Io sono leggenda, il vero finale


Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo
Autore Messaggio
Corriere della Fantascienza
Redazione
Messaggi: 6396
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 00:22    Oggetto: Io sono leggenda, il vero finale   

Io sono leggenda, il vero finale

Ecco come finiva il film prima che il finale venisse rigirato. E così la pellicola riacquista il senso che aveva perduto

Leggi l'articolo.
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 00:22    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

Effettivamente è molto più bello questo finale e, in effetti, è molto più fedele al libro. Sono sicuro che già dalla seconda edizione del DVD avremo una Director's Cut con questa scena invece dell'altra. Chissà perchè i produttori ci ricascano sempre...
(Lee Kelso)
Ospite

MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 02:39    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

Concordo anche io che questo era il finale giusto da dare al film... Pur non essendo totalmente d'accordo sulla recensione del finale originale, anche io vi avevo trovato i clichè classici di un certo cinema americano... il che alla fine mi stava anche bene... ma questo finale è decisamente migliore. Il finale del libro sarebbe forse stato più epico, ma il mostrare gli "zombies-vampiri" dotati di organizzazione, struttura sociale e soprattutto di sentimenti (come si vede in questo finale) sarebbe stata la mia scelta, senza dubbio.
Purtroppo l'ingerenza dei produttori spesso e volentieri danneggia (a volte minimamente, altre pesantemente) il lavoro di registi e sceneggiatori...
Spero in una edizione speciale del dvd con la possibilità di scegliersi il finale.
.
Trimurti Trimurti
Messaggi: 5667
Località: Elsewhere
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 05:59    Oggetto:   

Questo era il finale giusto.
Comprendo la paura dei produttori nell'applicarlo, e non ho dubbi che quanto hanno fatto col finale happy-ending commercialmente parlando sia sensato.

Peccato però che con con la loro mancanza di coraggio abbiano impedito a Io sono Leggenda , che resta comunque ottimo film, di poter diventare un capolavoro del genere.
visita il mio blog "Tele Visioni", pensieri anticatodici conditi di tutti i link alle mie recensioni per Fantascienza.com.

http://www.fantascienza.com/blog/puntorossi/
EliosPeppe
Ghem-Lord Ghem-Lord
Messaggi: 1643
Località: Pianeta Ba'ku (Torino)
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 09:12    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

(Riccardo Peruzzini) ha scritto:
Chissà perchè i produttori ci ricascano sempre...


hai pagato al cinema!
e ora che sai che c'è il nuovo finale, comprerai anche il director's cut! Wink
7€+7€=14€ Laughing
Klaatu, Barada, Nikto!
unovirgolavuntunogigowatt!!?
EvolCrea
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 10:12    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

Anche questo finale è un'happy ending alla Hollywood. Non hanno avuto il coraggio di dare il finale del libro: cupo, drammatico e veramente innovativo.
Il titolo è tradito in ogni caso.
Neville doveva morire, la cura non deve esserci, perchè è lui il mostro. La vera speranza, del romanzo originale, è data dal fatto che una nuova generazione si sta organizzando e vede Nevile come il mostro da abbattere e che rappresenta un mito che è ormai in estinzione.
Peccato, un'ottima occasione sprecata.
Sono rimasto deluso una seconda volta.
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 11:43    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

Una lacrima mi stà scendendo sul viso! Ringrazio chi ha messo il video in rete, già avevo decretato il film come uno dei migliori mai visti, ma con questo finale diventa il più bello. Ciao.
Obi-Fran Kenobi
Agguantatore a strisce
Messaggi: 12
Località: Prato
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 12:39    Oggetto: Re: Io sono leggenda, il vero finale   

Finale certamente migliore dell\'originale, ma non basta a compensare l\'offensivo obbrobrio del resto del film.
Otrebla
Amante Galattico Amante Galattico
Messaggi: 19573
Località: Nordica
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 14:38    Oggetto:   

Intanto resto dell'idea che il confronto va fatto principalmente con il film con Charlton Heston e non con il libro. Non dico che sia giusto, ma resta il fatto che la strada preso dalla sceneggiatura fin dal principio sia stata quella di scostarsi dal concetto che stava dietro al romanzo.

A voler essere volutamente molto critici e a voler cercare per forza di interpretare tutto, la sceneggiatura (e il finale cinematografico) sono figli degli USA di adesso. Mentre il Neville/Heston cercava solo di sopravvivere e mieteva la sua vendetta nei confronti degli altri (pur consapevole della loro "pseudo-societa"), il Neville/Smith vive con il solo scopo ossessivo di redimere chi è uscito dalla società stessa. Il finale sembra solo il classico "muoia Sansone e tutti i filistei".

Il finale alternativo (migliore senza dubbio) invece implica riconoscimento e compromesso della fazione opposta, implica evoluzione (anche se non necessariamente miglioramento) e potenziale coesistenza. Difficile pensare che un concetto del genere venga distribuito a cuor leggero all'"americano doc".
"I buoni sono quelli che decidono chi sono i cattivi - Lucy Van Pelt"
Alia in nero
Reverenda Madre Reverenda Madre
Messaggi: 4119
Località: Zoo di Tralfamadore
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 19:05    Oggetto:   

sono completamente d'accordo con il blabla
Ipsa dixit!Dio mi conceda la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quelle che posso e la saggezza di comprendere sempre la differenza
Palomino
Horus Horus
Messaggi: 16806
Località: Virtualmente tra monti e mare
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 22:01    Oggetto:   

Otrebla ha scritto:
Intanto resto dell'idea che il confronto va fatto principalmente con il film con Charlton Heston e non con il libro. Non dico che sia giusto, ma resta il fatto che la strada preso dalla sceneggiatura fin dal principio sia stata quella di scostarsi dal concetto che stava dietro al romanzo.

A voler essere volutamente molto critici e a voler cercare per forza di interpretare tutto, la sceneggiatura (e il finale cinematografico) sono figli degli USA di adesso. Mentre il Neville/Heston cercava solo di sopravvivere e mieteva la sua vendetta nei confronti degli altri (pur consapevole della loro "pseudo-societa"), il Neville/Smith vive con il solo scopo ossessivo di redimere chi è uscito dalla società stessa. Il finale sembra solo il classico "muoia Sansone e tutti i filistei".

Il finale alternativo (migliore senza dubbio) invece implica riconoscimento e compromesso della fazione opposta, implica evoluzione (anche se non necessariamente miglioramento) e potenziale coesistenza. Difficile pensare che un concetto del genere venga distribuito a cuor leggero all'"americano doc".

Bella analisi: sottoscrivo.
Palomino.
"But now the rains weep o'er his hall,
With no one there to hear.
Yes now the rains weep o'er his hall,
And not a soul to hear"
The Rains Of Castamere
l'Anto
del Consiglio dei Grigi del Consiglio dei Grigi
Messaggi: 14983
Località: tra i fiumi
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 22:19    Oggetto:   

anch'io.
TANSTAAFL
l'Anto
del Consiglio dei Grigi del Consiglio dei Grigi
Messaggi: 14983
Località: tra i fiumi
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 22:21    Oggetto:   

Ah,però...

Otrebla ha scritto:
Difficile pensare che un concetto del genere venga distribuito a cuor leggero all'"americano doc".



secondo me nemmeno all'italiano doc.
TANSTAAFL
Adm.Adama
L'Ammiraglia L'Ammiraglia
Messaggi: 7359
Località: Milano
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 22:27    Oggetto:   

A me sembra che anche il titolo del film perda di consistenza con quest(i) finale simil-buonisti (almeno in confronto al libro).
Sarà che adoro Matheson ma continuo a non capire perché non essere coerenti col libro, nessuno gli ha ordinato di prendere "spunto" da un libro che è (concedetemelo) un'icona della fantascienza.
Io aspetto ancora una bella trasposizione cinematografica.
l'Anto
del Consiglio dei Grigi del Consiglio dei Grigi
Messaggi: 14983
Località: tra i fiumi
MessaggioInviato: Lun 10 Mar, 2008 22:39    Oggetto:   

Adm.Adama ha scritto:
nessuno gli ha ordinato di prendere "spunto" da un libro che è (concedetemelo) un'icona della fantascienza.
.


una volta scrivevano "liberamente tratto da..". Sarà semplicemente che proponendolo come tratto da un libro famoso è più facile venderlo (ma anche no)?
O ci sono altri motivi? anzi, dico io, la massa evita come la peste la parola fantascienza.
TANSTAAFL
Mostra prima i messaggi di:   
   Torna a Indice principale :: Torna a Commenti sulle notizie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4  Successivo

Vai a:  
Non puoi inserire nuove discussioni in questo forum
Non puoi rispondere alle discussioni in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum