Fantasy, boom a tutti i costi


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Autore Messaggio
dued
Subdirdir Subdirdir
Messaggi: 505
MessaggioInviato: Mer 03 Dic, 2008 11:41    Oggetto:   

Technomancer ha scritto:
credo che in parte questo sia dovuto al fatto che i best seller, o presunti tali, italici spesso e volentieri cavalchino la tigre della di questa o quella moda o tendenza internazionale, fantasy in primis e vampiri fighetti (non credo che quelli nostrani tarderanno) in secundis.


Certo, questo puo' essere uno dei motivi: magari arriviamo secondi o imitatori e quindi possiamo essere piu' soggetti a critiche.

Ma c'e' anche accanimento a prescindere: io non vedo, ad esempio, in linea di principio, grosse differenze fra un Paolini e una Troisi (non li ho letti, sia chiaro, parlo in termini generali per l'idea che me ne sono fatta), eppure qui da noi sono molto piu' i detrattori accaniti della seconda che del primo.
Stefanoventa
goodnightjedi goodnightjedi
Messaggi: 6361
Località: Padova
MessaggioInviato: Mer 03 Dic, 2008 12:03    Oggetto:   

dued ha scritto:


Ma c'e' anche accanimento a prescindere: io non vedo, ad esempio, in linea di principio, grosse differenze fra un Paolini e una Troisi (non li ho letti, sia chiaro, parlo in termini generali per l'idea che me ne sono fatta), eppure qui da noi sono molto piu' i detrattori accaniti della seconda che del primo.


Quoto, li ho letti entrambi e devo dire che non ci sono poi sostanziali differenze, infatti anche io non capisco tutto questo accanimento. Se voglio la LeGuin leggo la LeGuin, se voglio la Troisi leggo la Troisi... è chiaro che c'è un abisso tra i due, ma è lo stesso abisso che c'è con il novanta per cento del fantasy nostrano e non Boh!
Yoda
La frase seguente è vera.
La frase precedente è falsa.
dued
Subdirdir Subdirdir
Messaggi: 505
MessaggioInviato: Mer 03 Dic, 2008 13:19    Oggetto:   

Stefanoventa ha scritto:

Quoto, li ho letti entrambi e devo dire che non ci sono poi sostanziali differenze, infatti anche io non capisco tutto questo accanimento.



Io inveco lo capisco. Rolling Eyes Chi, io? Almeno, ho forti sospetti.

Nel mio piccolo ho anche constatato di persona questa "discriminazione" .

Ma non intendo parlarne piu' di tanto, significherebbe innescare polemiche o prendere posizioni o diventare noiosi.

Constato, via.
Technomancer
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1592
Località: the Bleed
MessaggioInviato: Mer 03 Dic, 2008 14:31    Oggetto:   

anche io li ho letti entrambi (lottando contro la palpebra che calava) e in effetti confermo che differenze non ce ne sono. A dirla tutta non ho notato nemmeno un maggiore "accanimento" di uno nei confronti dell'altro, ma non è che ci abbia fatto troppo caso.
"...e Dio disse Kung. E Kung Fu"

Attualmente in Lettura: V.M. Manfredi - I Cento Cavalieri.
Rakanius
Morlock
Messaggi: 71
MessaggioInviato: Lun 08 Dic, 2008 01:22    Oggetto:   

S* ha scritto:

Voglio dire, basta provare a leggere quelle schifezze di Stephanie Meyer e alla Troisi ti viene subito voglia di darle un nobel per la letteratura.

Dite che se aggiungo all'articolo una postilla così le fan della Troisi smettono di importunarmi, o continuano a importunarmi con l'aggiunta delle fan della Meyer?
S* Laughing


Probabilmente non passano da qui... ma se ci passano, sarà la seconda che hai detto
Wink
(Am. Vinak)
Ospite

MessaggioInviato: Lun 15 Dic, 2008 11:19    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

Certo che su internet si trovan le cose più impensate nei momenti più strani.
Bene, questa è stata una bella scoperta. Chissà se ne azzeccherò una, fatemi provare.

A) Non so cosa intendete per dire che il Fantasy è una bolla. Comunque, non è una bolla. E' un genere relativamente recente ma pur sempre radicato dagli inizi del secolo scorso, con propaggini che sfumano in generi suoi antenati o compagni fino nell'Ottocento.

B) Tolkien non si tocca. Semplicemente non si demolisce con critiche superficiali e limitate. Tolkien è un universo vivo ancora oggi, non a caso ha ancora molti epigoni, come tutti i grandi scrittori. E come tutti i grandi scrittori, molti di questi loro epigoni sono altamente scadenti e non dicono nulla di interessante. Ma ce n'è anche una percentuale da salvare tra questi. Infine, Tolkien ha fissato degli standard per gli scrittori successivi, ma ha anche semplicemente scritto un'opera letteraria ingegnosa e profonda, che va vista e analizzata all'infuori di quel che è venuto dopo. C'è chi dice che oggi giorno pochi siano alla sua altezza nel genere fantasy, forse tra tutti mi viene in mente Jordan, che però ha il vizio di essere prolisso e commercialmente seriale, ma si potrebbero fare altri nomi.
Il fantasy come lo intendiamo oggi lo ha creato Tolkien, ma l'opera di Tolkien è a tutto tondo, non si esaurisce al genere fantasy e questo è uno dei suoi punti di forza.

C) il segreto di Harry Potter è il fatto che sia un'insalata mista. A molti può apparire come fantasy, ad altri può apparire come una semplice favola per bambini divenuta ipertrofica e molto appassionante. Altri ancora vi vedranno solo un fenomeno commerciale ma ne rimarranno comunque ammirati vedendo la maestria ed il talento col quale è stato composto per il suo scopo.
Infine, potrebbe anche essere analizzato dal punto di vista morale, religioso (ed è significativo che una interpretazione cristiana è possibile come lo è allo stesso tempo una laica e iconoclasta).
Insomma, in Harry Potter convivono molti elementi in un pout pourri ammiccante che ha catturato grandi e piccini. Il fascino poi del libro che cresce insieme al suo lettore è una vera genialità per fidelizzare il lettore e riempirlo di aspettative, per lo più esaudite sebbene io preferisca la spontaneità dei primi libri ai voli pindarici dubbi degli ultimi.

D) Licia Troisi ha fatto un lavoro perlomeno onesto con le sue Cronache del Mondo Emerso. Non vedo prosopopea o orgoglio nei suoi libri, ma umiltà di aver scritto un racconto giovanile. Ben scritto, ordinato e armonioso, per questo interessante. Non è Tolkien e non è Proust, ma per un appassionato del fantasy è un'opera degna di lettura, non in ultimo per motivi campanilistici.
Se a ventun anni una ragazza è stata in grado di mettere su una saga di questo tipo, pur acerba e con tratti di stilizzazione rispetto al genere, vuol dire che può solo migliorare.
Nei libri (nei primi almeno) della Troisi c'è una leggerezza e una mancanza di pretenziosità che la giustificano e la fanno apprezzare: non c'è la pretesa di spiegare tutto con metodi alla national geographic, la magia viene descritta ma non approfondita nella sua essenza, pur rivestendo un ruolo chiave nella storia. Non esiste una mitologia estesa sottostante alla storia principale, solo qualche tocco adatto a fornire una profondità di tempo e spazio. Anche questo è un riconoscimento dei propri limiti. Molti altri scrittori si sono invece cimentati in grottesche cosmogonie cariche di incoerenza e piattezza, non capendo quanto lavoro filologico e antropologico avesse messo Tolkien nella sua, quella sì davvero degna.

Dunque cosa è fantasy e cosa è fantascienza? Ma dobbiamo per forza parteggiare per l'uno ed essere osteggianti verso l'altra. No, non vedo il motivo. Sono due generi diversi e separati in quanto ad età e componenti, eppure sono parenti e spesso si mischiano sfumando, ma questo non è un male. Chi voglia approfondire certo non pretendendo di trovare una parola definitiva in merito si trovi pure gli attempati ma sempre saggi di Gianni Pilo o Sebastiano Fusco. Sarà poi chiaro capire quanto quel che è considerato piatto fantasy è nei migliori autori molto di più.
Stefanoventa
goodnightjedi goodnightjedi
Messaggi: 6361
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 15 Dic, 2008 11:55    Oggetto:   

ahia, il topic ha colpito ancora Shocked
Yoda
La frase seguente è vera.
La frase precedente è falsa.
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Lun 15 Dic, 2008 12:05    Oggetto:   

Ciao Am Vinak, grazie del tuo intervento.

Un paio di cose:
la faccenda della "bolla" è un vecchio "joke", ma a parte lo scherzo la bolla sta già scoppiando e si vede. Il concetto di bolla è, sostanzialmente, ha un grande successo perché è di moda, e le mode passano. La moda del fantasy sta passando. Questo non vuol dire che il fantasy sparirà; vuol dire che, come è accaduto (varie volte nella sua storia) alla fantascienza, il mercato si contrarrà, i rami secchi cadranno e resterà un genere letto da appassionati.

La frase Tolkien non si tocca non mi piace per principio: tutto si deve toccare e discutere. Tolkien è chiaramente a un livello superiore a gran parte del resto del genere, ma ha anche lui le sue pecche e i suoi difetti, che vanno discussi soprattutto per evitare proprio l'effetto "mito intoccabile" che è la morte della critica e del raziocinio. Di dei da adorare ce ne sono fin troppi (dal mio punto di vista anche uno è già troppo), meglio non aggiungerne altri.

Su quello che dici riguardo a Harry Potter non sono affatto d'accordo. Harry Potter ha una sua linea e una sua coerenza molto precisi, non è affatto un pout pourri o un'insalata mista. Il discorso che fai tu potrebbe essere tranquillamente applicabile a qualunque cosa, Tolkien incluso.

Quello che dici sulla Troisi: nessuno (almeno certo non io) sostiene che sia disonesta, per carità. Nel mio articolo dicevo che poteva essere aiutata a fare qualcosa di un po' piu' sostanzioso, ma d'altra parte dopo di lei è arrivata roba molto peggiore (a partire per esempio da Eragon) e dunque forse aveva ragione Dazieri. Dopotutto le copie le ha vendute, quindi lo scopo l'ha raggiunto.

S*
(Am Vinak)
Ospite

MessaggioInviato: Mar 16 Dic, 2008 00:50    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

Che la moda del fantasy passi credo farà piacere a tutti, in primis ai veri cultori del genere, perché se ne avrà un guadagno in tranquillità e soprattutto in qualità. Gli stessi nuovi libri saranno valutati più in base all'effettivo valore che rispetto alle campagne pubblicitarie.

Non ho trovato troppo costruttivo il commento alle mie parole, ma apprezzo sicuramente la solerzia e la cortesia del signor S*
Nel particolare, è naturale che nessun genio letterario non vada criticato, ma è altrettanto vero che non si deve misconoscere il valore di un grande scrittore, secondo giudizi affermati e sedimentati nel tempo. Sarebbe come dire che Omero o Tasso siano stati dei pistola soltanto perché non sono in linea coi nostri gusti letterari più intimi.
Tolkien è il padre del fantasy moderno ma non è soltanto uno scrittore di genere, è uno scrittore che resta attuale. Che poi le sue opere più famose siano fantastiche o appaiono come tale, non gliene si può fare una colpa se non volendo dar credito allo stereotipo che la letteratura apparentemente "d'evasione" sia di serie B. Ma c'è di più, chi ci dice che il fantastico appartenga per forza alla letteratura d'evasione?

---E' giusto dire che Harry Potter abbia una sua linea coerente ed è innegabile, quello che intendevo per pout pourri non era da leggere per forza negativamente. Sicuramente però le critiche mosse ai libri della Rowling ci fanno capire quali sono i pregi, i difetti o gli ammiccamenti di libri di questo tipo, e mi pare che il signor Sosio sia stato il primo a metterli in luce sopra.
Intendiamoci, la serie di Harry Potter è complessivamente validissima, tanto più che molti lettori, me compreso, hanno deciso di leggerla in lingua originale, sia per motivi di anteprima che di godimento.

---Infine, sulla Troisi non posso che essere d'accordo con le riflessioni ultime esposte da S*, forse però è importante ricordare che le prime erano molto meno indulgenti, e questo non è giustificabile col solo dire che fino ad allora non esisteva ancora di peggio della Troisi. Voglio dire, sperando che non sembri polemico il mio intento: Prendete blockbuster del fantasy di oggi come Terry Brooks o Weiss-Hickman, autori interessanti e, che però si sono probabilmente snaturati nella qualità, man mano che hanno pubblicato libro su libro: ebbene, le cronache della Troisi sono alla fine più divertenti di uno degli ultimi libri dei Brooks o della saga di Dragonlance. Sarà poco, ma per un amante del genere è assai positivo.
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mar 16 Dic, 2008 08:58    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

(Am Vinak) ha scritto:

Nel particolare, è naturale che nessun genio letterario non vada criticato, ma è altrettanto vero che non si deve misconoscere il valore di un grande scrittore, secondo giudizi affermati e sedimentati nel tempo. ... Che poi le sue opere più famose siano fantastiche o appaiono come tale, non gliene si può fare una colpa se non volendo dar credito allo stereotipo che la letteratura apparentemente "d'evasione" sia di serie B. Ma c'è di più, chi ci dice che il fantastico appartenga per forza alla letteratura d'evasione?


Certo; non so a chi ti riferisci, non sono stato certo io a criticare Tolkien. Tanto meno nei nostri siti troverai mai qualcuno che sminuisca un autore perché scrive narrativa fantastica o che sosterrà che fantascienza e fantasy debbano avere il solo scopo di far evadere o divertire.

Citazione:
---Infine, sulla Troisi non posso che essere d'accordo con le riflessioni ultime esposte da S*, forse però è importante ricordare che le prime erano molto meno indulgenti, e questo non è giustificabile col solo dire che fino ad allora non esisteva ancora di peggio della Troisi.


È quella che viene chiamata la legge di sosio... una roba pessima in capo a qualche anno finirà per essere rivalutata, grazie soprattutto alle cose ancora peggiori che usciranno dopo.
S*
metalupo
Chtorr Chtorr
Messaggi: 321
MessaggioInviato: Mar 16 Dic, 2008 23:23    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

S* ha scritto:

È quella che viene chiamata la legge di sosio...


Eh?
Viene chiamata? Da chi??? Ma mi facci il piacere...
Laughing Laughing Laughing


Aiuto
Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni
Marco Travaglio
S*
Grande Antico Grande Antico
Messaggi: 11151
MessaggioInviato: Mar 16 Dic, 2008 23:41    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

metalupo ha scritto:
S* ha scritto:

È quella che viene chiamata la legge di sosio...


Eh?
Viene chiamata? Da chi??? Ma mi facci il piacere...
Laughing Laughing Laughing


Beh, non sono io che l'ho chiamata così, ovviamente, io la cito con un po' di ironia, ma circola da parecchi anni.

Puoi trovarla citata per esempio qui:
http://www.gaeamuir.com/ita/grog/?cat=5

e in molti altri post su questo forum.

S*
metalupo
Chtorr Chtorr
Messaggi: 321
MessaggioInviato: Mar 16 Dic, 2008 23:48    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

S* ha scritto:

e in molti altri post su questo forum.


Bè sì, l'avevo già vista qua e là... m'ha fatto sorridere l'espressione. Sembrava un tentativo malriuscito (e inconsapevole) di schernirsi modestamente.

Quantunque io... voglio anche io una legge di metalupo. E un giorno la enuncerò! Superman
Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni
Marco Travaglio
metalupo
Chtorr Chtorr
Messaggi: 321
MessaggioInviato: Gio 18 Dic, 2008 21:10    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

S* ha scritto:

È quella che viene chiamata la legge di sosio... una roba pessima in capo a qualche anno finirà per essere rivalutata, grazie soprattutto alle cose ancora peggiori che usciranno dopo.


Oggi stavo oziosamente pensando a come questa legge si presti egregiamente a fornire l'inquadramento teorico della follia collezionistica.

Vedendo su ebay certe cose assurde, vendute a prezzi assurdi che la gente colleziona e che tu hai buttato diecimila volte nella spazzatura... è veramente difficile capacitarsene. Laughing
Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni
Marco Travaglio
(shion )
Ospite

MessaggioInviato: Lun 12 Gen, 2009 19:54    Oggetto: Re: Fantasy, boom a tutti i costi   

Proprio non riesco a capire il motivo x cui certa gente si ostina a criticare e a giudicare le letture di altri. Se una persona apprezza uno stile di scrittura di un determinato scrittore, perché ci si ostina a dire "no, quello proprio non sa scrivere" oppure "Cosa c'entra il fatto che ti garbi con la qualità del testo prodotto?" e allora a chi lo ha scritto io rispondo: e che c'entra il fatto che a te non garbi con la qualità del testo del prodotto?"

buona sana lettura a tutti
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sugli articoli di Delos Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum