Oscar 2017, Arrival è il film di fantascienza con pi&


Vai a pagina 1, 2  Successivo
Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6389
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 18:59    Oggetto: Oscar 2017, Arrival è il film di fantascienza con pi&   

Oscar 2017, Arrival è il film di fantascienza con più nomination della storia

Otto nomination, inclusi miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura: neppure Kubrick, Lucas e Scott avevano mai ottenuto un risultato così eclatante all'Academy



Leggi l'articolo
Neil
Ospite

MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 19:32    Oggetto: Oscar 2017, Arrival è il film di fantascienza con pi&   

spero li vinca tutti. capolavoro di film.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7566
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 22:16    Oggetto:   

The Dark Night e Interstellar erano superiori (parlando di film recenti), Arrival è quello con il maggior contenuto (fanta)scientifco, anche se non si è approfondito come nel racconto.
Di sicuro una storia difficile da raccontare nel cinema moderno, sopratutto per una produzione di questo calibro
Il grande pregio potrebbe essere quello di far capire che anche una fantascienza più "scientifica" può avere successo al cinema.

Aggiungerei alle candidature SF quella della "Inhumans" Ruth Negga
62STARTREK
Subdirdir Subdirdir
Messaggi: 578
MessaggioInviato: Mar 24 Gen, 2017 23:21    Oggetto:   

Bel film, ricco di contenuti, assolutamente non banale, ben fatto....tutto quelo che volete, ma francamente non ci vedo niente di così epocale da candidarlo ad un Oscar. I.M.H.O. Se poi non c'è altro di meglio, beh allora per esclusione và bene anche Arrival. Anche perchè certe spiegazioni mancano (di punto in bianco da un solo logogramma si è passati alla "costruzione" di un vocabolario, senza spiegare come ci si è arrivati) e certi passaggi sono stati liquidati in fretta e furia senza, appunto, spiegazioni. Non proprio da Oscar, insomma, secondo me.
mikronimo
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1710
Località: dove mi mandano quando rompo...
MessaggioInviato: Mer 25 Gen, 2017 15:49    Oggetto: Oscar 2017, Arrival è record di nomination   

62STARTREK ha scritto:
Bel film, ricco di contenuti, assolutamente non banale, ben fatto....tutto quelo che volete, ma francamente non ci vedo niente di così epocale da candidarlo ad un Oscar. I.M.H.O. Se poi non c'è altro di meglio, beh allora per esclusione và bene anche Arrival. Anche perchè certe spiegazioni mancano (di punto in bianco da un solo logogramma si è passati alla "costruzione" di un vocabolario, senza spiegare come ci si è arrivati) e certi passaggi sono stati liquidati in fretta e furia senza, appunto, spiegazioni. Non proprio da Oscar, insomma, secondo me.

A "noi" potrebbero piacere gli spiegoni, ma immagina a chi di scienza e hard sci-fi poco interessa, che guarda un film del genere solo per il fattore "wow", cosa potrebbe pensare; poi, chissà, magari esce una versione "extended" con spiegazioni alla Contact...
"E' tutto un gran casino, ma nel mondo reale va molto meglio" parafrasando Isaac Asimov, nelle presentazioni ai Premi Hugo.
Jory Kaiden 2
Blobel Blobel
Messaggi: 174
MessaggioInviato: Sab 28 Gen, 2017 20:49    Oggetto: Oscar 2017, Arrival è record di nomination   

Il film e' bello, ma concordo con chi si lamenta che in Arrival succede tutto troppo in FRETTA, si saltano alcuni passaggi, il tempo scade... purtroppo credo sia una limitazione dei tempi cinemagrafici...

sarebbe stata meglio una mini-serie, anche a budget ridotto, visto che in fondo non c'e' cosi' tanto di spettacolare.
jumpjack
Chtorr Chtorr
Messaggi: 319
MessaggioInviato: Mar 07 Feb, 2017 09:20    Oggetto:   

Cito i vostri commenti:

Citazione:
capolavoro di film.


Citazione:
Arrival è quello con il maggior contenuto


Citazione:
Bel film, ricco di contenuti, assolutamente non banale,


Citazione:
succede tutto troppo in FRETTA


E adesso vi domando:
ma che film avete visto????
O forse avete prima letto il romanzo, e il romanzo ha un senso?

No, perchè questo è il film più brutto, noioso e stupido che abbia mai visto negli ultimi anni, forse secondo solo a Interstellar per stupidità (suonare un'arpa di superstringhe per trasmettere le equazioni di Maxwell in codice morse pernso che rimarrà nella storia  della fantascienza e del cinema per sempre).

E ve lo dimostro.
Riassunto del film:
arrivano gli alieni, cosa vorranno?
Fine del riassunto.

No ma dico.... Oscar??? Ma stiamo scherzando??? Hanno forse inventato l'oscar alla noia? O l'oscar per la miglior glottologia? O l'oscar alla sospensione dell'incredulità?
Chi ha osato paragonare questo film a "Incontri ravvicinati del terzo  tipo"???

Due minuti dopo essere entrato in sala ho dovuto cercarmi il biglietto in tasca per controllare se avevo sbagliato sala.
Poi però è DAVVERO iniziato il film (nel senso che i primi 5 minuti di pellicola sono da buttare), ed è iniziato bene: ottima regia, suspense, trama intrigante... Solo che, passati altri 20 minuti, il film è finito: per i restanti 100 minuti non è successo NIENTE di nuovo rispetto ai primi 20!
NIENTE!

Una follia.
Una vergogna per la fantascienza.
Una vergogna per gli oscar. Mi chiedo chi sia il raccomandato: il regista? lo sceneggiatore? Mistero.

E poi non è che non mi piaccia la fantascienza; sono un grande estimatore di "Incontri ravvicinati", "2001", "Inception", ho appena finito di leggere "La guerra dei mondi" di Wells del 1898 ( Smile  ) , gisuto per confrontare con l'originale le due versioni cinematografiche, e "Le sabbie di Marte" di Clarke del 1951, giusto perchè era un po' che non leggevo Clarke...

Ma Arrival è una vera offesa alla fantascienza.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7566
MessaggioInviato: Mar 07 Feb, 2017 11:59    Oggetto:   

jumpjack ha scritto:
Cito i vostri commenti:


Citazione:
capolavoro di film.


Citazione:
Arrival è quello con il maggior contenuto


Citazione:
Bel film, ricco di contenuti, assolutamente non banale,


Citazione:
succede tutto troppo in FRETTA


E adesso vi domando:
ma che film avete visto????
O forse avete prima letto il romanzo, e il romanzo ha un senso?

No, perchè questo è il film più brutto, noioso e stupido che abbia mai visto negli ultimi anni, forse secondo solo a Interstellar per stupidità (suonare un'arpa di superstringhe per trasmettere le equazioni di Maxwell in codice morse pernso che rimarrà nella storia  della fantascienza e del cinema per sempre).

Come al solito questione di gusti, Interstellar per me è un gran bel film, è a parte la parte multimensionale che va "un po' sopra le righe" per il resto è splendido., e di noi neanche l'ombra.
Venendo ad alcuni punti su The Arrival, direi che affermazioni come non succede niente sono un po' strane.
E' un film sul primo contatto con una razza aliena, sull'impatto che ha sull'umanità e soprattutto su come questi alieni abbiano una concezione diversa dello spazio tempo che implica un linguaggio diverso (o viceversa è tutto circolare Wink )
Poi avendo letto il racconto non so quanto questo abbia influito sulla mia comprensione del film, resta il fatto che si tratta di un film che è da seguire con molta attenzione e richiede un impegno per capire il tutto.
Ho anche sentito gente che parlava dei flashback relativi alla figlia (ma dove?) ... ma in in quei casi l'unica cosa che puoi dire è che forse dovresti guardare il film, perché il problema è relativo alle basi della lingua umana.
jumpjack
Chtorr Chtorr
Messaggi: 319
MessaggioInviato: Ven 10 Feb, 2017 11:55    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:

Venendo ad alcuni punti su The Arrival, direi che affermazioni come non succede niente sono un po' strane.


Ho anche sentito gente che parlava dei flashback relativi alla figlia (ma dove?) 

Ripeto la mia domanda:
"Che film avete visto"???
Forse ci sono due "Arrival" diversi al cinema?
O forse questo non è il thread di Arrival, mi sono confuso io?!?
Nel film non succede niente, a parte infilarsi in un disco volante a parlare con Tom e Jerry. (*) Nessuna sottotrama (tranne qualche "sprazzo" di telegiornale ogni tanto).
E il film è pieno di flashback (o flashforward) dall'inizio alla fine.
Non è questione di gusti. Oggettivamente, se il film fosse durato due ore oppure 20 minuti avrebbe trasmesso lo stesso messaggio e le stesse emozioni.
Perciò mi viene da pensare che inizialmente fosse un bel corto di fantascienza, e hanno voluto strafare facendolo diventare un lungometraggio.


(*)Lo studio del linguaggio alieno è bello, affascinante, interessante quanto ti pare... ma far rivedere 5 volte la stesse scene è ammorbante: vestizione, comunicazione, disinfezione, svestizione. Abbiamo capito, andare a parlare con gli alieni è molto complicato. Avevamo capito anche la PRIMA volta che l'hanno fatto vedere...
jonny lexington
Genio del Male Genio del Male
Messaggi: 24611
Località: Quasi polare
MessaggioInviato: Ven 10 Feb, 2017 15:39    Oggetto:   

jumpjack ha scritto:
E adesso vi domando:
ma che film avete visto????
O forse avete prima letto il romanzo, e il romanzo ha un senso?

No, perchè questo è il film più brutto, noioso e stupido che abbia mai visto negli ultimi anni, forse secondo solo a Interstellar per stupidità 

dunque, io non ho letto il racconto su cui è basato il film, eppure sono fra quelli che lo considerano un filmone. non son d'accordo sulla tua considerazione che sia "brutto", poiché l'ho trovato ben fatto, diretto con buona mano, ben delineato e con una fotografia magnifica. non son d'accordo sul fatto che sia "noioso", poiché io son rimasto incollato alla poltrona dall'inizio alla fine e mi ha particolarmente catturato il finale. e non son d'accordo con l'idea che sia "stupido", poiché diversamente l'ho trovato un film che pone domande interessanti e provocatorie e costringe lo spettatore a ragionare. 

infine, a me "interstellar" è piaciuto molto.
Razz
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Sab 11 Feb, 2017 22:23    Oggetto:   

Jumpjack, non ti sorge il dubbio che magari non hai capito niente di quello che hai visto? Può capitare, per carità, magari uno non è in vena, è distratto, si aspetta altro.

Ma supporre che in un film non ci sia *nulla* e che le persone che l'hanno apprezzato siano pazze forse è un filo arrogante, no? Forse nel film c'è qualcosa, forse molto ma molto di più di "arrivano gli alieni cosa vogliono", e a te è sfuggito completamente.

A quel punto forse un pizzico di umiltà non farebbe male.
S*
mikronimo
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1710
Località: dove mi mandano quando rompo...
MessaggioInviato: Dom 12 Feb, 2017 00:55    Oggetto:   

Si, Jumpjack, abbiamo visto due film diversi. SPOILER
La prima parte, quella che vede una donna avere, crescere e perdere una figlia, avendo un sasso al posto del cuore, è sicuramente da buttare, ma a parte questo, è parte essenziale, che introduce tutto il tema del film, cioè come gli esseri umani vivono il tempo e come da questo sono condizionati; non è preambolo, ma ciò che succederà; lei prende sua figlia appena nata tra le mani e ha la fede al dito medio della mano sinistra; quando arriva in aula per la lezione sul Portoghese, il giorno dell'arrivo degli eptapodi, e si passa la borsa tra le mani, non ce l'ha... ci rendiamo conto della cosa solo più tardi, quando lei si domanda: "chi è questa bambina?"; capiamo quindi che non sono flashback, ma visioni del futuro, poiché lei è in grado di vedere il suo futuro e da quello che vede trae informazioni per risolvere dei problemi; ha acquisito questa capacità imparando il linguaggio alieno, l'arma o strumento, che è il dono degli alieni per gli umani, di cui avranno bisogno per un aiuto futuro, tanto bisogno che uno dei due (non ricordo se Gianni o Pinotto) muore nell'esplosione e ci è ormai chiaro che lo dovessero sapere; il film è tutto il racconto, dettagliato e con il giusto ritmo (non corre affatto e spiega molto bene, sia con voce fuori campo, con le intuizioni dei protagonisti, che con le immagini) di come si stabilisca una comprensione reciproca e l'apprendimento del linguaggio alieno, il tutto ostacolato dalle paure di persone impossibilitate a questa comprensione dai limiti dei loro ruoli (il rappresentante CIA che cerca, e vede, minacce, i militari che reagiscono a queste minacce, etc.), dove la protagonista cerca invece riferimenti e similitudini, senza pregiudizi, come base di partenza; è un percorso lento (come potrebbe essere altrimenti), con alcune ripetizioni (che danno il senso della difficoltà di capire l'assolutamente incomprensibile, il massimamente alieno), perché non siamo in Star Trek, non esiste il traduttore universale, ma va capita, e poi diffusa, la lingua universale, che ha permesso di far cambiare mente al generale cinese (lei vede ora cosa il generale le dirà in futuro, sulle ultime parole della moglie morente, e con il satellitare chiama ora il generale che le ha appena dato il numero nel futuro: paradosso temporale virtuale) e impedire un vero disastro; il film finisce con il discorso mentale che completa quello iniziale (mentre le immagini sono cronologicamente antecedenti a quelle della parte iniziale), dell'accettazione di lei sulla non linearità del tempo, che la porta ad accettare la morte futura della figlia e la separazione dal marito, perché comunque ha vissuto momenti straordinari di amore e felicità e pur sapendo quale dolore e sofferenza ne riceverà, non può e non vuole perderli. Hai proprio ragione: non è successo assolutamente nulla...
mikronimo
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1710
Località: dove mi mandano quando rompo...
MessaggioInviato: Dom 12 Feb, 2017 01:09    Oggetto:   

62STARTREK ha scritto:
Bel film, ricco di contenuti, assolutamente non banale, ben fatto....tutto quelo che volete, ma francamente non ci vedo niente di così epocale da candidarlo ad un Oscar. I.M.H.O. Se poi non c'è altro di meglio, beh allora per esclusione và bene anche Arrival. Anche perchè certe spiegazioni mancano (di punto in bianco da un solo logogramma si è passati alla "costruzione" di un vocabolario, senza spiegare come ci si è arrivati) e certi passaggi sono stati liquidati in fretta e furia senza, appunto, spiegazioni. Non proprio da Oscar, insomma, secondo me.

Ora che l'ho visto, in realtà, credo che si capisca come sono passati al vocabolario completo; dalla voce narrante, nella parte centrale, viene detto che ci era già voluto un mese e che almeno un altro ce ne sarebbe voluto per arrivare al vocabolario completo e il come si evince dalle scene in cui alle azioni degli umani vengono associate le parole sulla lavagna; la sintesi sta nel non aver mostrato tutte le "esemplificazioni"; insomma non mi pare ci siano grossi buchi di sceneggiatura, poi il discorso sugli oscar è un concetto a parte, dato che i premi lasciano, sull'apprezzamento personale soggettivo, il tempo che trovano.
Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2656
MessaggioInviato: Dom 12 Feb, 2017 09:34    Oggetto:   

SPOILER: A me è piaciuto, ma non sono d'accordo con chi lo vede come un film troppo rapido,
al contrario mi sembra un film fin troppo lento... in effetti apparentemente succede poco o niente,
c'è qualche passaggio un po' prevedibile come quello dell'attentato.

Penso che sia soprattutto un film psicologico, però non ci sono momenti particolarmente emozionanti.

Il tema del film quello del cambiamento culturale dovuto al linguaggio in realtà è un tema molto presente nella letteratura di fantascienza degli anni '60/'70 ma mai portato sugli schermi, il risultato è un film molto originale.

Di profondo c'è sicuramente la considerazione che un eventuale contatto con esseri extratterresti potrebbe causare uno shock culturale dai risultati non prevedibili, anche se non penso che potrebbe cambiare la nostra "visione" dello spazio-tempo.

Io comunque vi ho visto molte citazioni, dall'uccellino che mi sembra un riferimento ad Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo; gli ettopodi mi hanno ricordato la stirpe di Cthulhu di H.P. Lovecraft,
la concezione del tempo degli ettopodi come quella dei Trafalmadoriani di Vonnegut...
forse solo per me che sono troppo intriso di fantascienza.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7566
MessaggioInviato: Dom 12 Feb, 2017 11:27    Oggetto:   

Secondo me il pregio maggiore del film è quello di fornire degli spunti di riflessione su cui speculare, che ritengo uno degli elementi cardine della fantascienza e che è generalmente il grande assente nella fantascienza cinematografica attuale.

La storia fonde insieme due tematiche:
La possibilità del linguaggio di modificare l'essere umano già esplorata nella fantascienza da Babel 17 a Snowcrash (e con Pontypool al cinema)
La concezione dello spazio tempo e di conseguenza del concetto del libero arbitrio.

Lo fa in modo elegante e intelligente, lasciando (sopratutto nel racconto) molto spazio alle possibili riflessioni da parte dello lettore/spettatore.

Il film introduce anche la tematica relativa all'effetto di un primo contatto sull'umanità attuale.
Qui devo dire che ho trovato le presunte reazioni abbastanza idiote (mi è parso più che altro un attacco all'america di Trump); questi arrivano con astronavi dallo spazio profondo e ti fai il problema se questi vogliono attaccarti? Se voglio attaccarti sei morto prima che te ne accorgi Smile
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum