China Miéville


Autore Messaggio
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 09:23    Oggetto: China Miéville   

Ho letto di quest'autore "La città & la città", una situazione utopica di tutto riguardo, ed "Emabssytown", mondo alieno per molti tratti incomprensibile.

Un modo di scrivere la fantascienza del tutto diverso dal classico racconto con alieni o astronavi, un po' alla Ted Chiang.

Avete letto qualcosa di quest' autore?
orcolat
Vorlon Vorlon
Messaggi: 986
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 09:30    Oggetto:   

Sto finendo Robot 81, mi manca proprio il racconto di Miéville "Rapporto su alcuni avvenimenti a Londra", e ho in coda "La città & la città".

Sono molto ansioso di iniziare questo autore.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7622
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 10:18    Oggetto:   

Io ho letto parecchio tempo fa Perdido Street Station (romanzo super acclamato), devo dire che non è che mi abbia lasciato una grossa impressione.

Anch'io ho letto i due che hai citato, ma l'unico che mi ha folgorato è The City & The City, i molteplici piani di lettura sono fantastici; per il resto, pur apprezzando la genialità di Mieville, faccio abbastanza fatica a farmi prendere dalle sue storie.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 10:36    Oggetto:   

In effetti ad "Embassitown" ogni tanto ci penso ancora, durante la lettura mi sarò perso una decina di volte. Specialmente sulla storia del "doppio" per comunicare. Non di facile lettura.

Diverso La città e la città, questo mi sento di consigliarlo a tutti, mentre il primo solo ad amanti al 100% della fantascienza.

Non ho letto altri suoi romanzi al momento.
Rodia
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1839
Località: Arrakeen
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 11:27    Oggetto:   

Io ho letto tutto e in lingua originale. Straconsiglio The Scar, in italiano tradotto con un didascalico La citta' delle navi. Uno dei romanzi piu' belli che abbia mai letto. Ma a giudicare dalla traduzione del titolo in italiano penso che anche il resto del testo pecchi di soluzioni traduttive fantasiose
HappyCactus
Ministro alle puntualizzazioni Ministro alle puntualizzazioni
Messaggi: 7936
Località: Verona
MessaggioInviato: Ven 13 Ott, 2017 15:48    Oggetto:   

Curioso, solo un tipo come Miéville poteva dare impressioni così variabili.
Io ho letto Perdido Street Station che mi è piaciuto moltissimo, la Città delle Navi che invece ho trovato piuttosto noiosetto e troppo lungo, poi ho provato a leggere Embassytown e ci ho dato mucchio dopo, credo, 80 pagine.
Su "La città e la città" ci sto facendo un pensiero, ma ho sempre l'impressione che questo autore scriva troppo (ci sono momenti in cui bisogna secondo me sapersi fermare.. alcune descrizioni e situazioni sono davvero troppo lunghe, anche in Perdido...)
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Dom 04 Feb, 2018 16:17    Oggetto:   

Non ricordo perché ho comprato "Perdido Street Station", ma non me ne sono mai pentito. E' un romanzo che forse è un po' difficile da seguire, anche perché la città che descrive avrebbe fatto impazzire di gioia Calvino e sembra una coperta patchwork senza un vero senso urbanistico. Molto anarchica alla fine.
Incredibilmente "La città e la città" da un certo punto di vista è difficile da concepire. Perché l'idea che gli abitanti di una città riescano ad ignorare la casa vicino alla loro solo perché appartiene ad un'altra nazione è straniante. A tratti inconcepibile.
Di "Embassytown" quello che mi è piaciuto non è la città, ma il fatto che tutta la storia si basa sulla profonda differenza tra due razze. Una differenza che non è solo genetica, ma è sopratutto linguistica. A tratti mi ha ricordato "Arrival" e quella teoria di come la mente cambia il modo di pensare quando apprende un'altra lingua (grossolanamente).
Fanucci ha pubblicato in economica altri due romanzi collegati a Perdido e li ho comprati. Prima o poi li leggo.
Palomino.
ps ora ricordo perché ho comprato il primo libro: "colpa" di Jonny Lexington.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Lun 05 Feb, 2018 12:55    Oggetto:   

Palomino ha scritto:
...
Di "Embassytown" quello che mi è piaciuto non è la città, ma il fatto che tutta la storia si basa sulla profonda differenza tra due razze. Una differenza che non è solo genetica, ma è sopratutto linguistica. A tratti mi ha ricordato "Arrival" e quella teoria di come la mente cambia il modo di pensare quando apprende un'altra lingua (grossolanamente).
...

Si è vero, ricorda in un certo modo Chiang
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 12 Dic, 2018 11:58    Oggetto:   

Oggi esce il nuovo libro
"La fine di tutte le cose"
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 11 Dic, 2019 10:34    Oggetto:   

Mia figlia studia lingue orientali ed antropologia, tra i libri da leggere ha anche "La città e la città". Smile
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7622
MessaggioInviato: Mer 11 Dic, 2019 11:52    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
Mia figlia studia lingue orientali ed antropologia, tra i libri da leggere ha anche "La città e la città". Smile

Le hanno anche spiegato il motivo ? 
Perché, pur essendo uno dei miei libri preferiti in assoluto, non è che mi sembri così in tema.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 11 Dic, 2019 12:00    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
Rdaneelolivaw ha scritto:
Mia figlia studia lingue orientali ed antropologia, tra i libri da leggere ha anche "La città e la città". Smile

Le hanno anche spiegato il motivo ? 
Perché, pur essendo uno dei miei libri preferiti in assoluto, non è che mi sembri così in tema.

Principalmente perchè l'autore è un antropologo. Credo poi per l' integrazione di due civiltà in un contesto politico complesso.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7622
MessaggioInviato: Mer 11 Dic, 2019 12:18    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
Nirgal ha scritto:
Rdaneelolivaw ha scritto:
Mia figlia studia lingue orientali ed antropologia, tra i libri da leggere ha anche "La città e la città". Smile

Le hanno anche spiegato il motivo ? 
Perché, pur essendo uno dei miei libri preferiti in assoluto, non è che mi sembri così in tema.

Principalmente perchè l'autore è un antropologo. Credo poi per l' integrazione di due civiltà in un contesto politico complesso.

Non sapevo fosse un antropologo, antropologia in sf l'ho sempre associata alla Le Guin.
Però in effetti nella mie recensione di the city and the city avevo fatto un parallelo tra come le persone del romanzo di Mieville acquisiscano al capacità di ignorare il prossimo e il crescente disinteresse delle persone per quello che accade intorno a loro per strada, come per esempio i fatti di cronaca in cui le vittime vengono ignorate dai passanti.
Albacube
Reloaded Reloaded
Messaggi: 5712
Località: Un paesello padovano
MessaggioInviato: Mer 11 Dic, 2019 18:40    Oggetto:   

Ovvio, ovvio, ovvio, ovvio... lingue orientali? China Silly
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 3206
Località: Novara
MessaggioInviato: Mar 17 Dic, 2019 09:42    Oggetto:   

Albacube ha scritto:
Ovvio, ovvio, ovvio, ovvio... lingue orientali? China Silly

ahahahah, anche a me era venuto in mente. Smile
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum