Edgar Allan Poe


Autore Messaggio
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20075
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 25 Ott, 2021 13:07    Oggetto: Edgar Allan Poe   

Del Nostro lessi da ragazzo più o meno tutto, credo.
Gordon Pym, racconti come piovesse, pure le poesie (lo trovai un poeta sorprendentemente valido).
Ora causa raccolta di una nuova collana mi ritrovo a ri-leggere vari racconti; credo sia il caso di aprire una discussione su di lui. Si è detto che forse nella SF non ci starebbe, seppure di fantastico scrisse parecchio. Va bon, inseriamolo nel settore più generico, e via. Intanto parlo dei primi ri-letti.

Il gatto nero. Celeberrimo racconto breve, di cui non dico nulla (ma non sarà facile non fare spoiler). Risale addirittura al 1843, ma tutta la produzione di Poe, giocoforza, è della prima metà dell'Ottocento, essendo lui morto nel '49, a soli 40 anni. Allora, bello è bello, ma risente degli anni passati. Magari 170 e rotti anni fa faceva più paura. Mi ha piuttosto impressionato di più l'omicidio della moglie..."...le affondai la scure nel cervello. Ella cadde senza vita..." una riga, due, una sostanziale indifferenza di chi racconta, l'assassino.

William Wilson (1839). Racconto molto interessante, ma da subito formulate un'ipotesi, per spiegare quanto sta accadendo e....sì...è quella giusta. Forse la psicologia al tempo era ancora primitiva, ora la soluzione per il lettore meno ingenuo è piuttosto semplice. Comunque il racconto prende lo stesso.

Il pozzo e il pendolo (1842). No, beh, fermi tutti, poco da dire, questo racconto ancora adesso è un capolavoro.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 20075
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 01 Nov, 2021 16:16    Oggetto:   

Il manoscritto trovato in una bottiglia (1833). Altro racconto breve celebre e ancora oggi bellissimo. Penso anche molto seminale, perchè trovo echi dappertutto, pure ne I pirati dei Caraibi.
La verità sulla vicenda del signor Valdemar (1845). Al netto delle basi oggi non più accettabili (il "mesmerismo"), questa sorta di ipnosi su un morente, il racconto è magnifico, superbo addirittura per come crea un'atmosfera malata e angosciante. Altro capolavoro.
Il ritratto ovale (1842). Poche paginette per un raccontino.
Il cuore rivelatore (1843). Più che il raccontino, non memorabile, spicca l'abilità tecnica di Poe, sia nel descrivere i fatti, sia nel descrivere il processo psicologico. Livello molto elevato.
il_Cimpy_Spinoso
Babbano in Incognito Babbano in Incognito
Messaggi: 15612
Località: Ovunque
MessaggioInviato: Lun 01 Nov, 2021 16:40    Oggetto:   

E comunque è tutta colpa del gatto, che andava gettato nel fiume come da tradizione, ecco.
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum