HELLO Leggi la discussione - Where to invade next (2015) | Fantascienza.com

Where to invade next (2015)


Autore Messaggio
Tobanis
«Antinano» Antinano
Messaggi: 20999
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 05 Set, 2022 21:01    Oggetto: Where to invade next (2015)   

Film di qualche anno fa del regista Michael Moore: una sua opera che mi mancava, dopo che, credo, ho visto tutte le altre (ho controllato, quasi tutte, mi mancano quelle minori). Moore fa dei documentari di protesta, sarcastici, informativi, certamente di parte, mettendo in luce quanto non va bene negli USA e prendendo per il culo sia i potenti di turno, sia anche, più bonariamente, l’ingenuità, l’ignoranza e la “credulonità” del popolo statunitense. In questo film si raccontano i suoi viaggi in Europa (e in Tunisia) dove il regista cerca di carpire le idee e le soluzioni migliori di ogni nazione per poi, dice, portarle come un tesoretto negli USA. Salvo poi prendere atto, nel finale, che tutte queste ottime idee ebbero una base di partenza americana, ma laggiù vennero via via tralasciate, dimenticate, o fatte dimenticare.
Passa anche per il nostro Paese, il regista, dove apprende con stupore quante siano le ferie pagate (in USA, non conosce di persona nessuno che abbia più di due settimane pagate, e la norma è: zero); che la donna che partorisce starà a casa per dei mesi, pagata (negli USA, no), etc. etc…Certo, dice, anche in Italia ci sono erbacce, ma a lui interessa cogliere i fiori, le idee migliori. E certamente anche a me interessa vedere un film dove vengono proposte soluzioni, piuttosto che vedere le solite lagne o denunce a cui, regolarmente, poi non segue nulla. Ovvero sì, a cui in seguito segue esattamente il nulla.
Il tutto è molto interessante per noi, noi Europei, intendo, dato che i popoli degli altri Paesi, si scopre, la pensano allo stesso modo in Portogallo come in Germania come in Norvegia, o in Slovenia. Con gli USA, in sostanza, il confronto è impari, sostiene Moore: da loro è una bella merda.
Io sono un fan di Moore, ai suoi film di solito do 10, o 9…qua darò un 8, perché è ovvio che ci sono ingenuità ed il film è stato costruito per fare vedere il Paradiso qua in Europa e l’Inferno negli USA, che poi, oddio, non che sia poi così diversa, la realtà…ma comunque, come per gli altri, è un film che andrebbe fatto vedere nelle scuole, oltre che in Parlamento, chiaro.
Il film ha avuto un ottimo gradimento da parte del grande pubblico, e lo stesso non è poi troppo grande, stiamo parlando di visioni di nicchia. Pure la critica l’ha promosso, anche se trovo incredibile il voto medio di 2,2 dato dalla redazione di Film Tv: per coerenza, sarebbe da catalogare una buona parte degli altri film in commercio con voti negativi. Intendo, sotto zero.
il_Cimpy_Spinoso
«Babbano in Incognito» Babbano in Incognito
Messaggi: 19051
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Lun 05 Set, 2022 21:45    Oggetto: Re: Where to invade next (2015)   

Tobanis ha scritto:

Passa anche per il nostro Paese, il regista, dove apprende con stupore quante siano le ferie pagate (in USA, non conosce di persona nessuno che abbia più di due settimane pagate, e la norma è: zero); che la donna che partorisce starà a casa per dei mesi, pagata (negli USA, no), etc. etc…(...)
Il tutto è molto interessante per noi, noi Europei, intendo, dato che i popoli degli altri Paesi, si scopre, la pensano allo stesso modo in Portogallo come in Germania come in Norvegia, o in Slovenia. Con gli USA, in sostanza, il confronto è impari, sostiene Moore: da loro è una bella merda(...)


Eppure di gente che prova ad emigrare in USA ce n'è tanta ogni anno, così tanta che leggevo che quasi un terzo della popolazione reale degli stranieri sarebbe formata da clandestini (il 3,5%  della popolazione totale, pare - è una stima, ovvio).

Perché sì, USA brutti e cattivi, e non hai ferie (pagate) e e non hai una carta di credito sei un miserabile, e se non hai un'assicurazione sanitaria lo diventi nel giro di un niente pure se sei un riccone (se sei povero muori e basta).

Insomma puoi diventare un barbone in tempo zero, però puoi anche cavartela meglio che altrove perché a fronte di tanti problemi pare (si dice, io non ho provato, eh?) che ci sia anche qualche opportunità in più che altrove.

Insomma, tanta cacca, senz'altro, e tanti larghi obesi. Poi c'è anche chi muore di fame e di stenti, però non sono certo che da noi si stia davvero meglio - dico, se parti con zero, non se hai una famiglia e la possibilità di cercare un lavoro. Poi io non faccio cambio, che lì morirei in 2 mesi anche solo per la necessità di procurarmi dei farmaci indispensabili che qui trovo a 2 euro al mese e lì chissà, per dire.
Antha
«Antha» Antha
Messaggi: 6878
MessaggioInviato: Ven 23 Set, 2022 17:28    Oggetto:   

Retaggio calvinista versus retaggio cattolico
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri film e telefilm Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum