Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Lun 28 Gen, 2019 09:28    Oggetto: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock   

Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock

La fantascienza è una delle fonti d'ispirazione per le colte e complesse composizioni del progressive rock.



Leggi l'articolo
Griso84
Ameboide amorfo
Messaggi: 2
MessaggioInviato: Lun 28 Gen, 2019 09:28    Oggetto: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock   

Ciao Andrea,

Complimenti per larticolol, mi sono commosso.
Andrea Pelliccia
Agguantatore a strisce
Messaggi: 20
MessaggioInviato: Lun 28 Gen, 2019 13:00    Oggetto: Re: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive   

Griso84 ha scritto:
Ciao Andrea,

Complimenti per larticolol, mi sono commosso.

Troppo gentile, grazie!
Ti anticipo che nei prossimi numeri usciranno altri due articoli che completeranno il quadro, in modo da costituire una sorta di "mini libro" che tratta l'interazione tra rock e fs:
- Michael Moorcock, lo scrittore di fantascienza al servizio della musica rock
- Le porte del cosmo che stanno su in Germania: rock e fantascienza al di fuori del mondo anglosassone
Aldo Andaloro
Ameboide amorfo
Messaggi: 3
MessaggioInviato: Ven 08 Feb, 2019 11:00    Oggetto: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock   

Magari mi sbaglio, visto che mancano ancora due articoli. I titoli, però, preannunciano gravi lacune. A parte la povertà del primo articolo (cito a caso - in Inghilterra - Soft Machine e Arthur Brown...) mi pare grave la totale asenza della Francia (Magma, i franco-britannici Hawkwind, i Gong soprattutto...) e l'Italia (Felona e Sorona delle Orme, ad es.)
Andrea Pelliccia
Agguantatore a strisce
Messaggi: 20
MessaggioInviato: Sab 09 Feb, 2019 08:48    Oggetto: Re: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive   

Aldo Andaloro ha scritto:
Magari mi sbaglio, visto che mancano ancora due articoli. I titoli, però, preannunciano gravi lacune. A parte la povertà del primo articolo (cito a caso - in Inghilterra - Soft Machine e Arthur Brown...) mi pare grave la totale asenza della Francia (Magma, i franco-britannici Hawkwind, i Gong soprattutto...) e l'Italia (Felona e Sorona delle Orme, ad es.)

Ti ringrazio per le osservazioni. Come ho scritto in apertura, si tratta di articoli, non di un libro. Articoli molto lunghi ma pur sempre articoli. Può capitare di dover lasciare fuori qualcosa.
In ogni caso, dei Gong si parla in modo diffuso in quest'articolo (con tanto di copertina di "The Flying Teapot"): forse ti sei fermato alla lettura della prima delle nove pagine? Wink
Di Hawkwind e Blue Oyster Cult parlerò diffusamente, a proposito del loro legame con Moorcock, nell'articolo che uscirà a febbraio.
Di rock e fs fuori dal mondo anglosassone (Magma, Tangerine Dream, Kraftwerk, Battiato, ecc.) parlerò nell'articolo che uscirà a marzo (vedi anche mio commento sopra per ulteriori dettagli).
Di Felona e Sorona ho già scritto in un precedente articolo per Fantascienza.com Il racconto è basato sulla storia di due pianeti personificati, quindi per me è più assimilabile alla mitologia che alla fantascienza. 
Aldo Andaloro
Ameboide amorfo
Messaggi: 3
MessaggioInviato: Mar 12 Feb, 2019 11:22    Oggetto: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock   

Mi spiace ma avevo saltato proprio la pagina sui Gong. L'ho letto tutto, però. Altrimenti avrei segnalato come assenti anche i Van Der Graf. Certo, però, che tutto quello spazio dedicato a Lucassen e ai Rush... Ma credo che sia una questione anagrafica. Immagino tu abbia una ventina d'anni meno di me e questo rende comprensibili certe scelte. Un po' meno comprensibile che dei Floyd citi solo gli album della decadenza (The Wall, poi, non è più da considerare una loro opera in quanto Waters è riuscito a farsene riconoscere in tribunale la paternità) dimenticando brani come Astronomy Domine, Interstellar Overdrive o Set the control for the Hearth on the Sun e le suite Atom Earth Mother e Echoes. La musica spesso fa Sf anche senza i testi, secondo me. In ogni caso nessuna polemica e, anzi, complimenti per un articolo che rimane molto buono. La mia è solo solo voglia di collaborare. Un saluto.
Andrea Pelliccia
Agguantatore a strisce
Messaggi: 20
MessaggioInviato: Mer 13 Feb, 2019 14:58    Oggetto: Osservatore dei cieli: la fantascienza e il progressive rock   

Aldo Andaloro ha scritto:
Mi spiace ma avevo saltato proprio la pagina sui Gong. L'ho letto tutto, però. Altrimenti avrei segnalato come assenti anche i Van Der Graf. Certo, però, che tutto quello spazio dedicato a Lucassen e ai Rush... Ma credo che sia una questione anagrafica. Immagino tu abbia una ventina d'anni meno di me e questo rende comprensibili certe scelte. Un po' meno comprensibile che dei Floyd citi solo gli album della decadenza (The Wall, poi, non è più da considerare una loro opera in quanto Waters è riuscito a farsene riconoscere in tribunale la paternità) dimenticando brani come Astronomy Domine, Interstellar Overdrive o Set the control for the Hearth on the Sun e le suite Atom Earth Mother e Echoes. La musica spesso fa Sf anche senza i testi, secondo me. In ogni caso nessuna polemica e, anzi, complimenti per un articolo che rimane molto buono. La mia è solo solo voglia di collaborare. Un saluto.

Ciao Aldo.
Critica costruttiva apprezzatissima, per carità Smile
Dei primi Pink Floyd ho parlato nell'altro articolo, quello dedicato al rock "mainstream", nella parte dedicata allo space rock. A presto, Andrea
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum