Star Wars: Gli ultimi Jedi


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Gio 14 Dic, 2017 22:58    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Star Wars: Gli ultimi Jedi

Un punto di vista su Star Wars Gli ultimi Jedi, un film, in un certo senso, "di sinistra". Da leggere dopo aver visto il film (spoiler!)



Leggi l'articolo
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5857
MessaggioInviato: Gio 14 Dic, 2017 22:58    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Quindi spoiler libero?
Il giudizio breve e': bello ma troppo lungo.

Quello completo e' un po' piu' prolisso e pieno di anticipazioni.
C'e' un eccesso di gigionismo: sequenze mal inserite nella narrazione per riempire di mostriciattoli lo schermo (ad esempio l' approccio della giovane Jedi con Luke: le sequenze in cui ci fanno vedere Luke bere latte di bestie strane e pescare sono mal inserite nel contesto  e mal recitate).
Ci sono molte sequenze prive di particolare utilita' ai fini della narrazione e considerata la lunghezza del film sarebbe stato meglio condensarle.
Snooke viene cancellato dalla storia senza neppure capire da dove e' saltato fuori.
Mark Hamill non e' mai stato un grande attore ma adesso sembra quasi la sua parodia.

E pero' pero'...

Molto bravi nel distruggere tutte le aspettative, a partire da quella di vedere un remake de L' impero colpisce ancora.
No, tutte le "chiamate" del film vengono disattese, e pure con stile: l' hacker giusto non se li fila, prendono quello sbagliato e quando sembra che sia il solito cattivo con animo buono questo a momenti annienta la ribellione; salta il sacrificio dell' eroe; Luke appare sotto ben altra luce; la Jedi e' figli a di nn; Leila non muore; il piano del fighetto ribelle fallisce ed a momenti manda a monte tutta la ribellione; non parliamo poi del comportamento del figlio di Han ecc

Ci sono alcune sequenze di fortissimo impatto, come l' impatto di un paio di astronavi in u n momento clou e il tanton bistrattato Kylo e' invece un villain sullo stile del Loki dei film Marvel: fuori dagli schemi, ben interpretato, correttamente inserito nel contesto narrativo.
La sua maschera era inutile e richiamava ingenuamente un retaggio famigliare e non sono i fan ma il suo superiore a sbatterglielo in faccia.

C'e' molta storia nuova, molta mitologia nuova, personaggi riusciti e forti che non spiccano per bellezza o empatia ma che sono i personaggi giusti al posto giusto, ma... e' troppo lungo .
Le battaglie sono sempre divertenti ma se i fan della prima ora diventati con gli anni scafati avevano da ridire sui combattimenti di episodio 1 2  e 3 qua dovrebbero chiudersi gli occhi.
Anche se in questo caso forse il difetto sta in chi guarda, e si dimentica che guarda guerre stellari e non un film di rigorrosa military sf, e non nel film.

C'e' una cosa che stona: si parla ancora una volta di religione Jedi.
Gli Jedi non sono una religione, venivano cosi' etichettati sotto il buio periodo dell' impero per tacciarli di ignoranza e superstizione.
Sono filosofi che fondano il loro stile di vita sull' osservazione scientifica della realta'.
Va bene che Luke e' solo l' ultimo Jedi figlio di un' epoca oscura, ma che non sappia cosa e' la forza e da cosa e' prodotta e' male.
E chi non sa che SW e' sf e cosa sono i midichlorian dietro la lavagna.

C'e' tanta ciccia, simpatica la sequenza finale del ragazzetto, generalmente ben riusciti gli stacchi comici (anche perche' aiutano a sopportare la lunghezza del film) a parte quelli con Luke ma solo perche' il buon Hamill non sa recitare, ci sono tante belle sequenze, il tutto sembra far presagire botti d' artificio per il prossimo film... ma si arriva stremati alla fine.

Pero' bello, si esce dal cinema gia' sapendo di aver prenotato il posto per episodio nove.
In fondo sono solo due anni.
All' assalto del fortino!
"Siamo nella follia a norma di legge" - Andrea Zucchi
Kup
Ameboide amorfo
Messaggi: 0
MessaggioInviato: Ven 15 Dic, 2017 14:44    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Anche il bambino Anakin Skywalker era uno schiavo: in questo il film resta coerente ma non lo dice a gran voce.

Gli Jedi non sono mai stati solo gli Skywalker, dunque non c'era un monopolio dinastico della Forza. Resta cmq che i conflitti familiari sorti da quello personale (interiore e di potere) di Anakin Skywalker, ponevano il particolare e l'universale nello stesso luogo umano. Essendosi esaurita la ferita di Anakin-Darth Vader grazie al figlio, la questione successiva è quella di scollarsi da dosso (non spazzare via) i Poteri organizzati che approfittano dello smarrimento interiore dei singoli per assoggetarli (Sith), oppure che non sanno aiutarli a gestirlo (Jedi) oppure gli sono indifferenti (mercanti di armi). Forse si tratta sempre di uccidere il padre ma prima che possa fare di nuovo danni. Il film ci tiene però a spostare decisamente il messaggio su altro: salva ciò che ami e basta, senza scontrarti a tutti i costi, perchè rischi di sbagliare e diventarne succube.
Antha
Horus Horus
Messaggi: 5274
MessaggioInviato: Dom 17 Dic, 2017 11:01    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

In pratica nulla di nuovo e tutto già visto.
Gli Jedi "proletari" li avevamo già visti.
Le "nuove generazioni" hanno riempito gli schermi fin dall'iniziale IV episodio, per poi diventare predominanti nella seconda trilogia.
I cattivi restano i soliti incapaci e soprattutto non se ne comprendono i fini politici.
Mostriciattoli e bambini maltrattati fanno le loro  puntuali comparsate.
Le disserzioni sulla "forza" sono buttate li ogni due per tre tanto per mantenere l'aurea di misticismo.
Insomma questo "Il nuovo ordine colpisce ancora anche se ritorna uno jedi", non mi pare offra davvero qualche cosa di particolarmente nuovo.
E soprattutto non credo proprio ci sia un particolare interesse a farlo.
Questo è l'universo di Star Wars: non ha bisogno di rinnovarsi perchè gli basta che si rinnovino le generazioni. 
Tra una dozzina di anni ci verrà offerto un nuovo "panino", con i nonni che lo snobberanno, , gli zii che mugugneranno e i genitori che criticamente porteranno i pargoli a vederlo.
"Grandi erano gli Antha: così è scritto nell'Unico Libro della Storia; più grandi forse di ogni altro Popolo Galattico..."
Anacho
Vorlon Vorlon
Messaggi: 986
MessaggioInviato: Dom 24 Dic, 2017 17:01    Oggetto:   

Leo Ortolani ha ribattezzato il film precedente Mi risveglio a forza, sapete mica se ha già pensato a Gli ultimi Peti?
Se non lo ha fatto i diritti sono i miei.
Meglio del film precedente, il Frignetta non ha la maschera ed è meno frignetta, Phasma non è stata uccisa e nemmeno degradata, Leila ha i superpoteri, muore Luke e la Forza tira un sospiro di sollievo, battaglione dove si capisce che né i buoni né i cattivi hanno imparato un minimo di tattica, e si che di battaglione ne hanno fatte.
C'è un megacannone che fa un buchetto grosso così, un megacasinò che fa una magra figura, i soliti animaletti inutili e la sgradevole senzazione che questo sarà il miglior episodio della terza trilogia.
Albacube reloaded
Horus Horus
Messaggi: 4286
Località: Un paesello in provincia di Padova
MessaggioInviato: Lun 25 Dic, 2017 22:31    Oggetto:   

Sì, soprattutto con jar jar alla guida di episodio 9 Sad
AKKA
Eloi Eloi
Messaggi: 426
MessaggioInviato: Mar 26 Dic, 2017 00:16    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Come hanno fatto notare altri, già dalla vecchia trilogia era chiaro che sebbene la sensibilità alla Forza possa trasmettersi per via ereditaria, non è necessario essere nati in una famiglia in cui "la Forza scorre potente" per poter diventare potenti nella Forza. In questo l'ultimo film è coerente. Un altro aspetto che non cambia nei nuovi episodi è che alcune persone sono naturalmente più sensibili alla Forza, altre meno, altre per nulla. La Forza non è mai stata il grande livellatore che rende tutti uguali. Alcuni possono entrare a far parte della sua élite, mentre altri non possono. Non è che un bambino schiavo che solleva una scopa senza toccarla cambi questo fatto. I suoi amichetti dovranno continuare a prendere le loro scope con le mani, e se questo suo potere si rivelerà indispensabile per guadagnare la libertà, essi dovranno sperare nella sua benevolenza, per ottenerla anche per sé.

Quel che in una certa misura compensava questa disuguaglianza nella vecchia serie e di cui ora ci si è voluti sbarazzare (e direi che dopo questo film la cosa è ufficiale), è la necessità di fare uno sforzo per coglierne i frutti. Prima, chi aveva i numeri per entrare nell'élite della Forza, doveva prima sottoporsi a un duro addestramento. Ora, a quanto pare, non è più così.

Probabilmente quando Luke da ragazzo colpiva i topi raghi dal suo T-16 e volava ad alta velocità dentro Beggar's Canyon, inconsciamente si faceva guidare dalla Forza, ma tutto fa credere che egli non abbia mai mosso oggetti a distanza prima che Obi-Wan gli facesse fare il suo "primo passo in un mondo più vasto".

Luke non ha mai usato il "trucco mentale Jedi" in ep. IV e V. Rey, dal canto suo, lo usa senza averlo mai neanche visto usare ad altri. Luke vuole affrontare Darth Vader per salvare i suoi amici nonostante gli venga sconsigliato perché il suo addestramento non è ancora completo ... E infatti alla fine saranno i suoi amici a dover salvare lui. Rey, invece, senza aver mai non solo completato un qualsivoglia addestramento, ma ... tenuto in mano una spada laser, riesce a tener testa a qualcuno che, ci viene fatto capire, è molto potente e soprattutto molto ben addestrato.

Da questo punto di vista trovo abbastanza curioso che il recensore tiri in ballo Dragon Ball, una serie che ha al centro proprio il tema dell'allenamento e dell'enorme sforzo che occorre per migliorare sé stessi e affrontare avversari sempre più forti.

Goku scala la torre del maestro Karin e riesce con estrema difficoltà a strappargli l'acqua sacra e berla, per poi scoprire che questa non ha alcun potere, e che sono stati gli sforzi compiuti per ottenerla ad averlo reso più forte. Durante il primo scontro con Vegeta, quando questi gli parla della gerarchia dei sayan e gli dice che è un fallito, Goku risponde che anche un fallito, se si allena duramente, può superare un nobile, un'affermazione che in seguito si rivelerà corretta.

Per questo, a dispetto dei bacchettoni che se la prendono coi manga, accusandoli di corrompere i giovani, io penso che Dragon Ball sia una serie educativa. Certamente più educativa di prodotti in cui il supereroe è tale per il solo fatto di provenire dal pianeta tal dei tali, di essere stato esposto in vario modo a qualche forma di radioattività o mix di composti chimici, di possedere qualche strano manufatto alieno, ecc. Il messaggio, lì, è che il talento va coltivato, e che nulla viene calato dall'alto, ma per esprimere le proprie potenzialità bisogna applicarvisi con costanza e abnegazione. Un messaggio necessario, in una società con il culto del "tutto e subito", presa dal miraggio di ottenere il massimo senza sforzi.

Anche Star Wars, finora, conteneva questo messaggio. Con i nuovi episodi, però, esso viene rinnegato. Il supereroe non deve più guadagnarsi il suo potere, perché esso gli viene calato dall'alto. Non dovrebbe far meraviglia il fatto che molti fan si siano ribellati a tutto ciò, e che Ep. VII sia stato accusato di essere una fan fiction multimilionaria con al centro una mary sue.

Coloro che si interrogavano sulle origini di Rey, o almeno la maggior parte di essi, non lo facevano perché ritenessero che la Forza non potesse essere acquisita se non grazie a "nobili natali" (d'altra parte già si sapeva che non era così), ma perché in quelle origini speravano di trovare qualche forma di giustificazione. Se Rey fosse stata figlia di Luke, magari si sarebbero potute spiegare le sue apparentemente inspiegabili prodezze ipotizzando che suo padre l'avesse addestrata prima di essere costretto, a causa di qualche misterioso evento, ad abbandonarla, e che quell'addestramento ricevuto da bambina stesse riemergendo. Invece direi che dopo la rivelazione di Kylo Ren e la scena finale del bambino con la scopa, tali speranze possano essere definitivamente accantonate.

La scena della rivelazione avrebbe ottenuto lo stesso effetto se invece di rivolgersi a Rey, Kylo si fosse rivolto direttamente al pubblico e avesse detto: "Sapete perché Rey sembra tanto una mary sue? Perché in effetti lo è". A questo punto è inutile cercare giustificazioni.
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5857
MessaggioInviato: Mar 26 Dic, 2017 14:57    Oggetto: Re: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

AKKA ha scritto:
Per questo, a dispetto dei bacchettoni che se la prendono coi manga, accusandoli di corrompere i giovani, io penso che Dragon Ball sia una serie educativa. Certamente più educativa di prodotti in cui il supereroe è tale per il solo fatto di provenire dal pianeta tal dei tali, di essere stato esposto in vario modo a qualche forma di radioattività o mix di composti chimici, di possedere qualche strano manufatto alieno, ecc.  

Comunque la frase centrale alla morale del fumetto supereroistico americano e' "da grandi poteri derivano grandi responsabilita'" (Peter Parker).
In qualunque forma di narrativa popolare troverai un qualche messaggio morale che oltre ad avere connotazioni positivo nascondono uno specchio su un' attualita' non proprio edificante (per il fumetto super eroistico americano la necessita' che qualcuno con grandi poteri si occupi degli altri, nell' esempio della scalata al potere nei manga il fatto che la liberta' si possa ottenere solamente attraverso la schiavitu' ed il dolore e non sia invece un diritto di nascita).
Ad ogni modo la questione dell' identita' di Kylo incuriosiva solo per il fatto che veniva suggerito a piu' riprese che ci fosse qualcosa sotto.
Curiosita'.
La delusione e' la fine di Snoke: ok, in questo ricalca quanto successo con l' Imperatore della trilogia classica ma in quel caso si sapeva che la storia era nascosta in una trilogia precedente che prima o poi sarebbe stata raccontata, in questo caso semplicemente un personaggio importantissimo che ha rimesso in piedi dal nulla una forma di Impero ed ha poteri straordinari compare e scompare in un amen.

E' vero che e' un classico di Star Wars, ma piu' film dovrebbero essere nella direzione di approfondire questi aspetti non di crearne di nuovi senza dare spiegazioni.

Ma va bene eh, e' divertente lo stesso.
Ivan Hormann
Ameboide amorfo
Messaggi: 0
MessaggioInviato: Sab 06 Gen, 2018 17:52    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

lavoretto cucito addosso ad un pubblico femminile; pure troppo.
Effetti speciali della prima serie forse riciclati.
La caricatura grottesca di Joda è adatta ad uno spot dei minions non ad un film di questo presunto calibro.


Mancano però la versione femminile di C-3PO e una "Vaderessa" che attendiamo con trepidazione nel prossimo episodio... a questo punto *spoiler*    W l'Imperatrice!!!!! 
il_Cimpy_spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 7292
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Sab 06 Gen, 2018 18:05    Oggetto:   

La prole è  uscita dal cinema entusiasta, sostenendo che questo fosse il miglior episodio di Star Wars di sempre.

Per punirla, sono passato al lato oscuro della forza e ho sequestrato tutte le calze della Befana - "inutile che protesti", ho detto alla moglie, "le vendette trasversali sono una cosa seria. Zitta e prosegui scalzinata!!".

Resta che l'unico personaggio poco gradito era lui, l'ex frignetta, di cui la prole non sapeva in quanto non ha subito "il risveglio", essendomi rifiutato di sottoporla a simile tortura.

Per quanto, se non cambia opinione, come misura di estrema punizione...
Micronaut
Horus Horus
Messaggi: 2641
MessaggioInviato: Gio 18 Gen, 2018 14:06    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Quando ero andato al cinema ne ero uscito entusiasta, ma poi ci ho un po' ripensato su...

SPOILER:
Il film più che proletario, mi sembra molto furbo:
Se uno ci pensa un po' la trama è veramente esile;
un solo caccia che fa il mazzo ad un'astronave imperiale e viceversa un inseguimento dell'ammiraglia ribelle protratto all'infinito (ma non potevano accelerare, boh).

L'intermezzo nel casinò è un po' posticcio, girato credo soprattutto per presentare l'eroina asiatica.

Rey figlia di nessuno mi sembra un espediente narrativo per mantenere alta la curiosità sul personaggio... visto l'evolversi delle vicende, io più che una figlia di nessuno ci vedrei lo scambio in culla tra Rey e Kylo.

Kylo è proprio un babbo.

Luke è sicuramente il personaggio più massacrato di SW: ci sono momenti di umorismo che lo riguardano, non ho capito se erano voluti oppure no (quanto ho riso quando ha buttato la spada laser...), ma si riscatta con la scena di combattimento con Kylo (quanto è babbo, manco si accorge che Luke è una proiezione? Ma un tempo i cavalieri Jedi non si sentivano a distanza?).

La scena del bimbo che prende la scopa mi sembrava più una citazione dell'apprendista stregone...


Ultima modifica di Micronaut il Gio 25 Gen, 2018 12:20, modificato 1 volta in totale
Davide Siccardi
Horus Horus
Messaggi: 5857
MessaggioInviato: Gio 18 Gen, 2018 23:16    Oggetto: Re: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Micronaut ha scritto:



Luke è sicuramente il personaggio più massacrato di SW: ci sono momenti di umorismo che lo riguardano, non ho capito se erano voluti oppure no 

Questo perche' Hamil non sa recitare.
Volevano creare uno stacco tra il pathos del finale del film precedente e l' entrata in scena di Luke (questo si un parallelismo con L' Impero colpisce e Yoda) ma un po' per insistiti gigioneggiamenti (non e' che se ci risparmiavano qualche bestia aliena e qualche scenetta bucolica malamente montata ci offendevamo) e tanto per limiti palesi dell' attore il giochino funziona male.
il_Cimpy_spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 7292
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Mar 23 Gen, 2018 06:48    Oggetto:   

Citazione:
La scena del bimbo che prende la scopa mi sembrava più una citazione dell'apprendista stregone


Confermo. C'ho provato a vederci Harry Potter, ma proprio non ci sono riuscito - topolino stregone invece calzava a pennello.
Francesco Romani
Ameboide amorfo
Messaggi: 2
MessaggioInviato: Mer 07 Feb, 2018 01:28    Oggetto: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

Ma galassia lontana lontana e poi le questioni sui mercanti d' armi ecc... sono le stesse della Terra? XD Troppa retorica comunque. Come fatto notare, basta mettere pure a confronto la storia di BR e BR2049. 


"Stormtrooper addestratissimi incapaci di centrare un bersaglio, armi gigantesche lasciate invariabilmente con un punto debole a portata di mano, lassismo nel controllo dei gusci di salvataggio (che rischio vuoi che ci sia se fuggono due droidi, in un universo in cui i droidi sono praticamente persone), e così via."


Si, ma sono le solite battute semplicistiche che un pò hanno stufato. XD Almeno a me. Sono il primo a scherzarci su, ma quì si parla dei film nuovi, non dei vecchi. 

Antha ha scritto:

Insomma questo "Il nuovo ordine colpisce ancora anche se ritorna uno jedi", non mi pare offra davvero qualche cosa di particolarmente nuovo.

Ora vediamo che combina JJ con il prossimo. Tutto il ripresentabile ed reinventabile l' hanno fatto! XD


Ivan Hormann ha scritto:


Mancano però la versione femminile di C-3PO e una "Vaderessa" che attendiamo con trepidazione nel prossimo episodio... a questo punto *spoiler*    W l'Imperatrice!!!!! 

La prima l' ha già fatta Mel Brooks! XD La terza da come ho capito doveva essere Snoke! °_O

Davide Siccardi ha scritto:


La delusione e' la fine di Snoke: ok, in questo ricalca quanto successo con l' Imperatore della trilogia classica ma in quel caso si sapeva che la storia era nascosta in una trilogia precedente che prima o poi sarebbe stata raccontata, in questo caso semplicemente un personaggio importantissimo che ha rimesso in piedi dal nulla una forma di Impero ed ha poteri straordinari compare e scompare in un amen.

Già! Purtroppo dopo episodio VII era intuibile che sarebbe finita così! -.- Magari ci avessero sorpreso. Sic! 


Ultima modifica di Francesco Romani il Mer 07 Feb, 2018 01:40, modificato 1 volta in totale
Quaoar
Horus Horus
Messaggi: 3092
Località: Fascia di Kuiper, 6 miliardi di km dal Sole
MessaggioInviato: Lun 16 Apr, 2018 11:18    Oggetto: Re: Star Wars: Gli ultimi Jedi   

 Davide Siccardi ha scritto:

Snooke viene cancellato dalla storia senza neppure capire da dove e' saltato fuori.
.


Questo aspetto ha lasciato assai perplesso anche me: ma chi c. era il Leader Supremo Snooke?

Come cattivo era molto più fico di quello sfigato di Kylo Ren eppure l'hanno fatto uscire di scena senza neanche dirci chi era e da dove veniva.
Non è la prima volta che fanno una cosa del genere: anche il povero Darth Maul era un villan formidabile eppure l'hanno fatto crepare senza fargli dire neanche una parola (notare che la modalità è stata la stessa: entrambi tagliati in due con una spada laser).

Solo che Darth Maul è stato poi resuscitato nei cartoni animati, che gli hanno dato lo spazio che meritava. Spero che facciano qualcosa del genere anche con Snooke, trasformandolo in un cyborg ancora più cazzuto.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle recensioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum