Trump news


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 140, 141, 142  Successivo
Autore Messaggio
Antha
Antha
Messaggi: 5762
MessaggioInviato: Ven 06 Gen, 2017 17:57    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
Nel frattempo Trump ha preso gusto nel minacciare quelli che vogliono investire in messico.
...
Il che è assurdo.

Palomino.

Ma anche no.
Se pensiamo alla deriva che hanno preso economia e finanza negli ultimi 20 anni, non credo valga più la pena di spendersi sulla validità di qualsivoglia teoria economica o quant'altro.
Quindi Se Trump spara le sue o se vuole un po' d'autarchia o di protezionismo ipotizzando di creare posti di lavoro in Casa, ha ragione come qualsiasi chiromante che ha sgovernato i mercati negli ultimi decenni.
Tra l'altro giusto un miliardario poteva permettersi di attaccare la delocalizzazione.
Quella che porta le aziende (anche da noi), a produrre all'estero a costi esteri, per rivendere in Patria a costi da società consumistica.
Di certo Il modesto Obama non ne ha mai avuto il coraggio.
Neil
Ospite

MessaggioInviato: Ven 06 Gen, 2017 18:59    Oggetto:   

Ottimo. forza donald continua così. è notevole che sia un repubblicano ad attaccare la delocalizzazione selvaggia all'estero, prima causa dell declino dell'Occidente con la perdita di decine di milioni di posti di lavoro in europa ed america e la nascita di uan superpotenza pericolosa ed aggressiva economicamente e militarmente di avremo fatto volentieri a meno: LA CINA . Condordo con Antha mr Trump, se manterrà la parola data ha ragione non al 100% ma al 10000 % . Più protezionismo x proteggere quel poco che resta di industrie occidentali
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Ven 06 Gen, 2017 21:29    Oggetto:   

Antha ha scritto:
Palomino ha scritto:
Nel frattempo Trump ha preso gusto nel minacciare quelli che vogliono investire in messico.
...
Il che è assurdo.

Palomino.

Ma anche no.
Se pensiamo alla deriva che hanno preso economia e finanza negli ultimi 20 anni, non credo valga più la pena di spendersi sulla validità di qualsivoglia teoria economica o quant'altro.
Quindi Se Trump spara le sue o se vuole un po' d'autarchia o di protezionismo ipotizzando di creare posti di lavoro in Casa, ha ragione come qualsiasi chiromante che ha sgovernato i mercati negli ultimi decenni.
Tra l'altro giusto un miliardario poteva permettersi di attaccare la delocalizzazione.
Quella che porta le aziende (anche da noi), a produrre all'estero a costi esteri, per rivendere in Patria a costi da società consumistica.
Di certo Il modesto Obama non ne ha mai avuto il coraggio.

Ma la Toyota non è americana.
Comunque Trump parte da una buona posizione.
http://money.cnn.com/2017/01/06/news/economy/december-jobs-report-2016/index.html?sr=fbCNN010617december-jobs-report-20160152PMVODtopLink&linkId=33085215
Da quello che leggo nell'articolo, Obama con la sua politica solo quest'anno ha portato alla creazione di altri 2 milioni di posti di lavoro. Portando la disoccupazione negli USA sotto il 5%. E senza dazi.
Colpo di culo? Può darsi.
In ogni caso solo dopo il 20 gennaio sapremo cosa può fare o non può fare Trump e se i suoi tweet hanno un fondamento.
Se fossi un gomblottista ha questo punto però potrei anche dire che sta favorendo alcuni suoi amichetti della finanza che giocano sulla caduta delle azioni. Come è già successo per altre aziende entrate nella lista dei cattivi di Trump.
Palomino.
L.MCH
Horus Horus
Messaggi: 5871
Località: non pervenuta
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 15:57    Oggetto:   

Per ora Trump si è limitato a fare sparate populistiche e godere dei "risultati" ottenuti per semplice intimidazione o anche senza una vera sostanza perchè l'esito era già noto (tipo lamentarsi del "costo eccessivo" degli F-35 sapendo benissimo che ora che inizia la produzione in grandi quantitativi i costi caleranno drasticamente e potendo quindi poi prendersi il merito di tale calo).

Sarà "interessante" vedere cosa succederà quando sarà in carica a tutti gli effetti e dovrà SCONTRARSI CON DEPUTATI E SENATORI REPUBBLICANI
( su varie cose il GOP ha idee molto diverse da Trump).
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 20:25    Oggetto:   

Mi viene quasi da pensare che alcune aperture da parte delle grandi aziende americane siano più un sistema per evitare problemi in borsa che una vera inversione di rotta.
Un po' anche per tastare il terreno e vedere cosa Trump offrirà in concreto.
Strano che non abbia ancora "attaccato" FCA. Anche lei produce un modello in Messico.
Palomino.
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 20:37    Oggetto:   

Troll ha scritto:
Ottimo. forza donald continua così. è notevole che sia un repubblicano ad attaccare la delocalizzazione selvaggia all'estero, prima causa dell declino dell'Occidente con la perdita di decine di milioni di posti di lavoro in europa ed america e la nascita di uan superpotenza pericolosa ed aggressiva economicamente e militarmente di avremo fatto volentieri a meno: LA CINA . Condordo con Antha mr Trump, se manterrà la parola data ha ragione non al 100% ma al 10000 % . Più protezionismo x proteggere quel poco che resta di industrie occidentali

Troll la Cina sarebbe diventata una potenza economica anche senza il nostro aiuto. L'oppio ed il comunismo ne hanno in parte frenato la rinascita e hanno, come dire, aiutato  l'economia occidentale.
Palomino.
L.MCH
Horus Horus
Messaggi: 5871
Località: non pervenuta
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 20:57    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
Troll la Cina sarebbe diventata una potenza economica anche senza il nostro aiuto. L'oppio ed il comunismo ne hanno in parte frenato la rinascita e hanno, come dire, aiutato  l'economia occidentale.
Palomino.

Il problema non fu ne l'oppio e ne il comunismo.
Alla base di tutto c'era un sistema politico troppo concentrato sul mantenere lo status quo (al punto da ridurre al minimo i contatti con l'esterno) e che ignorò troppo a lungo cosa stava cambiando all'estero.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5852
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 22:43    Oggetto:   

L.MCH ha scritto:

Il problema non fu ne l'oppio e ne il comunismo.
Alla base di tutto c'era un sistema politico troppo concentrato sul mantenere lo status quo (al punto da ridurre al minimo i contatti con l'esterno) e che ignorò troppo a lungo cosa stava cambiando all'estero.

Giusto.
Pero' Palomino ha in un certo senso ragione.
L' oppio e stata la merce che ha creato un nodo storico particolare: la guerra dell' oppio con gli inglesi da un lato segna l' ambivalenza e l' ipocrisia della grande potenza inglese (imporre il libero scambio, che a questo punto non e' piu' libero e non e' neppure scambio ma semmai e' un rapporto del tipo colonizzatore e colonia) con le conseguenze storiche che si vivranno (la storia in qualche maniera presenta sempre il conto, ed oggi la Cina e' il primo finanziatore del debito pubblico del piu' grosso paese anglosassone in giro per il mondo oggi ed ha in qualche maniera "imposto" la sua presenza commerciale in ogni citta' occidentale per lo piu' al di fuori delle regole commerciali indigene) ed i suoi esiti costringeranno la Cina a lungo "nell' angolo"; il comunismo cinese e' una sorta di adeguamento del modello di politica chiusa di cui parli, con tutti gli aspetti negativi che questo comporta.
Il mondo poi va avanti e sebbene non sia, probabilmente, ancora oggi una gran cosa essere un comune cittadino cinese ad ogni modo hanno imparato ad utilizzare i pesanti limiti imposti per usarli come leva per incastrarsi dove erano andati a cozzare secoli prima: all' interno del mercato mondiale (che oggi non e' piu' spezie ed il boss non e' piu' l' impero britannico, ma e' produzione e finanza ed il pesce grosso sono i secessionisti americani).
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 22:53    Oggetto:   

L.MCH ha scritto:
Palomino ha scritto:
Troll la Cina sarebbe diventata una potenza economica anche senza il nostro aiuto. L'oppio ed il comunismo ne hanno in parte frenato la rinascita e hanno, come dire, aiutato  l'economia occidentale.
Palomino.

Il problema non fu ne l'oppio e ne il comunismo.
Alla base di tutto c'era un sistema politico troppo concentrato sul mantenere lo status quo (al punto da ridurre al minimo i contatti con l'esterno) e che ignorò troppo a lungo cosa stava cambiando all'estero.

L'oppio rese schiava la Cina e la rese più debole.
Il comunismo fu una risposta a questa debolezza.
Non so se posso usarlo come esempio o metafora: quando il Dalai Lama incontrò per la prima volta Mao notò che aveva i polsini della giacca lisi. Gli attuali leader "comunisti" della Cina difficilmente li avranno sui loro completi cuciti probabilmente a Londra o Milano.
Una enorme differenza in termini di idee economiche.
Palomino.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5852
MessaggioInviato: Dom 08 Gen, 2017 23:04    Oggetto:   

[quote defaultattr=]L'oppio rese schiava la Cina e la rese più debole.
Il comunismo fu una risposta a questa debolezza. [/quote]
Questo pero' non e' proprio vero.
Nel senso che la Cina era gia' debole: era debole perche' aveva vinto una guerra enorme, unificare tutto il suo paese e dominare culturalmente e politicamente la sua parte di mondo.
Gallo grosso in pollaio piccolo (metaforicamente, si intende): quando arriva il gallo del pollaio vicino e scopre di non essere il gallo piu' grande fatica enormemente ad accettare il ridimensionamento del proprio ruolo.
Ultimamente ci siamo rivisti in tanti i vari Ip Man replicati in televisione.
Bene non c'e' niente di piu' evidente di un film d' azione per spiegare il disagio letteralmente fisico di chi cerca in ogni modo di ribadire la propria superiorita' culturale e "naturale" rispetto all' invasore barbaro, ignorante e necessariamente in qualche maniera da scoprire meno forte.
Tutta la retorica sullo scontro fisico tra arti marziali cinesi e boxeur occidentali non e' altro che questo.
Il comunismo e' stato piu' un incidente storico dovuto a tante cose: fatti contingenti e la storica difficolta' a tenere omogeneo un paese immenso e per molti versi straordinario.
D' altro canto e' vero che l' oppio e' stata una pesante piaga sociale in Cina, ma azzardo a dire (ed e' un bell' azzardo perche' parliamod ell' ottocento ed insomma non sono certamente uno storico eh) che come al solito piu' che altro e' stato un sintomo della decadenza piu' che una causa (quanto meno sul lungo periodo).
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24611
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Lun 09 Gen, 2017 14:21    Oggetto:   

Antha ha scritto:
Quindi Se Trump spara le sue o se vuole un po' d'autarchia o di protezionismo ipotizzando di creare posti di lavoro in Casa, ha ragione come qualsiasi chiromante che ha sgovernato i mercati negli ultimi decenni.

e lo fa sparando supercazzole da 140 caratteri su twitter? la sua non è una strategia: è uno sbraitare senza cognizioni di causa, per far vedere che lui non ha paura di niente. intima alla toyota - ditta non americana - di produrre in america, non in messico, altrimenti lui in persona li randellerà a suon di tasse d'importo (ma lui poi chi cazzo è? qualcuno gliel'ha spiegato che esiste anche un congresso in america?). cosí... a caso. la sua prossima mossa cosa sarà: intimare alla san pellegrino di imbottigliare l'acqua nel north dakota, altrimenti li copre di tasse? che immenso pagliaccio. 
Antha
Antha
Messaggi: 5762
MessaggioInviato: Lun 09 Gen, 2017 17:43    Oggetto:   

jonny lexington ha scritto:
Antha ha scritto:
Quindi Se Trump spara le sue o se vuole un po' d'autarchia o di protezionismo ipotizzando di creare posti di lavoro in Casa, ha ragione come qualsiasi chiromante che ha sgovernato i mercati negli ultimi decenni.

e lo fa sparando supercazzole da 140 caratteri su twitter? 
... che immenso pagliaccio. 

Che fosse un cazzaro è noto da tempo.
Gente sulla carta meno cazzara di lui, ne ha a sua volta fatte peggio di Bertoldo (da Clinton a Bush junior).
Peggio mi suona quindi per i Repubblicani che all'inizio hanno saputo proporre solo leader "confessionali" e ora sembrano voler correre ai ripari prendendo le distanze.
E peggio mi suona pure per per i democratici (in primis gli elettori), che hanno pensato di anteporre a Trump la Clinton, anzichè qualcuno di molto più presentabile (come lo era Sanders).
Sul fatto che poi ora Trump le spari grosse... in molti casi ci vedo anche una sorta di difesa verso "un'offensiva" dell'insapore amministrazione uscente come a menoria d'uomo non ne ricordo.
Detto questo, gli affari interni sono cavoli americani.
Per il resto, come europeo, spero che tenga il punto su Russia e Israele.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5852
MessaggioInviato: Lun 09 Gen, 2017 19:26    Oggetto:   

Antha ha scritto:

E peggio mi suona pure per per i democratici (in primis gli elettori), che hanno pensato di anteporre a Trump la Clinton, anzichè qualcuno di molto più presentabile (come lo era Sanders). 

Mah Sanders aveva le stesse possibilita' di vicere le elezioni di Rubio.
Effettivamente la Clinton era il candidato piu' forte dei democratici ed in ogni caso ha costruito la sua carriera politica per arrivare ad essere il candidato vincente delle primarie di partito.
Ed avrebbe anche potuto vincere, con un candidato repubblicano piu' debole (praticamente tutti quelli opposti a Trump durante le primarie).
Poi via meglio ... peggio... bah ogni tanto e' bello non doversi preoccupare dei disastri che combineranno politici di altri paesi (perche' ripeto i problemi per gli americani saranno tutti interni).
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Lun 09 Gen, 2017 21:25    Oggetto:   

Intanto FCA ha annunciato un piano da un miliardo di dollari per un nuovo stabilimento (pur mantenendo quello messicano).
E FBI ha arrestato un manager Volkswagen per l'affare dieselgate.
http://www.nytimes.com/2017/01/09/business/volkswagen-diesel-emissions-investigation-settlement.html?smid=fb-nytimes&smtyp=cur
Stando al NY Times il dirigente aveva sostenuto che l'"errore" del software era casuale e non voluto. Stando al quotidiano americano Oliver Schmidt sarebbe al centro di una "cospirazione contro i regolamenti degli USA in fatto di emissioni".
Palomino.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5852
MessaggioInviato: Lun 09 Gen, 2017 21:58    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
Stando al NY Times il dirigente aveva sostenuto che l'"errore" del software era casuale e non voluto. Stando al quotidiano americano Oliver Schmidt sarebbe al centro di una "cospirazione contro i regolamenti degli USA in fatto di emissioni".
Palomino.

Ok che il buon Trump ancora non e' sullo scranno ma... cosa dicevo sulle differenze che si sarebbero viste nei confronti dei rapporti economico/giuridici/commerciali nei confronti dell' Europa da parte degli USA?
Nessuna.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Off Topic Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 140, 141, 142  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum