Continuum: obiettivo connettivismo


Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Gio 11 Ott, 2007 04:56    Oggetto: Continuum: obiettivo connettivismo   

Continuum: obiettivo connettivismo

Leggi l'articolo.
Negadrive
Agguantatore a strisce
Messaggi: 22
MessaggioInviato: Gio 11 Ott, 2007 04:57    Oggetto: Continuum: obiettivo connettivismo   

La prima volta che ho sentito parlare di connettivismo, è stato leggendo un romanzo di Van Vogt, "Crociera nell'infinito" (il cui primo "episodio" è stato scritto quasi 70 anni fa, nel '39). Ma lì il significato era diverso. Cito una recensione:

"il vero colpo di genio è la cosiddetta teoria connettivista, che di fatto precorre di molto la nota teoria dei sistemi di Von Bertanlaffy. La peculiarità della materia di cui Grosvenor è esperto è infatti di saper mettere in relazione tutti i campi dello scibile umano per trovare un approccio razionale ai problemi. Il connettivismo permette quindi di trattare schematicamente il caso ed ovviare alla perdita di visione d'insieme che la specializzazione comporta. Ed il metodo è efficiente, sia che si tratti di affrontare forme di vita aliene come Coeurl, l'enorme felino predatore, o Anabis, il fantasma dello spazio, impossibile da catturare. L'anonimo tecnico connettivista ha sempre l'approccio corretto a portata di mano, evita l'uso della forza letale e riesce a risolvere caso su caso, guadagnandosi pian piano la stima di tutto l'equipaggio."
http://www.merraigan.it/crocieranellinfinito.htm
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum