nella serie TV era impossibile, e che quindi hanno indugiato per 10 minuti sul modellino proprio per questo?

Recenso ha scritto:

Allora per te è fantasia pure quello che dice Franius qui riguardo allo Star Trek di Abrams ST XI?


Certo, sono considerazioni personali. Anche io potrei scriverti lunghe filippiche sulle emozioni che mi hanno trasmesso le immagini dei film di Abrams. Ma ne io e ne Frainus le usiamo per dimostrare che il lavoro di Abrams e' perfetto mentre il resto e' cacca.
MiaPiccolina
Incal Incal
Messaggi: 1249
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 09:06    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Ellie Arroway ha scritto:

esatto, è proprio così. Non è una questione di tempi, è una questione di modo, il cinema è una questione di modo. La carrellata di TMP poteva anche durare meno, sarebbe stato comunque un atto d'amore, proprio per come è realizzata. Abrams potrebbe star per mezz'ora con la cinepresa puntata sull'Enterprise, e ciononostante non trasmettere nulla.


Si, ma continua a sfuggirmi il modo che secondo te e' corretto. Quale sarebbe la differenza tra una telecamera che passa sul nome della nave e una telecamera che passa sul nome della nave?
Ellie Arroway
Chtorr Chtorr
Messaggi: 347
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 09:07    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

S* ha scritto:
(Ellie Arroway) ha scritto:
io questa cosa delle carrellate "estenuanti" sull'Enterprise del primo film non la capisco, giuro.
Nemmeno un dodicenne parlerebbe così.


Se non le capisci magari astieniti dal dare del dodicenne al tuo interlocutore.


i miei interlocutori ti sono grati di questo utile intervento, anche se qualcuno già aveva autonomamente manifestato il proprio disappunto.

D'altra parte ho poi precisato cosa intendo con mentalità di dodici-quindicenne, cioè l'incapacità di porre attenzione e di apprezzare qualsiasi cosa che comporti un impegno superie all minuto di orologio, o meno, quindi il problema è di chi si riconosce in questa descrzione.

inoltre mi riferivo ai dodicenni di oggi, visto che pure noi avevamo la stesa età, o meno, quando abbiamo conosciuto e imparato ad amare Star Trek.

Citazione:

Kruaxi ha centrato benissimo il punto e ha assolutamente ragione. Che sia un magistrale lavoro di avvicinamento o meno, è evidente - anche a un dodicenne - che quella scena è fatta per suscitare una reazione emotiva, che se sei un vecchio fan di Star Trek puoi provare, se non lo sei non la provi affatto e ottieni solo una scena lunga e noiosa.


No, è sbagliato. La colpa è di chi guarda, non dell'autore. Al massimo si potrà dire "non è nelle mie corde", "non fa per me", "preferisco altre cose", ma non "è estenuante". Se uno si addormenta durantel'esecuzione del Nabucco, o dello Schiaccianoci, o dell'Anello del Nibelungo, di chi è la colpa? Sua, oppure di Verdi, Tchakovski e Wagner, che dovevano realizzare le loro opere in modo meno "estenuante"? O non saranno forse così come sono proprio per suscitare determinate emozioni (in chi è in grado di coglierle?)

Anche per Star Trek, come per qualsiasi altro prodotto artistico/espressivo, Il problema è di chi si annoia, e di chi non coglie, non certo mio, non credo che proprio tu arriveresti a giustificare una modalità cinematografica, quella di Abrams, che con ST non c'entra, visto che hai indicato almeno 10 motivi per cui Into Darkness NON è ST. Il maltrattamento dell'enterprise è l'undicesimo, e la completa disattenzione al valore simbolico/emotivo della nave (qualunque nave) è il dodicesimo (ma andava messo al primo posto. o giù di lì).


Ultima modifica di Ellie Arroway il Dom 07 Lug, 2013 09:41, modificato 1 volta in totale
MiaPiccolina
Incal Incal
Messaggi: 1249
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 09:35    Oggetto: Re: Into Darkness - Star Trek   

Ellie Arroway ha scritto:
 Il maltrattamento dell'enterprise è il dodicesimo, e la completa disattenzione al valore simbolico/emotivo della nave è il tredicesimo (ma andava messo al primo posto. o giù di lì).


Ma dai! Ti ha fatto vedere perfino il giovane Kirk che osserva da ebete la nave in costruzione. Proprio come Kirk in The Motion Picture osserva da ebete l'Enterprise. Che doveva fare, far inginocchiare Kirk e farlo pregare?
Recenso
Trifide Trifide
Messaggi: 233
MessaggioInviato: Dom 07 Lug, 2013 10:42    Oggetto:   

MiaPiccolina ha scritto:

E tu come fai ad essere certa che Wise volesse omaggiare il rapporto tra Kirk e l'Enterprise? Cioè secondo te l'ha fatta durare 10 minuti proprio per questo?

Non ne sono "certa", dove lo avrei detto? Question Purtroppo do per scontato che si capisca che esprimo mie opinioni.
MiaPiccolina ha scritto:
Non e' più probabile che avessero i soldi per mostrare l'Enterprise in un certo modo, che nella serie TV era impossibile, e che quindi hanno indugiato per 10 minuti sul modellino proprio per questo?

Certo, è possibile ANCHE questo, però nessuno assicura che sia stato L'UNICO motivo. In un film ci sono vari significati e sottotemi: alcuni li mette il regista, altri gli autori, altri vengono fuori dal loro inconscio e altri dall'inconscio degli spettatori, come quando un uomo osserva una bella donna e inizia a farsi le pippe mentali Very Happy Questo non significa che quelle degli spettatori siano soltanto pippe mentali. Se un film è girato bene, spesso ci azzeccano.
Quella lunga carrellata è chiarissima agli occhi di un fan, ma potrebbe arrivarci anche un non fan. Wise percorre la nave in lungo e in largo con la telecamera, sopra, sotto, ci mancano solo le parti intime Very Happy E quando la navetta con Kirk la raggiunge, la telecamera inquadra la nave di fronte con quelle gondole che sembrano braccia aperte. Ci manca solo che dica "Amore mio" Very Happy
MiaPiccolina ha scritto:
Recenso ha scritto:

Allora per te è fantasia pure quello che dice Franius qui riguardo allo Star Trek di Abrams ST XI?

Certo, sono considerazioni personali. Anche io potrei scriverti lunghe filippiche sulle emozioni che mi hanno trasmesso le immagini dei film di Abrams. Ma ne io e ne Frainus le usiamo per dimostrare che il lavoro di Abrams e' perfetto mentre il resto e' cacca.

"L'ira del fan" docet, infatti Very Happy
Era il 1980. I miei cugini sbavavano per la TOS, io la guardai una volta e mi fece schifo. Anni dopo vidi per caso un altro episodio in tv, e WOW, fu amore a prima vista.
Come ho cercato di farti capire, il vecchio ST non era sempre all'altezza della sua fama, ma hai obiettavo che mi nascondevo dietro le parole.... E per me, come per altri, non faceva tutto schifo, ci sono episodi indimenticabili che da soli valgono la serie. Da Abrams non mi aspetto che tutto sia perfetto, ma come ti ha detto anche il Ferengi "qui si va oltre". Si va oltre le note debolezze di ST, e certe cadute nella TOS erano anche accettabili perché negli anni '60 molte cose non si sapevano (nonostante ciò si sono inventati un motore a curvatura, che alcuni fisici sostengono di poter costruire in questo secolo, tra le altre cose).
Propormi SF anni '50 (manco anni '60) nel 2013 in un prodotto che doveva "svecchiare" Star Trek, con tanto di reboot che avrebbe potuto aprire nuove strade, e poi ripercorrere le stesse scene dei vecchi film cambiandole un po' e "cubetti di ghiaccio" che dovrebbero spegnere un vulcano, mi sembra una presa in giro. Se vogliamo considerarlo una parodia della TOS va bene, ma la Paramount lo presenta come film vero.
A questo punto le rispondo che se voglio SF anni '50 posso risparmiare il biglietto e rivedermi i film del dr. Quatermass, del quale peraltro sono pure fan Very Happy
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 24, 25, 26, 27, 28  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum