Realm: la nuova supereroina made in Stan Lee


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Mer 04 Nov, 2015 01:17    Oggetto: Realm: la nuova supereroina made in Stan Lee   

Realm: la nuova supereroina made in Stan Lee

Il mondo dei supereroi cinematografici sta per conoscere un nome del tutto nuovo, che apre le porte non solo a un target spesso messo in secondo piano, ma a nuove possibilità a livello mondiale.



Leggi l'articolo
Naismith
Vogon Vogon
Messaggi: 653
MessaggioInviato: Mer 04 Nov, 2015 01:17    Oggetto: Realm: la nuova supereroina made in Stan Lee   

Troppo presto e troppe poche informazioni per azzardare una previsione. Se personalmente plaudo all'idea di avere una protagonista donna, ma in certo senso se ne sono viste in questi anni, dai poteri (quasi) superumani, spero in una realizzazione degna e in un personaggio ben approfondito.
Il fatto che la protagonista sarà cinese, invece, lo trovo niente affatto coraggioso caro Stan Lee, visto che quello cinese è ormai il mercato di riferimento per salvare il bilancio di un film dai destini incerti (vedi Pacific Rim) o amplificare i guadagni di un buon successo occidentale. Il coraggio sarebbe stato avere un'eroina del Congo, o Libanese, o comunque di una nazione che non garantisca centinai di milioni di spettatori "partigiani". Smile
Luke Saian
Morlock
Messaggi: 55
MessaggioInviato: Mer 04 Nov, 2015 12:36    Oggetto: Realm: la nuova supereroina made in Stan Lee   


Citazione:
[url:26d553bb52="http://www.fantascienza.com/20610/realm-la-nuova-supereroina-made-in-stan-lee#"]Naismith[/url:26d553bb52] mercoledì, 4 novembre 2015, 1:17
Troppo presto e troppe poche informazioni per azzardare una previsione. Se personalmente plaudo all'idea di avere una protagonista donna, ma in certo senso se ne sono viste in questi anni, dai poteri (quasi) superumani, spero in una realizzazione degna e in un personaggio ben approfondito.
Il fatto che la protagonista sarà cinese, invece, lo trovo niente affatto coraggioso caro Stan Lee, visto che quello cinese è ormai il mercato di riferimento per salvare il bilancio di un film dai destini incerti (vedi Pacific Rim) o amplificare i guadagni di un buon successo occidentale. Il coraggio sarebbe stato avere un'eroina del Congo, o Libanese, o comunque di una nazione che non garantisca centinai di milioni di spettatori "partigiani".

Sono d'accordo sul "poco coraggio" dal punto di vista economico, però probabilmente qui si parla proprio del pubblico occidentale, abituato a personaggi orientali fortemente stereotipati e ancorati alla loro cultura "lontana e misteriosa". In tutti i film occidentali il  personaggio asiatico è necessariamente un campione di arti marziali poco loquace. Il più delle volte qualcuno mandato a uccidere il protagonista di turno. Quindi penso che il coraggio di stan lee sia nel voler proporre una donna cinese che non sia necessariamente legata al rapporto allievo/maestro alla ricerca di un'antica pergamena ecc. Ma un personaggio più originale. Poi come minimo verrò brutalmente smentito XD Però io l'ho interpretato così.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum