Cosa state leggendo ? perchè? cosa avete comprato ? perchè?


Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 206, 207, 208, 209, 210  Successivo
Autore Messaggio
Fedemone
Haut-Lord Haut-Lord
Messaggi: 1913
MessaggioInviato: Ven 12 Feb, 2021 14:02    Oggetto:   

Un grande classico!
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7052
MessaggioInviato: Mer 17 Feb, 2021 15:47    Oggetto:   

Ho letto L'amica geniale di Elena Ferrante, uno dei romanzi italiani recenti più apprezzati dalla critica internazionale.
Bel romanzo, descrive il cambiamento della società nella napoli del dopo guerra in modo profondo ed allo stesso tempo "innocente".
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 18 Feb, 2021 08:01    Oggetto:   

Il primo è il migliore, a mio parere.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 18 Feb, 2021 08:14    Oggetto:   

Ho letto Il medico volante, di Moliere (1645).

Un'opera brevissima, freschissima, simpatica, quasi una serie di appunti più che un lavoro compiuto, ma il talento c'è
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6118
MessaggioInviato: Lun 22 Feb, 2021 18:13    Oggetto:   

Ho letto "Ombre sul lago. I delitti del lago di Como (Vol.1)". A dispetto del titolo altisonante trattasi di libro quasi autoconclusivo.
Quasi perché la storia si esaurisce nelle pagine del romanzo ma di fatto introduce l'ennesimo repertorio fatto da "Commissaria (naturalmente divorziata ma con i problemi di madre di figlia quasi adolescente) e contorno di colleghi e superiori e pseudo spasimanti".
Intendiamoci non che il libro sia scritto male. Ma gli autori, la coppia "Cocco e Magella", si trovano a loro agio soprattutto nel decantare le indubbie bellezze dei dintorni lariani. E in questo senso fanno anche venire la voglia di percorrere quei luoghi. Per il resto la vicenda è abbastanza scontata, non è particolarmente truce e ruota intorno ad accadimenti del periodo bellico che potevano anche essere trattati con un'angolatura diversa dei personaggi. Nel complesso l'impressione è quella di un qualche cosa di scolastico e suona come un compitino cui dare un 6 di incoraggiamento ma con eventuale rimando a impegni futuri (a chi fosse interessato ci sono)
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2990
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 03 Mar, 2021 18:42    Oggetto:   

Avrei intenzione di leggere "Il complotto contro l'America" di Phiip Roth, un distopico alla "La svastica sul sole"
Nirgal
Horus Horus
Messaggi: 7052
MessaggioInviato: Sab 06 Mar, 2021 10:47    Oggetto:   

Letto Mia sorella è una serial killer di Oyinkan Braithwaite (http://www.lanavediteseo.eu/item/mia-sorella-e-una-serial-killer/)
Non ho mai trovato una protagonista così odiosa, veramente insopportabile Very Happy
Il romanzo non è male, esplora i rapporti all'interno di una famiglia nigeriana e la condizione della donna nella società, però difficile godersi un romanzo quando non sopporti la protagonista.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Lun 15 Mar, 2021 21:26    Oggetto:   

Ho letto Le preziose ridicole, di Moliere (1659).

Mah...ci sono ste due cugine che respingono i loro spasimanti, in quanto vogliono essere corteggiate come si deve (o meglio, come pensano loro sia prassi farlo) e i loro spasimanti devono essere vestiti in un certo modo, avere un certo frasario....tutte idee che si sono messe in testa, appena arrivate a Parigi dalla provincia.
I due amanti rifiutati si organizzano per fare alle fanciulle un bello scherzo, mandando loro i servi e facendoli scambiare per nobili.
Solo che...che il tutto non ha molto senso. Cioè, i due servi le adulano, sembrano i perfetti gentiluomini, poi arrivano quelli veri, li picchiano, li fanno andare via e ...e fine.

Magari Moliere prendeva in giro la moda del tempo, e si saranno fatti chissà che grasse risate, al tempo, con questa commedia. Io rimango perplesso e mi pare un'opera molto minore, che rivela sicuramente un autore abile a dipingere i personaggi, ma come dire, bella la forma, ma il contenuto? Ma magari sono io che non capisco, però, boh.
Sufficienza stiracchiata e di stima e di rispetto.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Sab 20 Mar, 2021 21:13    Oggetto:   

Ho letto Sganarello (1660) di Moliere.

L'ho trovata una magnifica commedia degli equivoci, con una parte centrale geniale, dove avrei visto perfetto Totò nella parte di Sganarello (nella "prima" la parte venne invece recitata dallo stesso Moliere)..
La trama è piuttosto ricca e molto intrecciata, da cui i fantastici equivoci, e non può essere riassunta in due righe. Finora direi di gran lunga la migliore opera che ho letto di Moliere.
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2990
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 24 Mar, 2021 16:51    Oggetto:   

Sto leggendo: "Gli spaghetti alla bolognese non esistono".
Ci sono emiliani tra noi?
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Gio 08 Apr, 2021 16:15    Oggetto:   

Ho letto La scuola dei mariti (1661) di Moliere.

L'ho trovata una commediola simpatichina, e nulla più. Interessante l'invettiva contro il il vestire dei nobili di metà Seicento. E' curioso come la trama su WikiITA sia errata. Dovrei correggerla, ne avessi la voglia.

"Due fratelli, Aristo e Sganarello sono i rispettivi tutori di due sorelle: Isabel e Leonora. Il primo lascia liberamente che la sua pupilla si diverta e rispetti poco le regole, finché un giorno si presenta con un amante e da qui nascerà una girandola di equivoci."

No, sono i rispettivi tutori di Leonora (Eleonora nella mia versione) e Isabella.
Poi, no, Eleonora non si presenta con un amante, mai.
Neanche Isabella, che al massimo verrà "salvata" da un amante dalle nozze previste con l'odiato Sganarello, ma per essere salvata sarà lei che, furba, escogiterà un tranello molto astuto.
La girandola ci sta.
Tobanis
Antinano Antinano
Messaggi: 19359
Località: Padova
MessaggioInviato: Dom 25 Apr, 2021 17:19    Oggetto:   

Volevo citare questo, da La scuola dei mariti, come già allora la moda facesse stranezze e come già allora si commentassero.
Dice Moliere, facendo parlare Sganarello, che si rivolge a suo fratello:
" Sì, sì, è vero che dovrei assoggettarmi alla moda, seguire il gusto della gente per piacere alla buona società, a quella bandadi incapaci e debosciati, di cicisbei castrati tra i quali tu, fratello mio ti senti come un re! Tu vorresti che io mi mettessi in testa quei cappelli che servono solo per dare aria ai cervelli labili, e poi indossassi quelle parrucche fluenti che celano i veri lineamenti, quei giustacuori smilzi e quei colletti lunghi fino a coprire gli ombelichi? E magari quelle maniche che a tavola intingi nelle salse, e quei calzoni a sbuffo che sembran delle gonne, grondanti pizzi e merletti, e quelle scarpine a punta col fiocco che vi rendono dei veri piccioni calzati? Vestito in questa maniera, certo, ti piacerei di più, e non mi distinguerei, sciocco fra gli sciocchi!"
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6118
MessaggioInviato: Mar 27 Apr, 2021 10:43    Oggetto:   

Terminata la raccolta di King "Quattro dopo mezzanotte". Racconti/romanzi brevi di inizi anni 90
Uno dei racconti l'ho commentato nella sezione fantascienza (vero che è presente una parte lontanamente horror, ma dato il tema del buco temporale mi è parso consono metterlo là).
Gli altri 3 racconti sono invece incentrati su entità malvage, talvolta non  immediatamente riconoscibili come tali, od oggetti "strani", che improvvisamente complicano la vita ai malcapitati che ne incrociano la strada. 
King il male lo declina a modo suo, ovviamente sotto forme strane,  inusuali e vieppiù rivolto a bearsi del dolore altrui (questa sorta di "vampiri empatici" che si nutrono della disperazione che creano, ritorna spesso). Poi nel nel suo immaginario non mancano personaggi meschini, ipocriti (non poche le stoccate al puritanesimo americano), abbietti e talvolta financo crudeli, che vieppiù prescindono dal male ma talvolta vengono coinvolti in un legame quasi simbiotico. Ma a far loro da contraltare i "buoni" (diciamo così), che non sempre sono vittime sacrificali come protagonisti adolescenti di un film horror, tutt'altro; al caso, pur nella disperazione e paura, con fatica e tenacia, alla lunga danno del filo da torcere.
Storie a parte, di King a me piace la narrazione che non si appiattisce mai sul mero tema centrale. Personalmente è uno di quegli autori che mi riconcilia col genere fantastico.
Antha
Antha Antha
Messaggi: 6118
MessaggioInviato: Mar 04 Mag, 2021 15:06    Oggetto:   

Ho letto "Il ballo delle pazze" di Vitoria Mas.
Ambientato a Parigi nel 1885 e in particolare nel reparto femminile dell'ospedale Salpetrière.
Mura già note in passato come manicomi - con tutti i connotati e relativi abusi che nel 1600, secolo di costruzione, e gran parte del 1700, poteva portare tale parola - e marginalmente assurto sul finire del diciottesimo secolo, a più edulcorata clinica psichiatrica. 
Il romanzo abbozza ritratti di donne non più in catene, ma in diverse occasioni ospiti per mero volere di parenti stretti (vieppiù padri, come accade ad alcune protagoniste), o circostanze della vita che hanno comunque visto uomini impreparati o non intenzionati a confrontarsi con qualsivoglia spirito libero femminile.
Interessante e a tratti crudo, ma con un'eccessiva sfumatura medianica che a mio avvisto ne svilisce i concetti di base. 
Rdaneelolivaw
James T.Kirk James T.Kirk
Messaggi: 2990
Località: Novara
MessaggioInviato: Mer 05 Mag, 2021 09:26    Oggetto:   

Ho iniziato "La giostra dei criceti" di Manzini
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Altri libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 206, 207, 208, 209, 210  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum