cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 663, 664, 665, 666, 667  Successivo
Autore Messaggio
Solaris_666
Hortha Hortha
Messaggi: 136
Località: Roma
MessaggioInviato: Sab 15 Giu, 2019 19:27    Oggetto:   


Alla fine mi sono deciso a leggere Nell'oceano della notte (1977) di Benford. Lo possedevo da un pezzo insieme a Timescape,  ho virato sul primo dopo la recensione di Nirgal  non completamente positiva di Timescape. Hm, quest'altro non mi ha fatto impazzire... un po' perchè la trama ad un certo punto si fa simile a quella dei libri di Liu Cixin che ho letto/sto leggendo da poco ed un po' perchè lo stile di scrittura di Benford non è invecchiato granchè bene. Cerca di aggiungere un lato umano alla vicenda, ma lo fa usando personaggi piatti o stereotipati. Il protagonista è, suppongo contrariamente ai propositi dell'autore, discretamente antipatico, le donne sono ancora più banali e poco più di un pretesto per i bisogni sessuali del protagonista. Ma la ciliegina sulla torta è il cosiddetto "colpo di scena" che avviene a tre quarti della narrazione e che è roba da classico facepalm. Mi conforta vedere che anche nelle recensioni online sia stato accolto nel medesimo modo... Ero incerto se dargli tre stellette, considerando che ha ormai 42 anni penso che alla fine  gliene darò 2 Very Happy  Si tratta del primo di una serie di 6 romanzi scritti tra il 1977 ed il 1995, si parla benino del secondo e del terzo che dovrebbero essere migliori. 
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 6259
Località: Verona
MessaggioInviato: Lun 17 Giu, 2019 08:39    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
HappyCactus ha scritto:
Rdaneelolivaw ha scritto:
HappyCactus ha scritto:
Madonna che palle sto destino della legione. speriamo crepino in fretta, perché è un'agonia.

Muahahaha! Muahahaha! Muahahaha! Muahahaha!

L'agonia continua, uh, il 50% mi sembra sempre più lontano. Non so che fare, se abbandonare o tener duro.

E' un romanzo di world building, la vicenda di per non è niente di speciale serve a costruire il mondo in cui è ambientato.

Sono arrivato in fondo! Incredibile, non ci credo!
Ordunque: non leggevo un libro così insulso da un po' di tempo.
L'unica cosa che tiene botta è il sense of wonder, ma mi pare che l'intero romanzo sia basato esclusivamente su questo: sorprendere il lettore con un mondo talmente alieno da essere difficile da rappresentarsi nella testa.
Curiosamente, nei ringraziamenti l'autrice afferma che la cosa più dura, secondo lei, è stata scrivere e far accettare un romanzo scritto interamente al femminile, con personaggi esclusivamente femminili, che bastano per se stessi. Tanto da riprodursi senza necessità dei maschi.
Fosse solo questo!
Il mondo al femminile è l'unica cosa che non è stata difficile digerire.
Invece la storia è talmente flebile da essere irrilevante, i personaggi sono così fragili da essere pura carta velina.
Complice la narrazione che, pur scorrevole, manca completamente di polso, tanto da essere asettica sia nell'azione ("faccio questo, colpisco quello, la mia amica muore, verso lacrime") che nelle riflessioni, replicate peraltro pagina dopo pagina.
400 pagine di poco, solo il world building risulta interessante, ma insufficiente a costruire un romanzo memorabile. Fossimo a scuola, il giudizio sarebbe "idea interessante, contenuto inesistente espresso con stile piuttosto scarso".
Ma che peccato.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 2836
MessaggioInviato: Lun 17 Giu, 2019 10:58    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Invece la storia è talmente flebile da essere irrilevante, i personaggi sono così fragili da essere pura carta velina.
Complice la narrazione che, pur scorrevole, manca completamente di polso, tanto da essere asettica sia nell'azione ("faccio questo, colpisco quello, la mia amica muore, verso lacrime") che nelle riflessioni, replicate peraltro pagina dopo pagina.
400 pagine di poco, solo il world building risulta interessante, ma insufficiente a costruire un romanzo memorabile. Fossimo a scuola, il giudizio sarebbe "idea interessante, contenuto inesistente espresso con stile piuttosto scarso".
Ma che peccato.

Personalmente ho visto questo modo di scrivere come una critica femminista, che poi mi pare il fulcro ideologico del romanzo.
L'idea di donne rinchiuse in una società che le vede come ingranaggi, che continuano a ripetere la stesse azioni, private di spessore, di capacità di emergere dal piattume di una società in cui sono parte prevalentemente inerte, in cui ogni cosa scivola via come normale.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 6259
Località: Verona
MessaggioInviato: Lun 17 Giu, 2019 14:27    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
HappyCactus ha scritto:
Invece la storia è talmente flebile da essere irrilevante, i personaggi sono così fragili da essere pura carta velina.
Complice la narrazione che, pur scorrevole, manca completamente di polso, tanto da essere asettica sia nell'azione ("faccio questo, colpisco quello, la mia amica muore, verso lacrime") che nelle riflessioni, replicate peraltro pagina dopo pagina.
400 pagine di poco, solo il world building risulta interessante, ma insufficiente a costruire un romanzo memorabile. Fossimo a scuola, il giudizio sarebbe "idea interessante, contenuto inesistente espresso con stile piuttosto scarso".
Ma che peccato.

Personalmente ho visto questo modo di scrivere come una critica femminista, che poi mi pare il fulcro ideologico del romanzo.
L'idea di donne rinchiuse in una società che le vede come ingranaggi, che continuano a ripetere la stesse azioni, private di spessore, di capacità di emergere dal piattume di una società in cui sono parte prevalentemente inerte, in cui ogni cosa scivola via come normale.


Questo aspetto traspare neanche poco velatamente, a dire il vero.
Ma ha senso rinchiuderlo in un mondo in cui sono le donne a costruire la società? Sembra quasi che il tema sia le donne che sottomettono e discriminano altre donne.
Ma a parte questo, credo che il tema principale vada davvero a perdersi nella noia, nello stile narrativo monotono e asettico, completamente privo di emozione.
Boh, davvero. Le premesse erano molto buone (ne scrivevo in modo entusiasta dopo i primi capitoli), ma l'enfasi si è persa quasi subito.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 2836
MessaggioInviato: Lun 17 Giu, 2019 16:26    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Questo aspetto traspare neanche poco velatamente, a dire il vero.
Ma ha senso rinchiuderlo in un mondo in cui sono le donne a costruire la società? Sembra quasi che il tema sia le donne che sottomettono e discriminano altre donne.

Più che altro la Legione mi sembra un sistema costruito da una civiltà umana o simile, che ha progressivamente eliminato il sesso maschile perché inutile, continuando però ad utilizzare le donne come strumento funzionale al sistema, il tutto applicando l'ingegneria genetica in modo veramente fantascientifico.
Con il declino della società, poi tutto il sistema crolla, perché in una società di ingranaggi il futuro decadente è molto probabile.

L'atteggiamento delle donne è quello di applicare l'unico modello sociale che conoscono, è un comportamento tipico della nostra società si riscontra  per esempio a livello di top manager, o a livello di vittime di abusi.

Per come l'ho visto io, finalmente ci si concentra non tanto sul genere, ma sul modello socio/culturale. Anche in mondo di sole donne, se non cambi il modello sociale, i risultati sono quelli che vediamo, non è una questione di genere,
Mi pare che ci sia si un'esaltazione della donna, come individuo forte, indipendente che non ha bisogno dell'uomo, ma al contempo ci sia l'avvertimento a non seguire lo stello modello della società maschilista, altrimenti non cambia niente ... 
poi magri qualcuno dice che parlo così perché sono un uomo Very Happy
Poi da un lato capisco ed in parte concordo con il giudizio sulla scrittura, dall'altro lo trovo adatto a rendere quell'atmosfera decadente e un po' pensante che permea tutto l'universo della legione.
La prima cosa che ho pensato quando ho finito il romanzo è stato speriamo scriva un'altro romanzo ambientato nella Legione, però in momento più vivo, anche perché effettivamente quello che manca al romanzo è la "vitalità".
Vedere la creazione o la rinascita di una simile società con la sua complessità e potenza tecnologica, è veramente una delle mie grandi speranze letterarie.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 2836
MessaggioInviato: Lun 17 Giu, 2019 21:35    Oggetto:   

Ieri ho iniziato a leggere anche Ultima Genesi (Dawn) di Octavia Butler, trovato in edizione in lingua originale su Prime Reading mentre guardavo se c'era qualcosa di interessante non SF.
Devo dire che Prime sta diventando sempre più interessante.
C'è un certo numero di titoli famosi in italiano, più che altro fantasy (per esempio adesso c'è il primo volume della ruota del tempo di Jordan, che mi ha sempre incuriosito), ma ad esempio c'è anche I Figli del tempo di Adrian Tchaikovsky.
Ora iniziano anche a mettere dei volumi in inglese, ho visto Forever War e Way Station.
Il problema è che c'è il rischio di trovarsi a leggere cose meno interessanti solo perché sono gratis.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 6259
Località: Verona
MessaggioInviato: Mar 18 Giu, 2019 08:28    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
HappyCactus ha scritto:
Questo aspetto traspare neanche poco velatamente, a dire il vero.
Ma ha senso rinchiuderlo in un mondo in cui sono le donne a costruire la società? Sembra quasi che il tema sia le donne che sottomettono e discriminano altre donne.

Più che altro la Legione mi sembra un sistema costruito da una civiltà umana o simile, che ha progressivamente eliminato il sesso maschile perché inutile, continuando però ad utilizzare le donne come strumento funzionale al sistema, il tutto applicando l'ingegneria genetica in modo veramente fantascientifico.
Con il declino della società, poi tutto il sistema crolla, perché in una società di ingranaggi il futuro decadente è molto probabile.

L'atteggiamento delle donne è quello di applicare l'unico modello sociale che conoscono, è un comportamento tipico della nostra società si riscontra  per esempio a livello di top manager, o a livello di vittime di abusi.

Per come l'ho visto io, finalmente ci si concentra non tanto sul genere, ma sul modello socio/culturale. Anche in mondo di sole donne, se non cambi il modello sociale, i risultati sono quelli che vediamo, non è una questione di genere,
Mi pare che ci sia si un'esaltazione della donna, come individuo forte, indipendente che non ha bisogno dell'uomo, ma al contempo ci sia l'avvertimento a non seguire lo stello modello della società maschilista, altrimenti non cambia niente ... 
poi magri qualcuno dice che parlo così perché sono un uomo Very Happy


Boh, però queste sono considerazioni del lettore, l'autore o le protagoniste non fanno trasparire nulla di tutto ciò.
Neppure un accenno a che cosa è il mondo, la legione, perché delle cose.. nulla. Deve costruire tutto il lettore.
le uniche considerazioni che fanno i protagonisti sono sull'amore (vabbè) sui loro dubbi (ok) e sulla loro ignoranza (In superficie non sanno cosa c'è sotto e sotto non sanno dell'esistenza della superficie). Ci sta, a parte alcune incoerenze grossolane (in certi punti la protagonista ragiona come noi, si schisa se si mangiano i morti senza rendersi conto che è quello che ha sempre fatto).
Le tue sono tutte considerazioni che ci stanno, eh, ma sono frutto più del tuo ricamo che, a mio parere, del preciso indirizzo dell'autore.


Citazione:

Poi da un lato capisco ed in parte concordo con il giudizio sulla scrittura, dall'altro lo trovo adatto a rendere quell'atmosfera decadente e un po' pensante che permea tutto l'universo della legione.


Decadente, sì. Pensante, no. I personaggi sono flebili, sottili sottili, inconsistenti, senza alcuna volontà e senza personalità. Se li scambi tra loro ottieni lo stesso risultato. Una lieve differenza la scorgi tra il più flebile e quelli leggermente più dominanti, che però sul finale semplicemente scompaiono.
La protagonista è irrilevante, e pure tutto il romanzo è centrato su di lei.

Citazione:

La prima cosa che ho pensato quando ho finito il romanzo è stato speriamo scriva un'altro romanzo ambientato nella Legione, però in momento più vivo, anche perché effettivamente quello che manca al romanzo è la "vitalità".
Vedere la creazione o la rinascita di una simile società con la sua complessità e potenza tecnologica, è veramente una delle mie grandi speranze letterarie.


Sarà, ma credo più che sia per quello che manca, per le potenzialità non sfruttate che per quello che ha dimostrato. Come se ora declamassi di voler fare una dichiarazione che cambierà le sorti del forum, e poi lasciassi la
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 6259
Località: Verona
MessaggioInviato: Mar 18 Giu, 2019 08:32    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
ma ad esempio c'è anche I Figli del tempo di Adrian Tchaikovsky.


Eh, questo sì merita!
Se devo fare un confronto tra I figli del tempo e la legione, beh, pur meno estremo (fino ad un certo punto in realtà), i figli del tempo vince a mani basse.
Ha tutto quello che la legione avrebbe promesso ma non ha mantenuto.

Citazione:

Il problema è che c'è il rischio di trovarsi a leggere cose meno interessanti solo perché sono gratis.



Beh, la quantità di spazzatura è tale che poi ti passa Smile
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 2836
MessaggioInviato: Mar 18 Giu, 2019 09:28    Oggetto:   

 HappyCactus ha scritto:
Sarà, ma credo più che sia per quello che manca, per le potenzialità non sfruttate che per quello che ha dimostrato.

Probabilmente si, il romanzo mi a preso il cervello, un po' come le scene dei film dove provano funghi allucinogeni per "aprire" la mente Very Happy
Però devo dire che io ho trovato più noioso I figli del tempo Smile

 HappyCactus ha scritto:
Come se ora declamassi di voler fare una dichiarazione che cambierà le sorti del forum, e poi lasciassi la

in questo caso penseremmo tutti che si tratti del logout ed ignoreremmo beatamente la cosa Razz
Solaris_666
Hortha Hortha
Messaggi: 136
Località: Roma
MessaggioInviato: Mer 19 Giu, 2019 09:58    Oggetto:   

Nirgal ha scritto:
 HappyCactus ha scritto:
Sarà, ma credo più che sia per quello che manca, per le potenzialità non sfruttate che per quello che ha dimostrato.

Probabilmente si, il romanzo mi a preso il cervello, un po' come le scene dei film dove provano funghi allucinogeni per "aprire" la mente Very Happy
Però devo dire che io ho trovato più noioso I figli del tempo Smile




Per curiosità, Nirgal, qual è il tuo romanzo di fantascienza preferito scritto negli ultimi 10 anni? Il mio è proprio "I figli del tempo". Tra l'altro da due o tre settimane è uscito anche il seguito negli Stati Uniti.
Io non ho ancora letto il libro della Hurley, comunque leggiucchiando le recensioni su goodreads, mi sembra di notare gli stessi "partiti" qui rappresentati da HC e da Nirgal. Su goodreads ne esce con una media popolare di 3.66 (relativamente bassa) con circa 5900 voti.
HappyCactus
Horus Horus
Messaggi: 6259
Località: Verona
MessaggioInviato: Gio 20 Giu, 2019 09:13    Oggetto:   

Goodreads? Nick per favore Smile


Ho iniziato a leggere "Il treno degli Dei" di China Mieville, terzo e conclusivo romanzo del ciclo di New Crobuzon.
Rispetto agli altri due, divaga meno e risulta più concentrato sulla storia che sulla costruzione del mondo, di cui peraltro già sappiamo dai precedenti romanzi (autoconclusivi, comunque). 
Ad ogni modo, al solito super immaginifico, misto di magia, fantascienza, weird e quant'altro. Magistrale.
Impegnativo comunque (sono circa 600 pagine).
Rdaneelolivaw
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1506
Località: Novara
MessaggioInviato: Gio 20 Giu, 2019 09:21    Oggetto:   

HappyCactus ha scritto:
Goodreads? Nick per favore Smile



c'è un solaris di Trento, sarà lui? Smile

EDIT: no, mi sa di no.
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 2836
MessaggioInviato: Gio 20 Giu, 2019 09:51    Oggetto:   

Solaris_666 ha scritto:

Per curiosità, Nirgal, qual è il tuo romanzo di fantascienza preferito scritto negli ultimi 10 anni? 

Romanzi degli ultimi 10 anni in sintesi direi:
Il top The Windup Girl (La ragazza meccanica) di Bacigalupi, in compagnia di The City & The City di Miéville, Anathem di Stephenson, Blackout/All Clear di Connie Willis e Galileo's Dream di Kim Stanley Robinson.
Devo dire che non ho ancora letto cose come The Three Body Problem di Cixin Liu, almeno tra quelli più famosi.
A livello di personaggio direi Shuos Jedao di Ninefox Gambit di Yoon Ha Lee.

Delusione maggiore Among Others di Jo Walton. 
Rdaneelolivaw
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1506
Località: Novara
MessaggioInviato: Ven 21 Giu, 2019 10:33    Oggetto:   

Non sapevo di questa cosa di Playboy
https://www.goodreads.com/book/show/15904043-la-fantascienza-di-playboy---parte-prima-the-fiction-of-playboy---part?ac=1&from_search=true
Paolo7
Horus Horus
Messaggi: 4298
MessaggioInviato: Ven 21 Giu, 2019 10:42    Oggetto:   

Rdaneelolivaw ha scritto:
Non sapevo di questa cosa di Playboy
https://www.goodreads.com/book/show/15904043-la-fantascienza-di-playboy---parte-prima-the-fiction-of-playboy---part?ac=1&from_search=true


Sapevo che non pubblicavano solo pin up, ma questa non la ricordavo..
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Libri e consigli Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 663, 664, 665, 666, 667  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum