Orson Scott Card: basta Star Trek, è ora di crescere


Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6389
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 09:55    Oggetto: Orson Scott Card: basta Star Trek, è ora di crescere   

Orson Scott Card: basta Star Trek, è ora di crescere

Leggi l'articolo.
metalupo
Chtorr Chtorr
Messaggi: 321
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 09:55    Oggetto: -   

Ha forse torto?

Card non è nuovo a queste 'sparate' senza peli sulla lingua. In particolare un suo articolo sulla inconciliabilità fra omosessualità e valori di fede cristiana o protestante (lui è di una confessione protestante che non ricordo bene quale sia - mormone forse, ma non ne sono sicuro) ha scatenato flames a non finire.

Fondamentalmente questo suo punto di vista (espresso crudemente) su Star Trek lo trovo condivisibile. Era ora che qualcuno avesse il coraggio di dirla schiettamente. Appartengo alla categoria di quelli che Star Trek non l'hanno mai capito o voluto capire. Mi ha divertito vedere alcune delle sue serie o film (Amo in particolare DS9) ma condivido l'idea del fondamentale infantilismo dell'universo Trek e delle ripercussioni a conti fatti deleterie per la salute (e la dignità) del genere fantascientifico. Insomma, l'idea che ho è che, per gli appassionati di fantascienza, essere identificati (identificati quasi esclusivamente, intendo) con gli appassionati di star trek (o star wars, se è per questo) dalla gente comune (e chi se ne frega di quel che pensano) o dai gruppi editoriali/cinematografici (ben più grave) va a sgretolare, giorno dopo giorno, la possibilità di vedersi proporre cose ben più serie.

Discorso non inattaccabile, mi rendo conto. Ma è quello che ho sempre (visceralmente - forse troppo visceralmente) pensato Wink
Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni
Marco Travaglio
Bruno Codan
Ospite

MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 11:35    Oggetto: Fantascienza di serie B   

Anch'io sono "costretto" a trovarmi d'accordo con Card. Non trovo e non ho mai trovato Star Trek particolarmente innovativo e originale. L'ho sempre trovato, invece, una rappresentazione molto fedele delle paure e delle nevrosi americane del periodo in cui le varie serie venivano trasmesse. A partire dalla serie originale, una trasposizione della guerra fredda degli anni '60, finendo con un le Convention in cui ci si traveste, come se le antennine o i costumini fossero l'essenza o la parte più vera della serie!! Che poi, a scavare un pò, un messaggio serio Star Trek ha cercato anche di trasmetterlo: la filosofia dell'IDIC, della tolleranza e del sentirsi arricchiti e non minacciati dal diverso. Ma il modo in cui si è voluto trasmettere questo messaggio è stato, nel corso delle varie serie, così maldestro e sfumato (troppo sfumato) da perdersi nei mille dettagli, insignificanti e ridicoli, del "fenomeno" Star trek che conosce il grande pubblico.
cpt. Malcom Reynolds
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2231
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 12:55    Oggetto:   

Io credo + semplicemente che Card critichi il fatto che Star trek, essendo basilarmente un'utopia difetti fondamentalmente di drammaticità e complessità. E' una cosa che ho percepito anch'io, essendo l'umanità vista in modo "positivo" spesso nelle varie serie si fa carte false per non far agire male nessun personaggio e si rischia di scadere nel buonismo fine a se stesso.
Certo, se posso essere d'accordo per Buffy e Firefly, non riesco mimimamente ad esserlo per Smalville e Lost (ma di quest'ultimo ho visto ancora troppo poco).
E poi dove sarebbero questi film fantastici di qualità che Card dice?
Negli ultimi 10 anni ne avrò visto si e no una decina, i tre "Signore degli anelli", che non sono sf, compresi.
Abigor
La Pecora Nera La Pecora Nera
Messaggi: 5088
Località: La casetta di marzapane
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 13:32    Oggetto:   

Io non ho mai sopportato "Star trek" quindi non posso che essere d'accordo con OSC: la serie la mena troppo sul buonismo, senza mai reinventarsi od avere il coraggio di cambiare rotta, di osare.

L'abbiamo già detto su questo forum, quello che si chiede è un universo più cupo, meno improntato all'ottimismo ed alla fratellanza universale: più lotte, tradimenti, personaggi negativi ed anche malvagi, è nauseabondo ed irreale quell'ambiente asettico in cui tutto funziona a meraviglia e tutti si muovono felici e contenti.

E che il fan medio di "Star trek" non sia aperto ad altre letture o generi come sostiene OSC lo dimostra l'ostracismo verso chi ha idee diverse dalle loro sul telefilm ed il panico con cui hanno accolto la notizia della chiusura della serie.
Μολὼν λαβέ.
Ordinen und disciplinen.
Si vis pacem para bellum.
Terminator
Chtorr Chtorr
Messaggi: 341
Località: Laboratori Cyberdyne
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 13:50    Oggetto:   

Abigor ha scritto:

E che il fan medio di "Star trek" non sia aperto ad altre letture o generi come sostiene OSC lo dimostra l'ostracismo verso chi ha idee diverse dalle loro sul telefilm ed il panico con cui hanno accolto la notizia della chiusura della serie.

Quello e' solo un gruppo ristretto di fans. Ci sono invece moltissimi sostenitori di ST che sanno accettare le critiche senza metter subito mano alle pistole laser. Basta vedere il modo in cui quelli fra di essi che frequentano questo forum hanno saputo discutere dei pregi e difetti delle ultime serie.
Purtroppo pero' ricevono spesso molta piu' attenzione quelli che raccolgono disperatamente i soldi per tener vivo Enterprise, o che vanno ai convegni vestiti da vulcaniani e imparano il linguaggio Klingon come hobby... Rolling Eyes
StarPig
Cylon Cylon
Messaggi: 289
Località: Le terre di Coconino
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 14:06    Oggetto: Re: Fantascienza di serie B   

Bruno Codan ha scritto:
originale. L'ho sempre trovato, invece, una rappresentazione molto fedele delle paure e delle nevrosi americane del periodo in cui le varie serie venivano trasmesse.


Quattro cagate insomma...
Quello che mi chiedo: qualcuno ha mai definito Star Trek un capolavoro assoluto della fantascienza di fronte al quale ci si dovrebbe inchinare e/o stracciare le vesti?
Mi pare di no. La critica è quindi piuttosto sterile e di bizzarro tempismo vista l'attualità.

Poi, francamente, definire Buffy e Smallville prodotti di livello più alto di Star Trek, beh, ci va del coraggio. Sono più cupi? Grazie, sono nati negli anni '90 dove "cupo" è la parola d'ordine come "ottimismo" era negli anni '60 del boom economico. Sono fatti meglio? Certo: che budget hanno a disposizione?
Stiamo parlando di serie televisive d'intrattenimento, le dichiarazioni del signor "gioco di ender" equivalgono a scoprire l'acqua calda.

Il re è nudo? Chi se ne frega.

p&l
cpt. Malcom Reynolds
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2231
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 14:38    Oggetto:   

Citazione:
Poi, francamente, definire Buffy e Smallville prodotti di livello più alto di Star Trek, beh, ci va del coraggio.


Meno di quanto credi.
Smalville non mi piace, ma Buffy E' un prodotto notevolessimo.
Abigor
La Pecora Nera La Pecora Nera
Messaggi: 5088
Località: La casetta di marzapane
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 14:45    Oggetto:   

Terminator ha scritto:
Basta vedere il modo in cui quelli fra di essi che frequentano questo forum hanno saputo discutere dei pregi e difetti delle ultime serie.

E' vero, ma va anche detto che ce la siamo sempre "contata" tra di noi: alla fine gli appassionati di St su questo forum sono gli stessi utenti che intervengono anche nelle mille altre discussioni quotidiane (beh, magari decine, a volte anche solo unità Wink). Non so quanto sia ristretto - a livello nazionale - il gruppo degli sfegatati, si dovrebbe dare un'occhiata ai siti dei trekker italiani per avere il vero polso della situazione, ma non credo sia tanto ristretto. Wink

Citazione:
Purtroppo pero' ricevono spesso molta piu' attenzione quelli che raccolgono disperatamente i soldi per tener vivo Enterprise, o che vanno ai convegni vestiti da vulcaniani e imparano il linguaggio Klingon come hobby... Rolling Eyes

Giornalisticamente sono più presentabili, sia perché offrono quel colore trash che piace sia perché incranano l'ideale "geek" che nell'immaginario comune è sinonimo di appassionato di fs.

StarPig ha scritto:
Bruno Codan ha scritto:
L'ho sempre trovato, invece, una rappresentazione molto fedele delle paure e delle nevrosi americane del periodo in cui le varie serie venivano trasmesse.

Quattro cagate insomma...

Laughing
Anche a me solo l'idea di dover trasferire e tradurre forzatamente la correttezza politica in una serie televisiva fa venire il latte alle ginocchia. Wink
Μολὼν λαβέ.
Ordinen und disciplinen.
Si vis pacem para bellum.
grimorg80
Gizmo
Messaggi: 26
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 15:12    Oggetto:   

Sono un enorme estimatore di Star Trek, di Buffy e di Smallville. Premesso questo...

Liquidare Star Trek in quel modo è ridicolo. Basti pensare che ai tempi Isaac Asimov disse che era "l'unica serie televisiva di fantascienza degni di tale nome". Non mi sembra un'opinione da ignorare.

Chi vuole negare quanto avanti rispetto ai tempi fosse mettere insieme bianchi, neri, orientali, russi e alieni in piena guerra fredda per capire che non era una "cosetta".

Oppure pensate al fatto che Martin Luther King disse a Nichelle Nichols (Uhura) di non abbandonare la serie perché era un modello per tutti gli afroamericani. Se fosse stata solo una "roba di costume" sarebbe successo?

Le serie successive si sono via via migliorate tecnicamente e buttate sempre di più dentro l'universo alternativo di Star Trek, allontanandosi dalle idee di base.

Non è un caso che Enterprise non piaccia, in prima battuta, ai fan storici.

Sono d'accordo sul fatto che Star Trek si prenda una bella pausa. Ci vuole del tempo per pensare ad altro, capire i tempi e rilanciarsi. Perché Star Trek è sempre stato forte per le tematiche trattate, perché era fantascienza nel senso puro del termine. PArlare di qualcosa dicendo altro.

Oggi non lo è più e va bene, ma da qui a cscagliarsi così su Star Trek mi sembra superficiale e fazioso.

Se poi non piace... beh, ognuno ha i suoi gusti.
Zquee
Subdirdir Subdirdir
Messaggi: 584
Località: Un pianeta molto remoto.
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 16:30    Oggetto:   

Il completo pacifismo e la correttezza politica a tutti i costi e la visione utopica delluniverso sono roba introdotta nelle serie successive, che molto poco hanno a che fare con quella originale.

Il nostro caro OSC attacca la serie classica definendola "mal fatta" ed "elementare" dimenticandosi (o ignorando) che molte delle idee derivano direttamente dalla fantascienza scritta (da lui definita di gran lunga superiore) e che a realizzare la serie hanno contribuito diversi scrittori di fantascienza del tempo (Sturgeon soprattutto, Blish, e persino Asimov nel '79 per il primo film).
Sarebbe bello fargli notare che è un prodotto confezionato per il mercato televisivo, studiato per essere meno complesso della controparte scritta.
Ma di lì a dire che gli spettatori di Star Trek non leggono affatto mi pare un pò semplicistico.

Se si aggiunge che, come lui stesso sottolinea, la serie ha come scopo primario l'intrattenimento (è un telefilm Exclamation )la sua critica mi pare piuttosto sterile...
Oltretutto se andiamo a vedere cosa ha indicato come esempi di serie di qualità c'è qualcosa che mi sfugge... Confused
Cos'hanno in più? Soldi? o semplicemente è roba di questi anni, e quindi più adatta ai gusti attuali (più cupa ecc...)?

Se Star Trek racchiude le psicosi ed il modo di pensare del tempo, pur con qualche tocco di originalità in più, non mi sembra proprio da buttare via.
Il fatto poi di aver tirato avanti per gli ultimi vent'anni con più o meno le stesse idee inevitabilmente rende Star Trek superato, da cui l'interruzione, penso definitiva, per mancanza di un qualche ricambio delle tematiche.
Jabbafar
IMPERATORE
Messaggi: 20267
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 17:35    Oggetto: re   

Star Trek.......

Pur essendo un grandissimo fan ritengo anch'io che ormai il suo tempo sia finito.

La prima serie era innovativa e forse la prima stagione di STNG era interessante ma poi gli autori si sono persi per strada.

Gloria a star trek ma oggi giorno c'è di meglio.

L'ultima serie con Bakula era davvero terrificante, credo di aver guardato sono un paio di puntate.

Comunque, la mia divisa di Voyager la tengo ancora come ricordo.

Lunga vita e prosperità.
“Non interrompere mai il tuo nemico mentre sta facendo un errore.”
cpt. Malcom Reynolds
Time Lord Time Lord
Messaggi: 2231
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 18:48    Oggetto:   

Citazione:
Oltretutto se andiamo a vedere cosa ha indicato come esempi di serie di qualità c'è qualcosa che mi sfugge...
Cos'hanno in più? Soldi? o semplicemente è roba di questi anni, e quindi più adatta ai gusti attuali (più cupa ecc...)?


Smalville è una serie che ho provato a seguire ma non apprezzo, quindi per me ST è sicuramente superiore.
Lost la sto seguendo, per il momento non mi piace ma non è detto che non migliori e cmq voglio vederne tutta la stagione per giudicare.
Buffy invece è una fantastica serie che per inventiva e profondità ha pochi eguali. Quoto da un'altro topic di un'altro forum sullo stesso argomento, così non sentite solo il mio parere:

Citazione:
Buffy e' una serie fortemente character-driven, dove l'ambientazione horro adolescenziale e' solo una scusa per giocare con il tessuto narrativo e i cliche' dei telefilm. Buffy e' stata innovativa perche' per la prima volta ha trapiantato in un telefilm tutta una serie di strutture narrative tipiche del fumetto seriale supereroistico e le HA FATTE FUNZIONARE.
E chi ha letto gli X-Men di Chris Claremont sa di che sto parlando.
E' una serie con una fortissima continuity interna (quasi non esistono incongruenze) e che puo' essere letta a vari livelli. Interessante ad esempio tutto il percorso dell'evoluzione dei personaggi attraverso le stagioni, e sopratutto il fatto che, contrariamente a tanti serial, le scelte di ogni singolo personaggio si ripercuotono sul personaggio stesso e su chi lo circonda, spesso senza possibilita' di rimedio.
I personaggi soffrono, sbagliano e pagano terribili conseguenze.
Inoltre, il solo fatto di aver introdotto e sviluppato un paio di personaggi gay credibili ed evoluti, la dice lunga sulla qualita' della serie.


Chiedo scusa all'autore del quote, ma come al solito è stato + chiaro di quanto riesca al sottoscritto. Embarassed
Abigor
La Pecora Nera La Pecora Nera
Messaggi: 5088
Località: La casetta di marzapane
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 21:37    Oggetto:   

grimorg80 ha scritto:
Liquidare Star Trek in quel modo è ridicolo. Basti pensare che ai tempi Isaac Asimov disse che era "l'unica serie televisiva di fantascienza degni di tale nome". Non mi sembra un'opinione da ignorare.

Direi che è passato qualche annetto da allora... Wink

Citazione:
Chi vuole negare quanto avanti rispetto ai tempi fosse mettere insieme bianchi, neri, orientali, russi e alieni in piena guerra fredda per capire che non era una "cosetta".

E' appunto quello che si sostiene: è troppo impegnata, troppo attenta alla correttezza politica, al volersi bene, insegue i bei principi invece di puntare al lato oscuro, ciò che alla fine ti fa stare davanti allo schermo.

jabbafar ha scritto:
Comunque, la mia divisa di Voyager la tengo ancora come ricordo.

Puoi metterla sotto al grembiule nel supermercato: quando una cliente stile Cassiopea ti viene a chiedere la data di scadenza dello stracchino mostri la divisa aliena e saluti con un "lunga vita e prosperità". Wink
Sei sicuro che la volta successiva la cliente vada dal tuo collega. Mr. Green
Μολὼν λαβέ.
Ordinen und disciplinen.
Si vis pacem para bellum.
Dr. Weir
Icona moderna Icona moderna
Messaggi: 9012
Località: Santa Mira
MessaggioInviato: Lun 09 Mag, 2005 21:53    Oggetto:   

Premetto che non sono un'esperta di fantascienza perchè, se si escludono gli ultimi 6-7 mesi in cui ho cominciato a leggere libri di fantascienza, mi sono sempre limitata a guardare i telefilm in TV, a partire da "Spazio 1999" che passavano quand'ero piccola.
Per quanto mi riguarda, quindi - e penso anche per quanto riguarda molti, molti altri - è vero che guardavo Star Trek e non leggevo di fantascienza. E con questo? Che forse se uno guarda CSI deve per forza aver letto tutto Lucarelli o conoscere a memoria le opere di Patricia Cornwell?

Star trek - più o meno in tutte le sue "versioni" - mi è sempre piaciuto, e penso che molti lo abbiano guardato, come ho fatto io - e come faccio tutt'ora, quando mi capita - senza pretendere di trovarsi davanti ad un prodotto di chissà che qualità, e nella piena consapevolezza di non essere davanti a nient'altro che a un telefilm finalizzato a farti passare piacevolmente un po' di tempo. Elementare? Mal fatto? Forse lo era in qualche caso... e con questo?

Penso che Card abbia proprio perso un'occasione per stare zitto ... Confused
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum