cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 681, 682, 683 ... 685, 686, 687  Successivo
Autore Messaggio
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6118
MessaggioInviato: Dom 07 Mar, 2021 10:03    Oggetto:   

Una banale questione di competenza territoriale tra due robot  di differenti compagnie, intenti ad esplorare meandri di un lontanissimo mondo alieno, determina in questi una presa di coscienza della propria individualità.
Da qui prende il via una "ribellione" robotica, inizialmente circoscritta ma via via viatico di un'escalation giuridico/bellico di vaste proporzioni.
"The corporation wars: dissidenza" di Ken Ma Leod, fornisce una eco lontanissima della terra, calcando invece la mano su una "non umanità" "robotico/virtuale", distante centinaia di anni luce e volta all'esplorazione e sfruttamento di altri pianeti attraverso l'uso di sofisticate e fortemente autonome IA. 
Il romanzo gioca a cavallo tra la Space Opera, la military fantasy e il Ciberpunk. Soldati in parte virtuali e in parte ripresa di menti umane decedute da secoli, si trovano ad addestrarsi e famigliarizzare su lontanissimi mondi virtuali creati a somiglianza di quello che dovrebbero essere i potenziali mondi  abitabili dall'uomo una volta terminata una fase di terraformazione.  In un crescente di azioni militari volte a sedare l'iniziale rivolta, decessi/ritiri e resurrezioni virtuali, i protagonisti semi/umani (e/o antropomorfizzati nel caso di macchinari meccanici), assumo connotati sempre più marcati e si trovano a fare i conti con disposizioni sempre più machiavelliche o semplicemente politiche, fornite loro da IA rispondenti, sulla carta, a ulteriori IA e a catene gerarchiche che riportano a immense corporazioni terrestri.
Azione, intrighi, riflessione, ampio livello di sospensione dell'incredulità, sono abilmente sostenuti da una prosa di notevole livello.
A beneficio di eventuali lettori tocca precisare che il romanzo è  parte di una trilogia e pertanto tutt'altro che autoconclusivo, dal momento che lascia in sospeso situazioni topiche, tra le quali una ribellione tutt'altro che sopita e scoperte disarmanti da parte dei protagonisti avatar/umani, che contro quella ribellione sono stati chiamati a cimentarsi.
Per quanto mi riguarda, portato a termine questo primo libro, non ho peraltro maturato particolare interesse a sapere come andrà a finire e non sono quindi interessato a procurarmi il seguito
Solaris_666
Trifide Trifide
Messaggi: 222
Località: Roma
MessaggioInviato: Lun 08 Mar, 2021 11:34    Oggetto:   

senji ha scritto:
Concluso Terminal shock, a me è piaciuto, do un giudizio + positivo rispetto a Solaris, è vero che il soggetto non è dei + originali ma tutto sommato è scritto bene, scorrevole, senza fronzoli narrativi, il quid si è già visto + volte, vero, ma è sempre affascinate. 



Citazione:
E la scrittura alla fine mi è sembrata molto "artificiosa"

si, questa è una sensazione che ho avuto anch'io ma solo per certi passaggi...
..............................




Contento che tu abbia avuto una migliore esperienza Wink Sarà che mi aspettavo più introspezione, mi è parsa una storia più adatta al cinema che alla carta.
Solaris_666
Trifide Trifide
Messaggi: 222
Località: Roma
MessaggioInviato: Mer 10 Mar, 2021 19:12    Oggetto:   

Letto Il libro delle cose nuove e strane (2014) di Michel Faber, cosiddetta "fantascienza letteraria" contaminata con la religione


Avevo spesso trovato questo titolo quando si parla di scrittori mainstream che si avventurano nei territori, non loro, della fantascienza. Faber in realtà ha esordito con Under The Skin (dal quale è stato tratto l'omonimo film con la Johansson) accostabile anch'esso al genere, però è certamente più famoso per il suo romanzo ambientato nell'Inghilterra dickensiana "Il petalo cremisi e il bianco".
Questo Libro delle cose nuove e strane è stato scritto mentre la moglie di Faber si stava spegnendo a causa di un tumore... anche se questo non si rileva completamente dalla trama, magari sarà la mia immaginazione, si percepisce che qualcosa della vita di Faber fa capolino. Il libro è fantascienza, ma di un tipo molto tranquillo e calmo come spesso accade quando mischiata alla religione. Io non sono credente ma ammetto che questo tipo di contaminazione mi affascina quasi sempre. La trama, senza fare spoiler, la si capisce nelle prime pagine: un pastore britannico parte da una problematica Terra per portare la cristianità tra i nativi di un mondo alieno. Non sono presenti particolari twist o colpi di scena, quel che interessa a Faber è parlare di come può cambiare una relazione sentimentale quando la distanza tende ad aumentare, di come gli avvenimenti che accadono in luoghi distanti dalla propria realtà risultino altrettanto distanti e privi quasi di significato per chi non ci si trova dentro... e del cristianesimo. Immagino che in quei difficili giorni Faber abbia cercato conforto nella bibbia e le risposte che ha trovato (o che non ha trovato) sono parte della trama stessa. Un discreto libro, quasi buono... gli darei tre stellette e mezzo, quasi 4 ma il lettore che cerca avventure o qualcosa più tipicamente fantascientifico probabilmente lo demolirebbe

Ah... da questo libro è stato tratto nel 2017 il pilot per una serie TV che però Amazon non ha poi proseguito. L'ho guardato (al momento lo si trova in inglese gratuitamente su dailymotion, col titolo di Oasis che è il nome dato dagli umani al pianeta) e la percezione è che se fosse proseguito non sarebbe stato molto vicino alla trama del libro, viene aggiunto del mistero che nel libro è del tutto assente, ma comunque con una sola ora, finisce troppo presto per poter dare un vero giudizio
senji
Horus Horus
Messaggi: 2697
Località: toscana
MessaggioInviato: Mer 10 Mar, 2021 19:50    Oggetto:   

Under the Skin è un libro straordinario (nella sua crudezza) pertanto non posso che dare una possibilità a questo romanzo, l'autore se lo merita...
grazie della segnalazione, Wink
crazy diamond
*Foffomante* *Foffomante*
Messaggi: 6303
MessaggioInviato: Gio 18 Mar, 2021 09:50    Oggetto:   

ho letto con immensa fatica "campo Archimede"...sconclusionato, a tratti illeggibile con sovrabbondante, reiterato ed insistente sfoggio di citazioni dotte al di fuori della mia limitata cultura generale....boh...
ho iniziato a leggere il ciclo di Alastain Reynold (o come diavolo si scrive) che inizia con "rivelazione"....mi ha preso sin dalle prime pagine, speriamo prosegua così SmileSmile
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2985
Località: Novara
MessaggioInviato: Gio 18 Mar, 2021 10:01    Oggetto:   

crazy diamond ha scritto:

ho iniziato a leggere il ciclo di Alastain Reynold (o come diavolo si scrive) che inizia con "rivelazione"....mi ha preso sin dalle prime pagine, speriamo prosegua così SmileSmile

Son quasi sicuro d'averlo letto, ma morire se mi viene in mente.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2985
Località: Novara
MessaggioInviato: Gio 18 Mar, 2021 10:01    Oggetto:   

Letto gli incappucciati d'ombra libro veloce e carino, classica avventura di fantascienza.
Solaris_666
Trifide Trifide
Messaggi: 222
Località: Roma
MessaggioInviato: Ven 26 Mar, 2021 12:04    Oggetto:   

Gli incappucciati d'ombra fu tra i primi libri che ho letto ed il migliore di Edmond Hamilton, penso che prima o poi lo ritirerò fuori... Campo Archimede lo ho letto nello stesso periodo, lo ricordo arduo però mi pare che mi fosse piaciuto molto sebbene ne ho una memoria nebulosa...

Io ho letto per la prima volta L'Ultima Spiaggia (1957)



Lo leggevo per la prima volta ma ben conoscendo sia il primo film visto un paio di volte, sia il, meno interessante, remake televisivo del 2000. Inizialmente la lettura non mi aveva agganciato proprio perché sapevo la storia a menadito ma a poco a poco la situazione è cambiata e ho terminato il libro con un forte senso di magone che non pensavo potessi avere aspettandomi il finale.
In quegli anni la prospettiva di una fine del mondo causata da armi nucleari era un'ipotesi più tangibile di quanto potremmo pensare oggi e Shute ci catapulta in quell'incubo dove un'intera popolazione mantiene il massimo contegno (mi chiedo se Shute ci credesse davvero) fino all'atto conclusivo, cercando di vivere il più normalmente possibile.
senji
Horus Horus
Messaggi: 2697
Località: toscana
MessaggioInviato: Dom 28 Mar, 2021 19:50    Oggetto:   

Solaris_666 ha scritto:
Letto Il libro delle cose nuove e strane (2014) di Michel Faber, 

(.....)

Letto anch'io, e velocemente nonostante siano oltre 450 pag.
Ti quoto in tutto; romanzo che dimostra la bravura dell'autore che riesce ad incollare alla lettura nonostante la storia francamente non sia niente di che ma affascina cmq... Wink 

Una riflessione personale sul "genere": questo è un libro di fantascienza ? Così viene ufficialmente classificato ma l'elemento sf è talmente marginale e limitato che secondo me non rientra propriamente nella categoria. Infatti se sostituisci il futuro con il 19° secolo, il mondo alieno con per es. l'Australia e gli alieni con gli aborigeni... il libro sarebbe identico, senza perdere niente.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2985
Località: Novara
MessaggioInviato: Lun 29 Mar, 2021 10:29    Oggetto:   

Sto leggendo "spedizione sundiver", per il momento non mi prende granghè sta storia dei delfini OGM, vediamo più avanti.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7040
MessaggioInviato: Lun 29 Mar, 2021 10:35    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
Sto leggendo "spedizione sundiver", per il momento non mi prende granghè sta storia dei delfini OGM, vediamo più avanti.

Io l'avevo trovato abbastanza piatto.
L'avevo letto perché era il primo del ciclo delle 5 galassie, ma non mi è parso un romanzo che dica molto.
Jirel
haut-lady
Messaggi: 4396
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 29 Mar, 2021 13:08    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
Sto leggendo "spedizione sundiver", per il momento non mi prende granghè sta storia dei delfini OGM, vediamo più avanti.

molto ma molto meglio i seguiti.
io ho iniziato il Ciclo delle 5 Galassie da "le maree di Khitrup" e i signori di Garth
ti butta subito nel maelstrom delle lotte tra le razze, con i lupacchiotti umani capitai per caso e menati da tutti...
non ho trovato Spedizione Sundiver particolarmente bello, l'ho letto solo per concludere il ciclo (anche se viene prima)
Albacube
Reloaded Reloaded
Messaggi: 5685
Località: Un paesello padovano
MessaggioInviato: Lun 29 Mar, 2021 22:03    Oggetto:   

Jirel ha scritto:
Rdaneelolivaw ha scritto:
Sto leggendo "spedizione sundiver", per il momento non mi prende granghè sta storia dei delfini OGM, vediamo più avanti.

molto ma molto meglio i seguiti.
io ho iniziato il Ciclo delle 5 Galassie da "le maree di Khitrup" e i signori di Garth
ti butta subito nel maelstrom delle lotte tra le razze, con i lupacchiotti umani capitai per caso e menati da tutti...
non ho trovato Spedizione Sundiver particolarmente bello, l'ho letto solo per concludere il ciclo (anche se viene prima)

Confermo. Kithrup è per me il più bello dei primi tre. Sundiver si legge per concludere il tris, mentre non mi ricordo se sono riuscito a finire i secondi tre, forse mi manca l'ultimo: una fatica enorme leggerli.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2985
Località: Novara
MessaggioInviato: Mar 30 Mar, 2021 08:22    Oggetto:   

grazie ragazze/i, Vi terrò aggiornati. Smile
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6118
MessaggioInviato: Mar 30 Mar, 2021 15:15    Oggetto:   

 Albacube ha scritto:
Jirel ha scritto:
Rdaneelolivaw ha scritto:
Sto leggendo "spedizione sundiver", per il momento non mi prende granghè sta storia dei delfini OGM, vediamo più avanti.

molto ma molto meglio i seguiti.
io ho iniziato il Ciclo delle 5 Galassie da "le maree di Khitrup" e i signori di Garth
ti butta subito nel maelstrom delle lotte tra le razze, con i lupacchiotti umani capitai per caso e menati da tutti...
non ho trovato Spedizione Sundiver particolarmente bello, l'ho letto solo per concludere il ciclo (anche se viene prima)

Confermo. Kithrup è per me il più bello dei primi tre. Sundiver si legge per concludere il tris, mentre non mi ricordo se sono riuscito a finire i secondi tre, forse mi manca l'ultimo: una fatica enorme leggerli.


Eh, quando si parla del ciclo delle "5 galassie" di Brin non posso mancare. Ottimo ciclo, ma evidentemente della prima trilogia "Sundiver" deve essere davvero a un livello inferiore degli altri 2, visto che lo dicono più o meno tutti quelli che l'hanno letto; e anche io lo ricordo meno degli altri. Anche se a onor del vero è l'unico dei 6 totali che non ho riletto almeno 2 volte (Garth e Kithrup anche 4...) e forse una ragione ci sarà. Epperò una certa curiosità di riprenderlo mi è venuta...
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 681, 682, 683 ... 685, 686, 687  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum